Muffa nella terra delle piante, impara a identificarla

Ami le tue piante, te ne prendi cura con dedizione. Tutto sta andando perfettamente bene finché un giorno non ti accorgi che c’è una specie di peluria bianca sul substrato di una pianta. Sembra qualcosa di piccolo, quasi trascurabile e 24 ore dopo noti che la tua pianta è completamente ricoperta da quella stessa sostanza biancastra. Prima di correre a prendere una bottiglia di candeggina, aceto e una spazzola, oggi ti spiegheremo tutto sulla muffa nella terra delle piante. Impara a identificarla, a capire come e perché esce, se è pericolosa per le tue piante e come dovresti agire. 

Cos’è la muffa?

“Muffa” è un termine molto generico che applichiamo a diversi tipi di funghi che vivono nella materia organica composta da vari organismi microscopici. Cresce in luoghi con elevata umidità e prospera su superfici diverse. Aiuta a scomporre la materia morta e a riciclare i nutrienti. I tipi più comuni di muffe nell’ambiente sono Cladosporium, Penicillium e Aspergillus. Si riproducono attraverso le spore, che viaggiano nell’aria, nell’acqua e persino negli insetti e quando raggiungono un luogo con le giuste condizioni iniziano a moltiplicarsi.

Come puoi vedere, non tutte le muffe sono uguali. Ci sono alcuni che causano problemi respiratori e allergie nelle persone sensibili, ma altri possono avere effetti positivi per le tue piante. L’importante è imparare a identificarli per sapere come dovresti agire.

La muffa è pericolosa per le piante? 

L’essere umano tende istintivamente a scappare dalla muffa, perché la nostra esperienza con essa è legata a conseguenze negative: allergie, problemi respiratori e danni alle superfici sono solo alcuni dei suoi effetti. Ma quando si tratta di piante, il risultato può essere completamente diverso. Ci sono funghi favorevoli per la crescita delle piante. 

La muffa può essere di tipo saprofita, cioè consuma materia organica in decomposizione. Come risultato di questo processo, la muffa scompone questo materiale in minerali più semplici che sono di grande valore per il suolo. Quando diventa compost, stai essenzialmente invitando muffe e batteri saprofiti a divorare quei rifiuti. Ad esempio, la specie Trichoderma sp contribuisce allo sviluppo della pianta, mentre il Penicillium o Aspergillus sono responsabili della scomposizione della materia organica presente nel substrato, liberando così vari nutrienti minerali che possono essere assorbiti dalle piante. 

In luoghi come i boschi, la presenza di questa muffa è importante, in quanto decompone la materia organica, oltre a riciclare i minerali per mantenere il bosco in perfetto equilibrio, anche perché può contrastare l’azione e la crescita di organismi nocivi. Ma non tutto è roseo, perché anche la muffa può diventare un problema. 

In alcuni casi, la muffa sul substrato ha un aspetto piuttosto sgradevole e può anche produrre odori sgradevoli; mentre in altri casi estremi si possono produrre lieviti. Gli effetti non sono troppo dannosi, ma può essere l’indicatore che ti invita a prestare attenzione a determinate condizioni delle tue piante. 

Perché la muffa si sviluppa sul substrato? 

Le piante d’interno sono quelle che di solito cadono vittime di questo piccolo invasore. Ma, affinché ciò avvenga, devono essere soddisfatte determinate condizioni che portano alla sua apparizione perché, sebbene sia un fenomeno abbastanza naturale, non è visibile in tutte le piante da interno. Proprio per questo abbiamo accennato al fatto che la muffa, più che un problema, può fungere da allarme, avvisandoci di determinate situazioni che potrebbero essere dannose per le piante. Queste possono essere: 

- La pianta non riceve una ventilazione sufficiente

Le spore della muffa crescono felicemente e si moltiplicano in condizioni anaerobiche, cioè quando non c’è molta aria. Le tue piante possono essere troppo vicine tra loro e questo non consente la circolazione dell’aria, quindi ci pensano i funghi. 

- Non c’è abbastanza luce solare 

Se non consenti alla luce solare di raggiungere le tue piante (direttamente o indirettamente, a seconda della specie), non solo limiterai la quantità di nutrienti che può sintetizzare per nutrirsi attraverso la fotosintesi, ma creerai un ambiente buio e umido in cui la muffa crescerà rapida e felice. 

