Quando e come usare il concime

Se usato correttamente, il concime farà meraviglie per le tue piante, trasformandole in esemplari rigogliosi con belle foglie e fioriture spettacolari; se lo usi male puoi anche causare problemi alle radici e far sì che la tua pianta passi a miglior vita. La nostra missione è quella di renderti la vita più facile, quindi ti spiegheremo tutto quello che devi sapere sul concime, su come e quando usarlo e sui tipi. Saremo tuoi alleati per aiutarti a nutrire correttamente le tue piante. 

Cos'è il concime?

Il concime è una sostanza con un principio attivo di origine organica o naturale, che serve a nutrire il substrato, fornendogli micro o macronutrienti necessari alle piante per crescere e svilupparsi meglio. Può essere di origine vegetale o animale e sul mercato puoi trovarli in diverse presentazioni. Anche se le miscele fatte in casa possono essere considerate un tipo di concime, questa volta ci occuperemo dei concimi lavorati e confezionati. Questo perché è molto più facile avere un'idea dei nutrienti che aggiunge al substrato e del loro rapporto. 

Detto questo, sapevi che esiste una differenza tra concime e fertilizzante? Sebbene si possano usare i termini più o meno genericamente, nel senso che sono entrambe sostanze che forniscono nutrienti al substrato, la grande differenza sta nel fatto che il concime è di origine organica e quindi deve essere usato in modo diverso dal fertilizzante. 

Il concime organico si crea quando un materiale naturale viene decomposto naturalmente da microrganismi che digeriscono i materiali. Questo processo li trasforma, rendendoli un prodotto stabile che può migliorare la qualità del suolo. Ci sono una serie di benefici che derivano dall'uso di concimi organici, specialmente se paragonati all'uso di fertilizzanti minerali. Sebbene ognuno abbia un posto nella cura e nel mantenimento delle piante, l'uso del concime ha effetti collaterali positivi. 

Vantaggi dell'uso dei concimi

- Hanno un effetto residuo maggiore dei fertilizzanti, il che riduce la frequenza di applicazione.

- Rilasciano i loro nutrienti in modo graduale. Anche se è vero che per questo motivo non agiscono così rapidamente, proteggono le piante dall'eccesso di nutrienti, che possono bruciare le radici.

- Migliorano la struttura fisica del substrato. Aumentano la porosità, la quantità di ossigeno disponibile e correggono la capacità di ritenzione dell'umidità.

- Aumentano la capacità di scambio cationico o CSC. Il CSC è un indicatore che si riferisce alla quantità di cationi che il suolo può trattenere, ossia indica la capacità del substrato di trattenere i nutrienti. Se il CSC è basso, il suolo non può trattenere i nutrienti e li perde, rendendolo inadatto a nutrire le piante.

- I concimi, essendo organici, si decompongono, rilasciando anidride carbonica e questo aiuta a solubilizzare altri nutrienti nel substrato, rendendoli più facili da assorbire per le piante.

- Rendono il substrato più poroso, permettendo all'acqua di infiltrarsi meglio ed evitando che l'irrigazione scorra sulla superficie.

- Ci permette di sfruttare i rifiuti organici, che possono essere trattati per ottenere fertilizzanti. Si possono anche fare in casa su piccola scala. 

- Migliorano e stimolano l'attività microbica del suolo.

- Sono più sostenibili e rispettosi dell'ambiente, in quanto non richiedono tanta energia per essere prodotti, si possono usare i rifiuti e inoltre non inquinano le fonti d'acqua. 

