Guida alla cura della felce culantrillo

L'Adiantum Capillus-veneris, o felce di Culantrillo, è una di quelle bellissime piante dall'aspetto così delicato e perfetto da far venire voglia di averla in casa. Ma come felce buona, può avere un po' di cattiva reputazione. Ma non credete alle dicerie, non sono piante difficili ma incomprese. Con questa guida alla cura della felce Culantrillo, avrete tutto il necessario per farla crescere rigogliosa, radiosa e felice. Farete la figura dell'incantatore di piante davanti al resto del mondo, questa guida sarà il nostro segreto.

Palma Areca
44,00 € 39,60 €
Tropicale e resistente
Acquista
Spediamo piante in qualsiasi zona, puoi vedere tutte le opzioni qui

Informazioni sulla felce di Culantrillo

  • È così popolare che ha molti nomi comuni: capello di Venere, culantrillo de pozo, capello di Venere, ragnetto e molti altri.
  • Non solo è bello ed elegante, ma è anche un potente purificatore che rimuove le particelle tossiche dall'aria e migliora i livelli di umidità.
  • È originaria delle regioni tropicali piovose, dove cresce spesso lungo i corsi d'acqua e i fiumi. Così avrete un'idea dei livelli di umidità che richiede.
  • Il suo fogliame delicato e splendidamente verde è completamente sicuro per gli animali domestici. Anche se non sarete contenti che il vostro amico peloso mastichi le foglie, almeno potrete essere sicuri che non avrà conseguenze sulla sua salute.
  • La felce di Culantrillo può misurare tra i 20 e i 40 cm in altezza e larghezza. È una pianta piuttosto corta ma frondosa, quindi è perfetta per i luoghi in cui si desidera una pianta con volume, ma che non cresca in modo smisurato.
    indefinito

Cura della felce di Culantrillo

Luce e temperatura

La delicata felce culantrillo preferisce la penombra, anche se ama il sole del mattino e della sera. È importante non esporre la pianta alla luce diretta del sole, per non bruciare le foglie. Potete lasciarlo vicino a una finestra con una tenda o protetto da altre piante. Ruotare il vaso di tanto in tanto, in modo che cresca in modo equilibrato.

Preferisce temperature costanti tra i 18 e i 25°C, anche se può resistere a temperature di -5°C, ma è molto sensibile alle correnti d'aria fredda.

In breve: semi-ombra, sole indiretto al mattino e temperatura da calda a fresca. In inverno è meglio tenerla in casa, ma se la tenete all'aperto, proteggete la zolla dal gelo con della pacciamatura.

Irrigazione e umidità

È qui che risiede il successo della vostra Felce di Culantrillo. È meno complicato di quanto sembri. Ricordate che tende a crescere lungo le rive di fiumi e torrenti, quindi dovete aver concluso che ha un elevato fabbisogno di umidità. Il problema è che molte persone confondono l'umidità con l'irrigazione, ma voi non farete questo errore.

Il substrato della felce deve sempre avere un certo livello di umidità. Quando si inserisce il dito nel substrato, si dovrebbe sentire che si attacca al dito e che è morbido e sciolto. Se il substrato sembra molliccio, con una consistenza simile al fango e il dito esce completamente sporco, si sta esagerando con l'irrigazione. Se invece il substrato è asciutto e sabbioso e il dito esce completamente pulito, significa che si è in immersione. Non lasciate mai che il substrato si asciughi tra un'annaffiatura e l'altra, perché la felce morirà. Un altro dettaglio a cui prestare attenzione sono le foglie. Se li vedete contorti, arricciati verso l'interno, significa che manca l'acqua. Evitate di annaffiare quando c'è il sole, perché potrebbe bruciare le foglie.

Per quanto riguarda l'umidità, si possono usare alcuni trucchi per mantenerla alta. La cosa più semplice è raggrupparla con altre piante che richiedono una certa umidità, come le sue compagne del trio Purificatore. Si può anche mettere su un piattino con dei sassolini e dell'acqua. Il liquido evapora, mantiene l'umidità e non intacca le radici. Un'altra opzione è quella di posizionarlo in luoghi come la cucina e il bagno, dove otterrà i livelli di umidità necessari.

Tenetela lontana dai termosifoni in inverno e dalle correnti d'aria dell'aria condizionata in estate: così come questi apparecchi possono rovinare la vostra pelle, rubano l'umidità alla vostra piccola felce. Non dimenticate di spruzzarlo un paio di volte alla settimana. Vi ringrazierà diventando ancora più verde e radiosa.

Prestare attenzione alle foglie. Se si piegano su se stessi, stanno ricevendo correnti di gelo. Quando i bordi si seccano, si afflosciano o sembrano raggrinziti, è per mancanza di umidità, quindi spruzzate un po' d'acqua. Un trucco per garantire una buona idratazione è quello di annaffiare per capillarità, cioè dal basso. Immergere la pentola in una vasca o in un contenitore d'acqua. Lasciate in ammollo per un po' e poi lasciate scolare liberamente l'eccesso. Il risultato vi sorprenderà.

Substrato e potatura

La felce culantrillo vive e cresce al meglio in un substrato neutro o calcareo, ma mai acido. È possibile utilizzare una miscela di substrato universale con un po' di torba e sabbia di fiume per migliorare la ritenzione dell'umidità. Per quanto riguarda la concimazione, si può concimare tra aprile e settembre con un fertilizzante bilanciato diluito ogni 10 giorni. Può essere rinvasata ogni due anni, poiché è una pianta a crescita lenta.

la felce culantrillo non richiede potature frequenti o annuali, ma è bene eliminare le fronde secche e brutte. Se vedete che i fusti si stanno seccando e hanno un aspetto brutto, pieno di rami con poche foglie, tagliateli e annaffiate due volte al giorno. Questo stimolerà la crescita di nuove foglie in breve tempo.

Condividilo con tutti!
Informazioni sull'autore
Ame Rodríguez

Dedicato alla creazione di un esercito di cactus, piante grasse, barboncini e gatti per aiutarmi a conquistare il mondo. In quel poco tempo libero che ho suono, scrivo e ballo.

5€ di Sconto

sul tuo primo acquisto
Iscriviti e unisciti al Club!

#LoveBeGreen


Accetto le condizioni d'uso e l' informativa sulla privacy..