- Il substrato non è ben drenato o stai annaffiando troppo

Le spore fungine viaggiano nell’aria, galleggiano ovunque e il motivo per cui non viviamo coperti di muffa è perché hanno bisogno di una condizione particolare per prosperare: l’umidità. Quando un substrato ha uno scarso drenaggio, non rimuove rapidamente l’acqua in eccesso, quindi rimarrà umido più a lungo. La stessa cosa accade se innaffi troppo spesso. Se questo è il problema, la muffa è l’ultima delle tue preoccupazioni, perché le radici delle piante smettono di respirare, si impregnano d’acqua e marciscono. 

- Usi fertilizzanti organici

Se aggiungi fertilizzanti di tipo organico al substrato appena prima di piantare o subito dopo, aumenti il rischio di vedere la muffa bianca nel terreno delle tue piante. Questo non è negativo, anzi. Ricorda che questa materia organica alimenterà la muffa, che la scomporrà in minerali benefici per le piante. 

- Ci sono foglie morte sulla superficie

Muffe e altri funghi si nutrono di materia organica in decomposizione, quindi se permetti alle foglie morte di accumularsi sopra il substrato, stai lasciando il cibo perfetto per questi microrganismi.

Che aspetto ha la muffa sul substrato?

Ogni amante delle piante ha visto piccole macchie bianche sul substrato. Molti si affrettano a diagnosticare un’infezione da muffa e poi applicano frettolosamente qualsiasi fungicida che potrebbe influenzare la pianta. Queste macchie bianche possono essere solo depositi di calcare o sale che si formano naturalmente sul substrato. Questo è tipico dei luoghi in cui l’acqua è piuttosto dura e possono anche formare una pellicola dura sulla terra delle piante.

La differenza è semplice: controlla come sono distribuite le macchie bianche.

Nel caso della muffa, si creano dei gruppi molto puntiforme, ma man mano che si allarga si uniscono e possono ricoprire le foglie delle piante. Le macchie di calcare sono meno definite e delimitate e non crescono altrettanto rapidamente. La muffa si riconosce anche al tatto, perché è uno strato umido, mentre i depositi minerali sono asciutti. D’altra parte, ci sono altri tipi di muffe saprofite che si presentano in modo diverso. 

Il Trichoderma, che è una benedizione per le tue piante perché inibisce la crescita di altri funghi patogeni (come quelli che causano la putrefazione delle radici), si presenta come una macchia bianca ben definita sul substrato, che appare anche cotonosa. Si distribuisce in modo casuale, senza rispettare alcuno schema. È come se fosse piovuta vernice bianca sul substrato e fossero rimaste le gocce. 

Peziza ostracoderma è un fungo saprofita che sembra una polvere giallastra. Non lo vedrai in superficie, ma si trova all’interno del substrato. È completamente innocuo, quindi se vedi delle macchie gialle cotonose all’interno del substrato o della polvere, non preoccuparti. 

Come rimuovere la muffa nel substrato 

- Fai arieggiare il substrato

La muffa bianca è una presenza piuttosto benefica per le piante, ma per molte è antiestetica e se cresce troppo può causare cattivi odori; quindi è normale che tu voglia sbarazzarti di questo invasore. A seconda di quanto è progredita, ci sono soluzioni semplici. Se compaiono solo poche macchie bianche, puoi mescolare il terreno per far arieggiare il materiale compresso. Questo interrompe il ciclo di crescita dei funghi. Puoi anche esporre la pianta all’aria fresca e allentare il substrato troppo compatto per asciugare il substrato e dissipare gli odori. Ricordati di separare leggermente i vasi, in modo che l’aria circoli tra di loro.

- Pulisci in profondità

Se la muffa è eccessiva e si è diffusa sulla pianta e sul vaso, è il momento di una pulizia profonda. Rimuovi la pianta completa di zolla dal vaso. Scuotila per rimuovere il più possibile il terreno che aderisce alle radici. Controlla le radici per altri tipi di funghi o danni, come marciume. L’odore è un ottimo indicatore, quindi se trovi radici ammorbidite, con cattivo odore o con segni di infezione fungina, taglia la parte interessata con forbici disinfettate e procedi con il trapianto.

