Guida alla cura dell'Alocasia Cucullata

Le alocasie sono un tipo di pianta molto popolare. Le loro foglie grandi e lucide hanno un fascino particolare, che evoca il calore tropicale, la giungla lussureggiante e la natura rigogliosa. Sono molto resistenti e facili da curare, il che le rende ideali per trasformare rapidamente la vostra casa in un ramo della foresta pluviale, poiché crescono molto in poco tempo e ne esistono tantissime varietà. Una delle più belle è l'Alocasia Cucullata, che si distingue per le sue foglie verdi con venature distinte e a forma di cuore. Con questa guida alla cura dell'Alocasia Cucullata potrete aggiungerla alla vostra collezione.

Alocasia Cucullata
34,00 €
Bella e Resistente
Acquista
Costola di Adamo
49,00 € 44,10 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista
Spediamo piante in qualsiasi zona, puoi vedere tutte le opzioni qui

Fatti interessanti sull'Alocasia Cucullata

- Originaria delle foreste pluviali tropicali del sud-est asiatico e dell'Australia orientale. È una pianta molto comune nel Borneo. Appartiene alla famiglia delle Araceae e forse conoscete già alcuni suoi cugini: le calle, i filodendri, gli anthurium e, naturalmente, altre alocasie come l'Amazzonia.

- Nel suo habitat naturale l'Alocasia Cucullata può raggiungere i 4 metri di altezza, ma non preoccupatevi che in casa non crescerà così tanto, perché il vaso ne conterrà la potenza, permettendole di superare a malapena i 50 cm di altezza fino a raggiungere il metro massimo.

- In caso di irrigazione eccessiva, l'alocasia assorbe l'umidità in eccesso e traspira ai bordi delle foglie e degli steli, sotto forma di gocce leggermente più spesse. Questo fenomeno è noto come"gotta". Occorre prestare attenzione perché questo liquido può essere irritante per la pelle. Il gongolamento si riduce quando si smette di annaffiare eccessivamente la pianta.

- Questa pianta ama la luce, quindi se è troppo lontana dai raggi solari, le sue foglie cresceranno allungandosi verso la luce. Ruotare il vaso di tanto in tanto per mantenerlo in equilibrio.

- Le alocasie attraversano un periodo di dormienza in inverno, quando possono perdere alcune foglie. Non allarmatevi, basta ridurre le annaffiature e concimare all'inizio della stagione vegetativa.

- Prestare attenzione alle foglie. Se ingialliscono, è perché mancano di acqua. Se diventano marroni e appassiscono, è perché ricevono la luce diretta del sole.

- Le Cucullatas alocasia non sono adatte a case con animali domestici curiosi che mordono le piante, poiché sono piuttosto tossiche. Tenere fuori dalla portata dei bambini e degli animali.

Cura dell'Alocasia Cucullata

Illuminazione e temperatura

L'Alocasia Cucullata ama la luce, ma può crescere bene anche in penombra. La cosa più importante è che non deve essere esposta alla luce diretta del sole, che può bruciare le sue foglie, come nel caso delle piante originarie delle foreste tropicali.

A causa del suo habitat naturale, questa pianta predilige le alte temperature. L'ideale sarebbe tenerla a una temperatura compresa tra i 18 e i 22°C. Non dovrebbe mai essere tenuta in un luogo con una temperatura inferiore ai 10°C, quindi in inverno dovrebbe essere tenuta in casa.

Irrigazione e umidità

Innaffiate questa pianta abbastanza spesso da mantenere il terreno umido, ma mai zuppo d'acqua; la chiave è la frequenza piuttosto che la quantità d'acqua. Non lasciare che il substrato si asciughi troppo. Se si esagera con le annaffiature inizierà a espellere l'acqua in eccesso e sarà necessario ridurre le annaffiature, ma non presenta il rischio di marciume radicale.

L'Alocasia Cucullata richiede alti livelli di umidità, quindi è possibile inserirla con altre piante tropicali per mantenerla in equilibrio. Alcuni la mettono con una Monstera o un'altra Alocasia. Potete anche metterla su un vassoio con dei sassolini e dell'acqua (ma non toccate le radici), in modo che l'umidità venga aspirata dalla pianta mentre evapora. Non dimenticate di spruzzarlo con un po' d'acqua durante la settimana per garantirne la felicità.

Substrato e fertilizzazione

Questa pianta non è troppo esigente riguardo al substrato utilizzato. È possibile utilizzare un substrato universale e un fertilizzante liquido non appena inizia la primavera e mantenere il ciclo di fertilizzazione fino all'estate, che è il suo periodo di crescita. Questo, insieme a un'annaffiatura costante e adeguata, farà sì che la pianta cresca e acquisisca un fogliame rigoglioso.

Si può trapiantare ogni 2 anni o quando lo si ritiene necessario perché le radici hanno superato il vaso. Ricordate che le dimensioni del vaso determineranno le dimensioni finali della vostra Alocasia Cucullata, quindi potete apportare modifiche ogni anno se volete che cresca più velocemente.

Condividilo con tutti!
Informazioni sull'autore
Ame Rodríguez

Dedicato alla creazione di un esercito di cactus, piante grasse, barboncini e gatti per aiutarmi a conquistare il mondo. In quel poco tempo libero che ho suono, scrivo e ballo.

5€ di Sconto

sul tuo primo acquisto
Iscriviti e unisciti al Club!

#LoveBeGreen


Accetto le condizioni d'uso e l' informativa sulla privacy..