Tipi di concimi 

Ci sono molti modi di classificare i concimi. Per esempio, possiamo parlare di concimi in base alla loro presentazione. Abbiamo concimi solidi come il compost, l’humus di lombrichi (o vermicompost, o colata di vermi) e il bokashi. I concimi liquidi come il liquame e il compost o concime liquido fatto in casa, così come il sovescio, che è molto particolare. Possiamo anche classificarli come concimi non trasformati, come il letame, il sovescio, il guano, il letame di pollame e altri. Il concime trasformato è quello che combina diversi elementi per creare un concime. Esempi sono il compost e il bokashi. Indipendentemente dai criteri che si usano per classificarli, alcuni dei concimi più comunemente usati sono:

Letame 

Il letame è l'escremento degli animali erbivori. Sono ricchi di materia organica e forniscono un buon livello di azoto al substrato. Sono molto usati perché migliorano le proprietà fisiche e chimiche del suolo, oltre a promuovere la presenza di microrganismi benefici che migliorano la fertilità. Il letame usato come concime è di solito quello di pecora, di cavallo, di bovino e anche quello di pollo, noto come pollina. In passato si usava anche il letame di piccione.

Il letame bovino è quello più comunemente prodotto e anche uno dei più benefici. È adatto a tutti i tipi di colture e terreni, porta leggerezza al terreno argilloso, oltre a rinfrescare la consistenza del substrato. Ha una durata di conservazione abbastanza lunga. Per quanto riguarda la percentuale di nutrienti che fornisce, per chilo di concime possiede il 3,4% di azoto, l'1,3% di fosforo e il 3,5% di potassio. Anche se questi non sono i livelli più alti, è proprio questa caratteristica che lo rende così versatile e la sua principale forza di attrazione è il condizionamento del substrato. Ad ogni modo, può essere combinato con altri tipi di concimi o fertilizzanti per ottenere i livelli ideali per ogni specie di pianta.

Il letame di cavallo è ideale per terreni freddi e molto compatti, perché oltre ai principali macronutrienti rende il substrato più leggero e riceve una migliore ossigenazione. Agisce più rapidamente di altri, perché fermenta facilmente. Ogni chilogrammo di questo concime ha una proporzione di 6,7% di azoto, 2,3% di fosforo e 7,2% di potassio. 

Humus di lombrico 

L'humus di lombrico è l'escremento dei lombrichi, che nel processo trasforma i rifiuti organici in quello che è conosciuto come uno dei concimi organici di più alta qualità. Ha un buon contenuto di nutrienti principali (NPK) ma fornisce anche micronutrienti come ferro, manganese, rame, zinco e altri. Come se non bastasse, permette di correggere e rigenerare il substrato perché possiede un alto contenuto di batteri (circa 200 milioni per grammo). 

 L'humus di lombrico o vermicompost può essere utilizzato in qualsiasi tipo di pianta o coltura, senza timore di alterarne la produzione o l'equilibrio grazie al suo pH che varia tra 6,5 e 7,5. Per quanto riguarda le proporzioni di nutrienti, ha una percentuale di materia organica che va dal 15 al 30%, mentre la sua concentrazione di azoto è del 3%, fosforo del 3%, potassio del 2% e calcio del 2%.

Bokashi 

Il bokashi è un tipo di concime organico inventato dagli agricoltori giapponesi. Significa "materia organica fermentata" e più che riferirsi agli elementi usati per produrla, è una tecnica di compostaggio che consiste nel lasciare decomporre i materiali organici in un processo di fermentazione. Questo aumenta la varietà e la quantità di microrganismi nel substrato e fornisce vari nutrienti, e può essere fatto anche localmente con gli elementi disponibili. 

Utilizzando lieviti attivi alimentati con melassa e germe di grano, è un processo più veloce del compostaggio e permette di sfruttare tutti i tipi di rifiuti organici, compresi carne e latticini. In circa 15 giorni è possibile completare il processo di fermentazione. Tradizionalmente include una miscela di elementi verdi, che sono ricchi di azoto, e un materiale "marrone", che è ricco di carbonio e acqua e può essere letame. 

Guano 

Il guano deriva dalla parola quechua Wanu e significa concime. È fondamentalmente prodotto dagli escrementi di uccelli marini, foche e pipistrelli. Questi animali hanno una dieta basata sui frutti di mare, quindi i loro escrementi sono carichi di molto azoto, fosforo e potassio. 

Il guano è un concime molto completo, che permette al suolo di rigenerarsi, migliora la quantità e la qualità dei nutrienti nel substrato, oltre ad avere proprietà fungicide, che prevengono parassiti e malattie. Per questo motivo è uno dei fertilizzanti più utilizzati per le piante da interno. 