- Cambia il substrato e il vaso

Usa un nuovo substrato e un nuovo vaso. Se il vaso viene riciclato, consiglio di lavarlo molto bene, anche con un po’ di candeggina per eliminare ogni possibile fonte di infezione, non solo muffe, ma anche batteri o qualsiasi altro patogeno che potrebbe essere presente. Il substrato da utilizzare deve essere ben conservato, in un luogo asciutto e con poca luce, in un sacchetto o contenitore con drenaggio che non permetta l’accumulo di batteri o funghi. 

- Migliora il drenaggio del vaso

Anche quando si soddisfano le esigenze di irrigazione e umidità, il substrato potrebbe essere ancora eccessivamente umido a causa dello scarso drenaggio. Questo può essere corretto in due modi: il primo consiste nel mescolare il substrato con perlite o un po' di sabbia per migliorare la consistenza. Un altro modo è correggere i fori di drenaggio, vedendo che non sono ostruiti e aggiungendo anche uno strato di sassolini o pezzi di polistirolo sul fondo. Se hai un piatto per evitare che l’acqua d’irrigazione raggiunga il terreno, svuotalo qualche minuto dopo l’irrigazione, in modo che l’acqua stagnante non crei pozzanghere alle radici. 

- Utilizza fertilizzante organico nelle giuste proporzioni

Se usi troppo concime o fertilizzante organico, anche se lo lasci solo in superficie senza mescolarlo bene al substrato, è molto probabile che si riempia di muffa perché è l’ambiente perfetto. Rimedia a questo utilizzando il rapporto corretto, che in genere è 1 parte di fertilizzante per 10 parti di substrato. Mescola bene, l'’biettivo è nutrire i batteri benefici nel substrato in modo che creino minerali utilizzabili dalle piante, senza esagerare perché questo può attirare la muffa. 

- Togli la muffa e voilà

Sì, è così facile sbarazzarsi della muffa nel terreno dalle piante. Hai solo bisogno di inumidire un tovagliolo di carta e usarlo per raccogliere tutte quelle particelle di muffa o granelli presenti nel substrato. Io ho usato una piccola pala per rimuovere quella parte superiore del substrato. Puoi gettarlo nella spazzatura o metterlo nel compost. Se la muffa è arrivata sulle foglie della tua pianta, puliscile con un tovagliolo di carta umido e sei a posto. Come accennato, la muffa non è dannosa, anche se può avere un aspetto sgradevole. 

Ricette casalinghe contro la muffa 

C’è chi non vuole vedere la muffa sulle proprie piante, perché la trova sgradevole o perché soffre di gravi allergie a questa. Per questo, puoi usare un fungicida commerciale, usandolo nelle proporzioni indicate nelle istruzioni. Ci sono quelli che optano per le opzioni casalinghe che possono essere efficaci. È importante sapere che non dovresti usare l’aceto direttamente sulle radici, perché la muffa può tollerarlo, ma la tua pianta no. Ecco alcune ricette fatte in casa per fungicidi sicuri: 

- Fungicida all’aglio fatto in casa: fai bollire 2 litri d’acqua, aggiungi 1 spicchio d’aglio. Lascia bollire per qualche minuto, spegni e aspetta che si raffreddi. Applicalo con uno spray al mattino sulle foglie e sul fondo del substrato.

- Fungicida a base di latte: mescola 2 parti di latte intero con 8 parti di acqua e 2 cucchiai di bicarbonato di sodio. Mescola fino a completo scioglimento e utilizza un nebulizzatore da applicare sulle piante una volta alla settimana.

- Cannella in polvere: che tu ci creda o no, la soluzione per la muffa è nella tua dispensa delle spezie. Cospargi un po' di cannella in polvere direttamente sul substrato. Non solo avrà un odore sarà delizioso, ma preverrà la crescita dei funghi.

Condividilo con tutti!
Informazioni sull'autore
Ame Rodríguez

Dedicato alla creazione di un esercito di cactus, piante grasse, barboncini e gatti per aiutarmi a conquistare il mondo. In quel poco tempo libero che ho suono, scrivo e ballo.

5€ di Sconto

sul tuo primo acquisto
Iscriviti e unisciti al Club!

#LoveBeGreen


Accetto le condizioni d'uso e l' informativa sulla privacy..