A che ora è meglio innaffiare le piante?

A che ora del giorno è meglio innaffiare le piante?

Saluta la giornata innaffiando le tue piante

Il momento migliore per innaffiare le piante sarà sempre all'alba o la mattina presto. Prima di tutto perché con l'alba inizia l'attività metabolica della pianta, quindi è il momento perfetto per offrirle idratazione, vitamine e sostanze nutritive. Inoltre, risparmierai acqua, perché il sole non la farà evaporare così rapidamente e le tue piante potranno utilizzare tutta l'acqua di cui hanno bisogno. 

Alcuni dicono che l'innaffiatura a fine giornata fa bene alle piante, ma la verità è che è sconsigliata perché, anche se l'evaporazione dell'acqua è minima, alla fine del pomeriggio le piante si preparano ad abbassare la loro attività metabolica e a riposare, poiché durante la notte non c'è il sole per effettuare la fotosintesi. Inoltre, la temperatura di solito si abbassa di notte, quindi il terreno rimarrà troppo umido per troppo tempo, il che potrebbe far marcire le radici e favorire la crescita di funghi. Per questo motivo, se hai delle succulente, non dovresti MAI annaffiarle di notte, perché è più probabile che le radici delle piante soffrano e marciscano. 

[SKU: BG40092]

Evita di innaffiare a metà giornata. In quel momento il sole è più alto e farà evaporare l'acqua così velocemente che la tua pianta non avrà il tempo di approfittarne. Inoltre, la temperatura fredda dell'acqua si scontra con l'alta temperatura della pianta e può causare alterazioni. Per di più le gocce possono fungere da lente d'ingrandimento, aumentando la luce solare e causando ustioni sulle foglie. 

Consigli per l'irrigazione

  • Il materiale dei vasi può influire sulla frequenza di irrigazione. I vasi di plastica evaporano più velocemente di quelli di argilla, quindi richiedono un po' più di attenzione.
  • Se disponi dei piatti per trattenere l'acqua in eccesso dell'innaffiatura, ricordati di svuotarli un po' dopo aver innaffiato e di metterci dei sassolini o della ghiaia. In questo modo si eviterà che l'acqua stagnante possa inzuppare troppo a lungo le radici, causandone la morte.
  • Verifica sempre l'umidità con un bastoncino di legno che raggiunga il fondo del vaso prima di innaffiare. Ricorda che la superficie del substrato è la prima ad asciugarsi.
  • Se il substrato è troppo secco, è meglio annaffiarlo poco a poco, dando qualche minuto tra un'annaffiatura e l'altra, per idratare l'intera zolla radicale o si può immergere la pianta in un secchio d'acqua fino a quando non si imbeve totalmente. 
  • Solo perché sei in estate non significa che devi innaffiare di più. Gli eccessi causano solo ristagni d'acqua, marciume e funghi. È meglio innaffiare più spesso.
  • Niente di meglio dell'acqua piovana per innaffiare, ma se non ne hai, puoi usare l'acqua del rubinetto lasciata riposare per un paio di giorni per far evaporare il cloro aggiunto.
  • Innaffiare sempre fino a quando non si vede che l'acqua comincia a uscire dai fori di drenaggio. 
Condividilo con tutti!
Informazioni sull'autore
Ame Rodríguez

Dedicato alla creazione di un esercito di cactus, piante grasse, barboncini e gatti per aiutarmi a conquistare il mondo. In quel poco tempo libero che ho suono, scrivo e ballo.

Ricevi la tua pianta a domicilio 🕊

5€ di Sconto

sul tuo primo acquisto
Iscriviti e unisciti al Club!

#LoveBeGreen


Accetto le condizioni d'uso e l' informativa sulla privacy..