Come eliminare la mosca del substrato

L'estate è la stagione in cui diventiamo molto attenti agli insetti nocivi, e facciamo persino qualcosa per prevenirli, perché questa è la stagione perfetta per gli insetti per riprodursi felicemente. Di conseguenza, è tipico abbassare la guardia quando le temperature iniziano a scendere, pensando di essere al sicuro, ma si tratta di un falso senso di sicurezza, poiché è l'ambiente perfetto per la riproduzione della temuta mosca del substrato.

Se la vostra pianta ha un aspetto cadente ed è circondata da molti insetti volanti, è molto probabile che siate affetti da uno dei parassiti più comuni e fastidiosi: la mosca nera, la mosca del substrato o la mosca del fungo. Non preoccupatevi, oggi imparerete come identificarlo, quali danni provoca alle vostre piante e, soprattutto, come liberarvene.

che cos'è il moscerino del fungo?

La prima volta che ho visto uno di questi insetti ho pensato che la pianta fosse stranamente circondata da zanzare, perché gli Sciridae(Sciridae) sono lunghi solo da 2 a 4 mm, di colore grigio scuro o nero, con zampe molto lunghe e a prima vista assomigliano a questi insetti, anche se un po' più piccoli. Quando sono larve, sono lunghe da 4 a 5 mm e di colore traslucido.

Il problema di questo parassita non sono le mosche adulte che, pur essendo brutte e fastidiose, non danneggiano le piante, ma sono le loro larve a rappresentare un pericolo per le piante. Mi spiego meglio: dopo che le mosche maschio e femmina si sono riunite, la femmina depone circa 200 uova nel substrato della pianta, che si schiudono in soli 3 giorni. Queste larve di mosca trascorrono 3 settimane nutrendosi e vivendo all'interno del substrato, quindi si sviluppano in bozzoli e rinascono come mosche alate, che a loro volta emergono nel mondo e rimangono nella parte inferiore della pianta nutrendosi e ripetendo il ciclo.

Le larve sono voraci e trascorrono l'intera fase nutrendosi delle radici e dei capillari della vostra povera pianta. Non solo, ma possono veicolare virus e malattie alla pianta e, come se non bastasse, la rendono suscettibile all'attacco di terribili funghi come Fusarium, Pythium o Botrytis. Con un ciclo di vita così accelerato, diventa molto difficile controllare questo parassita, soprattutto se si lascia che si protragga per troppo tempo.

Come capire se la vostra pianta ha la mosca delle radici della patata

Il primo segno rivelatore sono i piccoli moscerini che svolazzano sulle foglie: non volando molto bene, sono pigri e non si allontanano dalla pianta, anche se possono raggiungere le piante vicine. Non basatevi sulla stagione, perché anche se sono più frequenti in autunno e in inverno, possono comparire in qualsiasi momento dell'anno.

Avvicinatevi al substrato della pianta e osservate attentamente la superficie. Mescolate un po' il substrato, muovete la pentola e osservate le piccole mosche. Le larve si possono vedere se si osservano da vicino, perché, pur essendo trasparenti, si sentono muovere. Se potete, mettete delle strisce adesive per la cattura degli insetti sul vaso e controllate se sono rimasti intrappolati. Non importa se ne avete uno o due, agite il prima possibile perché se siete negligenti si sposteranno su tutte le vostre piante e sarà un incubo combatterli.

Quando le larve fanno il loro dovere e si riproducono in modo eccessivo, le piante appaiono cadenti, con foglie pallide su cui le piccole mosche si attaccano. Potreste anche notare che la pianta sviluppa infezioni fungine e, se ritardate troppo, morirà perché le infezioni spesso si impossessano delle radici.

Come liberarsi della mosca nera

- Regolare l'umidità. Il primo passo è controllare l'umidità in eccesso, che è essenziale per lo sviluppo di questo parassita. Evitate le annaffiature leggere e frequenti, preferite quelle profonde (io amo annaffiare per immersione) e assicuratevi che la pianta dreni molto bene. Detto questo, durante la lotta contro la mosca nera è necessario lasciare asciugare bene la superficie del substrato tra un'annaffiatura e l'altra, poiché questa secchezza indebolisce e rallenta il ciclo di crescita delle larve.

