perché le piante sono verdi?

vi siete mai chiesti perché le piante sono verdi? La risposta sta in un processo vecchio di milioni di anni che continua ancora oggi e che permette alle piante di sopravvivere e prosperare.

Elementi che rendono verdi le piante

Avrete sicuramente sentito parlare di fotosintesi e di clorofilla, quest'ultima anche se solo come ingrediente di gomme da masticare e dentifrici J. Le clorofille sono minuscoli pigmenti fotosintetici (in grado di assorbire la luce e prepararla per la fotosintesi), situati nei cloroplasti, da dove assorbono la luce. I cloroplasti sono organelli di forma ovale, al cui interno è contenuta la clorofilla, grazie alla quale può avvenire la fotosintesi.

Palma Kentia
69,00 € 62,10 €
Tropicale e purificatrice
Acquista
Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista
Pachira
64,00 € 57,60 €
Purifricatrice e Resistente
Acquista

Fotosintesi

La fotosintesi è un processo chimico che trasforma la materia inorganica in materia organica utilizzando l'energia della luce solare. Questo processo si svolge come segue: le piante assorbono l'acqua attraverso le radici e la trasportano alle foglie attraverso il fusto. D'altra parte, assorbono l'anidride carbonica attraverso i pori delle foglie, chiamati stomi. Si innesca così una reazione chimica che, grazie all'energia della luce solare, trasforma l'acqua e l'anidride carbonica in glucosio e ossigeno, permettendo alle piante di crescere e di procurarsi il cibo.

Quindi, quando arriva l'autunno e le piante hanno un aspetto diverso, è perché hanno perso la clorofilla? niente affatto! Queste minuscole particelle sono semplicemente nascoste sotto altri pigmenti, ed è per questo che, in alcuni periodi dell'anno con meno ore di luce solare, il paesaggio si tinge di toni rossastri e giallastri.

Sappiamo già che è la clorofilla a dare il colore verde alle piante. Ora, la domanda logica è: perché la clorofilla ha questo colore?

Clorofilla

Possiamo dire che la clorofilla è il colorante naturale che rende verdi le piante. È presente in molti elementi degli organismi vegetali e, pur conferendo loro la tonalità verde, non è questo il suo scopo principale.

Cerchiamo una similitudine per capire meglio: ad esempio, gli orsi polari. Questi animali hanno un magnifico manto di pelliccia bianca sulla pelle. Non è solo per motivi estetici o per mostrare la loro pelliccia fresca nell'Artico. Grazie a questo colore, sono in grado di mimetizzarsi nella neve e di cacciare le loro prede. Pertanto, il loro colore non è un fine in sé, ma un mezzo per raggiungere un fine, che in questo caso è l'ottenimento del cibo. Nel caso delle piante, il discorso è simile: lo scopo della clorofilla non è quello di colorarle di verde per farle apparire belle, ma di catturare meglio la luce attraverso questo colore in modo che possano fotosintetizzare e quindi ottenere cibo.

Perché la clorofilla è verde e come questo colore aiuta la fotosintesi delle piante

In questo caso, si tratta di una questione di energia. La luce è costituita da minuscole particelle di energia chiamate fotoni. L'energia di un fotone è determinata dalla frequenza della luce: maggiore è la frequenza, maggiore è l'energia. La frequenza della luce blu è più alta di quella della luce rossa, quindi i fotoni blu avranno più energia di quelli rossi.

La luce solare è molto ricca di fotoni di luce rossa e in misura molto minore di fotoni di luce blu. La clorofilla cerca di catturare sia le parti dello spettro più abbondanti sia quelle a più alta energia, quindi utilizza uno spettro di luce intermedio: il verde. In questo modo cercano di ottimizzare l'assorbimento delle forme di luce del sole.

perché le piante acquatiche verdi hanno conquistato la terra?

Infine, ci basta sapere come il mondo vegetale sia riuscito a regnare sulla superficie terrestre. Semplice. Come ha dimostrato Darwin: evoluzione e adattamento! La vita vegetale ha avuto origine nel mare, da dove, nel corso dei secoli, è emersa e ha conquistato la superficie terrestre attraverso un lungo e lento processo di adattamento.

Sotto il mare c'era una moltitudine di organismi fotosintetici la cui pigmentazione era diversa da quella delle altre specie perché erano in grado di catturare meglio le gamme di luce che penetravano nell'acqua. La differenza di tonalità è stata influenzata da fattori quali il grado di filtrazione della luce dall'atmosfera o dall'acqua, o le diverse profondità raggiunte dall'acqua. Il loro maggiore o minore impatto sulle specie subacquee ha causato le differenze di colore tra di esse.

Ma perché sono state le alghe verdi e non quelle gialle, rosse o blu a conquistare la superficie? Semplicemente perché le alghe verdi erano le più adatte a ricevere e catturare la luce che le colpiva.

Così, una volta stabilitisi sulla terraferma, gli organismi fotosintetici con pigmentazione verde erano perfettamente preparati per ottenere la massima energia possibile. In questo modo hanno potuto svilupparsi, espandersi e prevalere su tutte le altre forme di pigmentazione, incapaci di adattarsi alla vita fuori dal mare e costrette a rimanere sott'acqua.

In breve: sappiamo già che le piante che ci circondano hanno il caratteristico colore verde perché permette loro di assorbire meglio la luce per la fotosintesi.

riuscite a immaginare quale sarebbe il tono della loro "pelle" se avessero un sistema di alimentazione diverso o se la luce del sole avesse una frequenza diversa? sicuramente avrebbero colori diversi e ora ci chiederemmo perché le piante sono rosa o blu invece che verdi!
Condividilo con tutti!
Informazioni sull'autore
Yvonne Briones

C'è qualcosa che le piante e la creazione di contenuti hanno in comune: la geometria naturale. Amo creare contenuti visivi e gestire le campagne Be.Green.

5€ di Sconto

sul tuo primo acquisto
Iscriviti e unisciti al Club!

#LoveBeGreen


Accetto le condizioni d'uso e l' informativa sulla privacy..