Perché alcune piante non sono adatte agli animali domestici

Perché esistono le piante tossiche?

Visto che le piante sono così statiche, tendiamo a dimenticare che sono anche esseri viventi e, in quanto tali, sviluppano strategie volte a preservare e prolungare la loro esistenza. Proprio come ci sono animali che sviluppano un aspetto che permette loro di passare inosservati per evitare i predatori o acquisiscono colori e sembianze vivaci per avvisare che sono velenosi, anche le piante subiscono cambiamenti di adattamento e difesa. 

Uno dei grandi nemici delle piante sono gli animali erbivori, che le consumano per nutrirsi. Alcune piante sono riuscite a sintetizzare metaboliti secondari che permettono loro di difendersi dagli animali, rendendole amare o tossiche quando vengono consumate. Si tratta di meccanismi di resistenza che si sono sviluppati nel corso di milioni di anni, ma ce ne sono anche altri che garantiscono la loro riproduzione. Per esempio, ci sono piante che attraggono certe creature (farfalle, api, uccelli) che possono aiutare a impollinare le piante, quindi creano relazioni simbiotiche. 

Alcuni di questi metaboliti secondari possono essere tossici per gli animali, ma possono essere utilizzati dall'uomo, come il limone. Altri causano irritazioni superficiali, mentre alcuni causano disturbi allo stomaco. La grande maggioranza di queste sostanze ha qualcosa in comune: devono essere consumate per poter agire. 

Questo significa che si può tenere in casa una canna muta o un'ortensia, che sono piante velenose. Puoi toccarle, parlare e ballare con loro, raccontare loro la tua vita (ricorda, in Be.Green non ti giudichiamo) e ti sentirai bene e privo di tossine. Il problema si verifica quando qualsiasi parte della pianta viene ingerita e proprio per questo è essenziale che se hai bambini piccoli o animali domestici, tu sappia bene quali piante producono questi metaboliti secondari perché questi piccoli esseri tendono a esplorare il mondo con tutti i loro sensi, e questo include la bocca. 

  • Piante vs animali domestici: evitare i conflitti

È imperativo addestrare i tuoi animali domestici a non abituarsi a masticare le piante. Che tu ci creda o no, anche i gatti possono imparare. Prima di tutto, devi sapere che gatti e cani adulti iniziano a esplorare e giocare con le piante perché sono annoiati e hanno bisogno di essere stimolati adeguatamente. Nel caso dei cuccioli può essere un po' più complicato a causa della loro natura curiosa e giocosa, ma rispondono comunque a un addestramento adeguato. 

Quando porti a casa una nuova pianta, porta qualcosa anche per il tuo animale domestico: un nuovo giocattolo, qualcosa da masticare, qualsiasi cosa per distogliere la sua attenzione dalla pianta. È consigliabile anche metterla in un posto poco appariscente. In qualche angolo, su un tavolo, su uno scaffale. Se hai dei cani è molto più facile, perché puoi metterla in un posto alto ed eviterai le tentazioni, ma se hai dei gatti, la storia cambia. 

Evita le piante appese. I gatti sono affascinati dalle cose che si muovono languidamente nella brezza, come un ramo che scende da un vaso. Se hai intenzione di mettere delle piante appese, assicurati che siano alte e non in un posto dove possano oscillare e attirare l'attenzione del gatto (per esempio, evita una felce di Boston appesa con un vaso leggero).

Quando vedi il tuo animale avvicinarsi alla pianta, dì NO con fermezza e offrigli un giocattolo per distrarlo. I gatti possono avere il loro mini giardino di erbe (le vendono pronte per essere annaffiate e lasciar crescere); i loro bisogni di fibre saranno soddisfatti e lasceranno in pace le tue piante. Tuttavia, non fidarti troppo e tieni in casa solo piante adatte agli animali. 

  • Piante tossiche da evitare per il tuo animale domestico 

Ci sono molte piante d'appartamento popolari che sono tossiche per gli animali, quindi non potremo menzionarle tutte. Comunque, puoi iniziare con questa breve lista: 

Aloe vera. Ha un lattice giallastro che causa irritazione e vomito.

Anthurium: l'intera pianta è tossica. Provoca vomito, paralisi della lingua e gonfiore del viso.

Croton: Il lattice della pianta irrita le mucose e la pelle, provoca vomito e congiuntivite, tra le altre cose. 

Costola di Adamo: l'intera pianta è tossica. Provoca prurito al viso, gonfiore, vomito e paralisi della lingua.

Ortensia: Le foglie e i germogli sono velenosi. Provoca problemi di stomaco e cianosi, in dosi elevate può causare convulsioni e coma.

Kalanchoe: questa succulenta è molto tossica. Colpisce il cuore, causa vomito, tremori e diarrea, poi può portare alla morte per insufficienza cardiaca.

Dieffenbachia: tutta la pianta è tossica, soprattutto il lattice bianco. Provoca dermatiti, irritazioni, salivazione eccessiva, forti dolori e difficoltà respiratorie.

Giglio della pace: l'intera pianta è tossica. Ha effetti irritanti simili a quelli della canna muta. 

Ricorda che puoi usare il motore di ricerca intelligente di Be.Green per trovare piante adatte agli animali domestici, dato che c'è un'opzione di ricerca appositamente dedicata. Puoi anche vedere la scheda delle specie, dove ti diciamo se è adatta o no. Qualche minuto di ricerca può fare la differenza per il benessere dei tuoi amici pelosi. 

Condividilo con tutti!
Informazioni sull'autore
Ame Rodríguez

Dedicato alla creazione di un esercito di cactus, piante grasse, barboncini e gatti per aiutarmi a conquistare il mondo. In quel poco tempo libero che ho suono, scrivo e ballo.

Ricevi la tua pianta a domicilio 🕊

10% di Sconto

sul tuo primo acquisto
Iscriviti e unisciti al Club!

#LoveBeGreen


Accetto le condizioni d'uso e l' informativa sulla privacy..