Sensore di irrigazione L
15,00 €
Impedisce l'irrigazione eccessiva
Acquista
Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista

- Disinfettare le foglie e il substrato. Se avete individuato l'infestante in tempo, sarà abbastanza facile eliminarlo. Provate innanzitutto i rimedi naturali: olio di Neem, applicato al substrato e alle foglie con l'acqua di irrigazione. Un'altra opzione è quella di utilizzare il sapone di potassio nell'acqua di irrigazione, che ucciderà rapidamente le larve e le mosche.

Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista

- Previene e/o rallenta la crescita dei funghi. Uno degli effetti peggiori della mosca del substrato è che facilita la crescita dei funghi delle radici. Per evitare che ciò accada o per rallentare l'infezione, è necessario applicare un fungicida ad ampio spettro.

- Eliminare le mosche adulte. Le mosche non fanno male, ma sono brutte e si riproducono. È possibile intrappolarli utilizzando una bottiglia di plastica con aceto, sidro e bucce di agrumi. Se si buca il coperchio con un chiodo caldo, la mosca entrerà ma non potrà uscire.

- L'ultima opzione, per i parassiti resistenti, è il perossido di idrogeno. Innaffiate la pianta con acqua ossigenata per uccidere le larve e ripetete il procedimento ogni due giorni per occuparvi delle uova in cova. Questa è l'opzione più contestata, perché sebbene sia semplice ed economica, non elimina le uova e uccide anche i batteri benefici del substrato.

- Predatori naturali. Probabilmente non è un'opzione per le piante d'appartamento, ma per le infestazioni incontrollate e difficili da controllare di mosche del substrato in giardini o grandi aree di terreno, è possibile ottenere predatori naturali che uccidano il parassita. Un esempio è un coleottero chiamato Atheta coriaria o un piccolo verme chiamato Steinerma Feltiae.

La prevenzione è la chiave

- Pulire accuratamente il substrato delle piante. Rimuovete le foglie secche e danneggiate che sono cadute e marcite, in quanto creano l'ambiente perfetto per le larve per nutrirsi.

- Rimuovere le erbacce dal substrato. Questo è particolarmente importante per le piante da esterno.

- Spaziate bene l'irrigazione della vostra pianta. Il terreno impregnato d'acqua attira le mosche e permette alle larve di proliferare felicemente. Lasciare asciugare i primi centimetri di terreno prima di annaffiare di nuovo, soprattutto nei periodi più freddi.

- Cospargete di vermiculite il substrato, circa 3 cm saranno sufficienti per prevenire questo parassita. Si possono anche usare sassolini o simili per proteggere il substrato ed evitare che le mosche vi siano attratte.

- È possibile utilizzare correnti d'aria (come i ventilatori da interno) per spaventare le mosche. Le mosche adulte sono piuttosto goffe e non volano molto forte, quindi non riusciranno ad avvicinarsi alle piante.

- All'interno, è buona norma utilizzare le zanzariere per le finestre per tenere lontani gli insetti dannosi.

- Alcuni sostengono che piantare l'aglio o metterne gli spicchi nel terreno spaventa le mosche, che ne detestano l'odore.

Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista
Pothos
27,00 €
Resistente e per principianti
Acquista
Pianta del Serpente
27,00 €
Una bomba d'ossigeno
Acquista
Dracaena Fragrans
59,00 €
Facile da curare e purificatrice
Acquista

Condividilo con tutti!
Informazioni sull'autore
Ame Rodríguez

Dedicato alla creazione di un esercito di cactus, piante grasse, barboncini e gatti per aiutarmi a conquistare il mondo. In quel poco tempo libero che ho suono, scrivo e ballo.

5€ di Sconto

sul tuo primo acquisto
Iscriviti e unisciti al Club!

#LoveBeGreen


Accetto le condizioni d'uso e l' informativa sulla privacy..