Sovescio

Il sovescio non è solo una tecnica di concimazione, ma anche un modo di condizionare il substrato prima della semina. Si tratta di seminare semi di leguminose, erbe o piante adatte (trifoglio, crotalaria, piselli, erba medica, girasole, avena, tra gli altri) che vengono poi tagliati e incorporati nel substrato, interrandoli quando sono ancora verdi. Questo migliora le condizioni del suolo e ripristina l'equilibrio naturale. 

Il sovescio crea anche una serie di reazioni biochimiche che stimolano la crescita microbica del substrato, che permette la mineralizzazione dei nutrienti e contribuisce al corretto assorbimento di questi composti da parte delle piante. Questa tecnica aumenta anche la quantità di materia organica nel substrato, aumenta il pH del suolo, migliora la capacità di ritenzione dell'acqua e riduce l'erosione.  

Quando usare il concime

Ci sono due momenti chiave per usare il concime: prima di piantare i semi o seminare le piante e durante la stagione della crescita. L'uso di concimi organici prima di piantare permette di condizionare il terreno, creando l'ambiente perfetto per la pianta per svilupparsi in modo bello e radioso. La parte migliore è che i concimi organici sono di solito abbastanza delicati, quindi, lungi dall'esporre la tua pianta a nutrienti in eccesso (cosa che può accadere con i fertilizzanti chimici), fornirai un mezzo con sufficiente materia organica, un buon equilibrio batterico e un adeguato livello di nutrienti.

Si consiglia di utilizzare i concimi durante il periodo di crescita e fioritura della pianta, che di solito coincide con la stagione calda dell'anno: primavera ed estate. A seconda delle temperature in cui vivi, puoi creare un programma di concimazione che ti permette di condizionare il substrato e nutrire la pianta in modo che abbia le sostanze nutritive di cui ha bisogno per crescere, fiorire e dare frutti. 

Con i concimi organici è meglio iniziare all'inizio della primavera. Ripeti ogni mese e mezzo. Anche se con questo tipo di materiale non è così facile commettere eccessi che danneggiano la pianta, è necessario seguire sempre le istruzioni del produttore. Ogni tipo di concime ha una concentrazione particolare, che deve essere rispettata, ma che potrebbe essere combinata con altri fertilizzanti per soddisfare le esigenze particolari della pianta. 

Come usare il concime 

È molto importante seguire le istruzioni del produttore per applicare il concime. Nel caso in cui tu stia usando concimi artigianali come il bokashi o il compost, devi sapere che molti non dovrebbero mai essere applicati direttamente alla pianta. Per esempio, il letame non dovrebbe essere messo fresco sulle piante; non solo per l'odore ma anche perché può avere l'effetto contrario. Il concime organico passa attraverso un processo di essiccazione e anche di fermentazione per essere adatto all'uso; per questo motivo è consigliabile acquistarlo confezionato. 

Il bokashi non si usa sulle piante, ma deve essere mescolato con il substrato o messo in una compostiera per finire di degradarsi. I liquidi che provengono da questa tecnica possono essere utilizzati durante l'irrigazione. Per quanto riguarda il guano, può essere in polvere o in forma liquida, quindi bisogna seguire le istruzioni sulla confezione per ottenere il massimo. Il compost tradizionale può essere usato per preparare il substrato, sciolto nell'acqua per l'irrigazione, interrato strategicamente per migliorare le condizioni del terreno o come pacciame per migliorare la ritenzione dell'umidità.

Condividilo con tutti!
Informazioni sull'autore
Ame Rodríguez

Dedicato alla creazione di un esercito di cactus, piante grasse, barboncini e gatti per aiutarmi a conquistare il mondo. In quel poco tempo libero che ho suono, scrivo e ballo.

Ricevi la tua pianta a domicilio 🕊

5€ di Sconto

sul tuo primo acquisto
Iscriviti e unisciti al Club!

#LoveBeGreen


Accetto le condizioni d'uso e l' informativa sulla privacy..