Tipi di substrato per ogni tipo di pianta

Il segreto per mantenere la tua pianta felice e contenta è darle solo ciò di cui ha bisogno: acqua, luce e un buon substrato. Il substrato è di vitale importanza per la crescita della tua pianta, poiché sarà la sua fonte di nutrimento, tra le altre cose, e deve rispondere al tipo di pianta. Ogni specie ha esigenze diverse e il substrato deve essere scelto di conseguenza. Non preoccuparti, questa sarà una guida di riferimento rapida per scegliere il substrato giusto per ogni tipo di pianta. 

L'importanza di scegliere un buon substrato

Bisogna essere molto esigenti con il substrato, poiché deve rispettare una serie di caratteristiche: deve essere in grado di fornire un terreno solido per sostenere la pianta, nonché fornire nutrienti ed essere il veicolo che trattenga abbastanza acqua necessaria per la crescita e l'alimentazione; tutto questo senza interrompere la circolazione dell'aria e con la consistenza ideale per permettere alle radici di svilupparsi. 

La prima cosa da sapere è che non esiste un solo tipo di substrato. Questo può essere formato da una miscela di vari materiali che permettono di creare un ambiente perfetto per sostenere un certo tipo di pianta, perché ciò che si cerca è ricreare le condizioni della pianta in natura, anche ottimizzandole per compensare altri fattori che possono influenzare lo sviluppo della pianta. 

Per esempio, il terreno naturale può avere il 3% di materia organica, mentre un vaso può avere una concentrazione fino al 70%. Un vaso ha anche un substrato più poroso e aerato rispetto alla terra, il che è molto positivo per la pianta perché le permette di espandere le sue radici a suo piacimento. 

Tipi di substrato per ogni tipo di pianta

Puoi preparare il tuo substrato comprando vari componenti e creando una miscela speciale, ma è anche possibile trovare substrati premiscelati e confezionati che ti renderanno la vita più facile. Se vai alla sezione Accessori di Be.Green troverai alcuni substrati per la tua pianta, tra cui il substrato multiuso o universale. Contiene una miscela equilibrata di torba, perlite, fibra di cocco, compost e concime. Questo mix va molto bene per la maggior parte delle piante d'appartamento, ma se vuoi qualcosa di più mirato, puoi provare substrati specifici, a seconda del tipo di pianta. 

Substrato per piante acide o acidofile

Le piante acidofile sono quelle che richiedono un substrato più acido, con un pH tra 4 e 6. Di solito sono originarie dell'Asia e preferiscono climi con stagioni differenziate. Se non hanno un substrato acido, le piante cominciano a soffrire di clorosi, il cui primo sintomo sono le foglie gialle. Alcune piante acide sono ortensie, camelie, rododendri e ciclamini. Un mix di substrato per queste può contenere un 50% di muschio di torba, un 30% di perlite e un 20% di pacciame. 

Substrato per piante verdi da interno

In questo gruppo ci sono le piante verdi, con grandi foglie e che di solito hanno un'origine tropicale. Per questo tipo di pianta una miscela equilibrata di azoto, potassio e fosforo. Poiché richiedono un'umidità più o meno alta, dovrebbero idealmente contenere il 60% di torba, vermiculite e un po' di perlite per facilitare il drenaggio. Un substrato universale è perfetto per questo tipo di piante. 

Substrato per piante da fiore 

C'è chi vende un substrato specifico per le piante da fiore, ma ho notato che non tutte le piante da fiore hanno le stesse esigenze. Per esempio, le azalee sono acidofile, mentre le viole non lo sono; quindi la mia scelta per questo tipo di piante è di integrare il substrato specifico per il suo tipo con un fertilizzante organico come il guano, che stimolerà e nutrirà il ciclo di fioritura. 

Substrato per piante grasse (cactus e succulente) 

Sebbene per molte piante vada benissimo un substrato universale, nel caso delle piante grasse è meglio optare direttamente per un substrato speciale. Questo perché hanno bisogno di una miscela che faciliti ancora di più il drenaggio, evitando così problemi di eccesso di umidità che può far marcire le radici. Alcuni raccomandano una miscela di vermiculite, torba nera e perlite; altri mettono un'alta concentrazione di sabbia nella miscela. 

Substrato per Orchidee 

Le orchidee sono di solito piante aeree, che vivono sospese agli alberi e ad altre piante, quindi non richiedono un substrato denso e pesante; è preferibile cercare substrati leggeri e molto porosi, che facilitino il drenaggio dell'acqua perché il suo eccesso può ucciderle. 

Substrato per Bonsai

I bonsai sono piante molto singolari, che richiedono una composizione particolare del substrato: molto ricco di nutrienti ma con un'incredibile capacità di drenaggio. Dovrebbe anche essere molto basso in azoto e alto in fosforo e potassio perché questo permette al tronco di allargarsi e non di allungarsi tanto. L'ideale sarebbe mescolare akadama e kiryuzuna, aggiungendo kanuma se è una pianta acidofila. 

È molto importante conoscere il tipo di pianta che stai adottando per far parte della tua casa, perché questo ti permetterà di prendere le giuste decisioni riguardo al substrato, all'illuminazione e ad altri fattori che le daranno qualità di vita. È proprio per questo che Be.Green ti consegna una scheda con il riassunto di tutte queste caratteristiche e puoi sempre consultarle sul nostro sito web. Vogliamo rendere la cura delle tue piante il più facile e piacevole possibile.

Condividilo con tutti!
Informazioni sull'autore
Ame Rodríguez

Dedicato alla creazione di un esercito di cactus, piante grasse, barboncini e gatti per aiutarmi a conquistare il mondo. In quel poco tempo libero che ho suono, scrivo e ballo.

Ricevi la tua pianta a domicilio 🕊

5€ di Sconto

sul tuo primo acquisto
Iscriviti e unisciti al Club!

#LoveBeGreen


Accetto le condizioni d'uso e l' informativa sulla privacy..