Suggerimenti per recuperare una pianta con acqua in eccesso

Uno dei punti chiave per la sopravvivenza di una pianta risiede nella quantità e nella frequenza delle irrigazioni. Trovare quella via di mezzo, quel perfetto equilibrio che risponde alle esigenze della pianta e dei fattori ambientali è solitamente uno degli aspetti più delicati e difficili per chi è nuovo in questo meraviglioso mondo delle piante. Tutti noi attraversiamo quel rito di passaggio dell’annaffiare così poco o così tanto che la pianta finisce sull'altro piano dell'esistenza. 

È anche tipico che, non appena vediamo che la povera pianta è sull'orlo della morte per motivi legati all'irrigazione, decidiamo di buttarla via e la verità è che c'è una possibilità di salvarla. Sebbene sia più facile salvare una pianta per mancanza di irrigazione, è possibile recuperare anche una pianta con acqua in eccesso se segui i nostri consigli. 

Come fai a sapere se hai annaffiato eccessivamente? 

Ci sono modi per comprendere se hai esagerato con l'annaffiatoio senza aspettare che la pianta fosse arrivata al limite. Quando si tratta di recuperare una pianta con acqua in eccesso, il tempo è un fattore chiave perché se aspetti troppo a lungo le conseguenze saranno devastanti. Apri gli occhi e presta attenzione ai seguenti segnali: 

- La tua pianta non cresce. Non ci sono nuovi germogli, anzi sembra che sia più rada o malata. 

- La pianta sembra debole, malata, non dritta né carina. Sembrerebbe appassita, ma il substrato è umido.

- Le foglie ingialliscono. Fai attenzione però anche alla consistenza, perché anche la mancanza di annaffiature altera il colore delle foglie, ma le rende secche e croccanti. Quando si tratta di acqua in eccesso, la foglia è piuttosto gonfia, giallo pallido e morbida.

- Le foglie inferiori sono le prime ad essere colpite, diventano gialle e appaiono decadute.

- Il fusto inizia a restringersi dalla base, si assottiglia, quasi volesse recidere la parte superiore della pianta. 

- Perdita di foglie e fiori. L'acqua in eccesso influisce sui processi di crescita della pianta, quindi i fiori inizieranno a cadere.

- Si vedono radici superficiali, quasi fuoriuscire dal substrato, cercando di sfuggire all'acqua in eccesso. 

- Le foglie e/o i frutti sembrano pieni di piccole vesciche o strane verruche. Questa condizione è nota come edema e si verifica perché la pianta ha così tanta acqua che cerca di liberarsene con ogni mezzo.

- Presenza di mosche o zanzare. Questo accade perché nel substrato si formano dei ristagni che lo rendono la casa perfetta per le larve di questi insetti. 

- Tocca il substrato. Sarà bagnato, pieno di ristagni, molto compatto quasi come fango. A volte, la parte superiore può apparire verdastra. Non limitarti alla parte superiore, controlla molto bene la parte più profonda del vaso o del substrato. Puoi usare uno stuzzicadenti o scavare un po' con una paletta. 

Sembrerà che i sintomi di una pianta con acqua in eccesso siano troppo simili a quelli di una pianta alla quale manca acqua. Ed è proprio questo il motivo per cui molte persone annaffiano di nuovo, credendo di poter così recuperare la pianta. La causa di ciò non è casuale, poiché sia l'eccesso che la mancanza di acqua portano più o meno alla stessa conseguenza: la mancanza di ossigeno e sostanze nutritive. 

Nel caso di una pianta secca, ciò si verifica a causa della mancanza d'acqua, ma con un'eccessiva irrigazione il substrato crea ristagni e diventa compatto. Questo impedisce il corretto scambio di gas a livello delle radici, non le lascia respirare. Inoltre, essendo piene d'acqua, le radici non sono in grado di assorbire adeguatamente i nutrienti che non sono nemmeno presenti nelle giuste concentrazioni nel substrato, in quanto vengono lavati via da un'eccessiva irrigazione, quindi la pianta finisce per soffocare e muore. 

L'asfissia radicale non è l'unica conseguenza negativa dell'irrigazione eccessiva, ma anche questa umidità in eccesso rende la pianta l'ambiente ideale per la crescita di funghi che si diffonderanno attraverso le radici e la porteranno alla morte certa. Per questo è fondamentale fare una diagnosi corretta, per conoscere le esigenze della pianta e le tue abitudini, oltre ad osservare con attenzione la propria pianta cercando i sintomi che abbiamo precedentemente descritto. 

Suggerimenti per recuperare la tua pianta con acqua in eccesso 

È molto più facile recuperare una pianta che è stata lasciata seccare rispetto a una che è stata annaffiata eccessivamente, perché un'irrigazione eccessiva provoca danni che diventano visibili quando è troppo tardi. Ricorda: il segreto del successo di questi suggerimenti risiede nella diagnosi precoce della pianta che è stata annaffiata in eccesso. Non scoraggiarti e cerchiamo di recuperarla insieme. 

- Evita di esporla al sole

So che il primo impulso quando vedi la pianta con il substrato allagato è metterla in pieno sole, in modo che asciughi la terra, ma questo è dannoso e finirà per uccidere la tua pianta. Il problema è che la pianta, i suoi steli e le sue foglie, non sono stati in grado di assorbire adeguatamente l'umidità, le sostanze nutritive o l'ossigeno a causa dell'eccesso di acqua. Per questo motivo sono più deboli del solito ed è vulnerabile, se la lasci in pieno sole si seccherà più velocemente e morirà. Posizionala in semi ombra o al chiuso in un luogo luminoso.

- Estrai la pianta dal vaso

Devi rimuovere la pianta da quel vaso, prova ad allentare il substrato picchiettando delicatamente i lati del vaso sul terreno. Capovolgi tenendo la parte superiore della pianta con il palmo della mano, affinché la gravità faccia il suo effetto. L'obiettivo è rimuoverla senza danneggiare le radici vulnerabili. 

- Rimuovi il substrato allagato

C'è chi lascia la pianta in un luogo sicuro con il substrato ad asciugare per qualche ora o per tutta la notte. Questo mi sembra rischioso, quindi preferisco rimuovere il substrato bagnato. Lo faccio con attenzione, posiziono la pianta con la zolla su un giornale o una coperta e rimuovo delicatamente la terra dalle radici con le mani. Viene fatto all'ombra, per evitare che il sole danneggi le radici. Il substrato può essere lasciato asciugare, purché non ci siano funghi. Per sicurezza è meglio buttarlo.

- Controlla le radici

È tempo di indossare gli occhiali e vedere con attenzione qual è lo stato delle radici. Il colore dovrebbe essere bianco, dovrebbero apparire forti, più o meno grandi e con uno spessore uniforme. Se vedi che sono nere o scure, sono diventate sottili, hanno un odore di marcio o se le tocchi, si sfaldano come carta lasciata nell'acqua, potrebbe essere troppo tardi. Se la maggior parte delle radici o della radice principale sembra sana e le restanti sono scure e deboli, tagliale e lascia solo quelle bianche. Non preoccuparti, le radici possono ricrescere. 

- Applica un po' di fungicida

Le radici potrebbero sembrare sane e belle, ma i funghi sono nemici silenziosi nelle loro fasi iniziali. Non fidarti e non lasciare nulla al caso: applica un po' di fungicida in modo preventivo. Puoi applicarlo direttamente alle radici in modo da poter eliminare questi fastidiosi visitatori, se presenti. È anche un modo per prevenire altri tipi di attacchi e rafforzerà la pianta, che ha bisogno di un piccolo aiuto per ricominciare. 

- Trapiantala in una nuova casa

Come una persona che soffre in un luogo tossico, la tua pianta ha bisogno di iniziare una nuova vita, lontano da quell'ambiente che la stava danneggiando. Puoi riutilizzare il vaso che avevi, ma per favore lavalo bene con un po' di candeggina per uccidere eventuali funghi che potrebbe contenere e ricordati di risciacquare abbondantemente. Poi controlla i fori di drenaggio, posiziona uno strato di ghiaia e riempi con un nuovo substrato, adatto alla specie. La tua pianta apprezzerà il passaggio a un substrato arioso, sciolto e con più sostanze nutritive. Non concimare la pianta, questo non è il momento perché è sensibile e il fertilizzante può bruciare le radici. 

- Aspetta per annaffiare

È meglio che la tua nuova pianta si asciughi un po' piuttosto che annegarla di nuovo. Aspetta qualche giorno, verifica che lo strato superficiale del supporto sia asciutto e annaffia adeguatamente. Se vedi che è un po' disidratata, puoi nebulizzarla un po'. Ricordati di non esporre la tua pianta al sole finché non vedi che si è ripresa, con nuovi germogli. Questa sarà l'indicazione che il peggio è passato e che puoi continuare con il ciclo di fertilizzazione, come al solito. 

  1. Non ripetere gli errori: cosa fare per evitare di affogare le tue piante 

    - Conosci le tue piante

Non ne saprai mai abbastanza. Leggi, ricerca e chiedi di cosa necessita quella specie. Se non sei molto abile nella lettura e in cose del genere, puoi sempre utilizzare la guida rapida che ti forniamo con ogni pianta. In Be Green ci occupiamo di semplificarti le cose, quindi ti forniamo una guida con i requisiti di irrigazione della specie. Ci sono piante che devi far seccare tra un'annaffiatura e l'altra, mentre altre preferiscono avere il substrato con un certo livello di umidità e se le fai seccare, potresti danneggiarle. 

- Regola i modelli di irrigazione

Se, per esempio, leggi che questa specie di pianta va annaffiata 2 volte a settimana, ricorda che non è una verità universale, poiché questi parametri vanno adeguati ai fattori ambientali e alla stagione. Se ti trovi in un luogo molto caldo, se la pianta è esposta alla luce diretta del sole o se è estate, molto probabilmente dovrai annaffiare più di quanto si consiglia. Se, invece, il clima è fresco o è inverno, dovresti annaffiare di meno. Non fidarti, controlla sempre la tua pianta prima di annaffiare. 

- Sporcati le mani 

Il modo migliore per sapere se la tua pianta ha bisogno di acqua è toccando il substrato. Puoi usare le dita e toccare i primi centimetri del terreno. Se è troppo secco, è il momento di annaffiare. Preferisco usare un bastoncino di legno (le bacchette di legno usa e getta per sushi vanno molto bene) e inserirlo in profondità nel terreno. Se quando lo tiro fuori ha il substrato attaccato, aspetto un po' per annaffiare, se esce pulito vado a prendere l'annaffiatoio. 

- Affidati alla tecnologia

Se sporcarti le mani non fa per te e dimentichi come annaffiare ogni specie, puoi sempre sfruttare la tecnologia acquistando un rilevatore di umidità. Questi dispositivi sono meravigliosi: lo infili nel substrato e lo lasci misurare, ti dirà se la pianta ha bisogno di acqua o meno. Sono infallibili. 

- Utilizza sistemi di autoirrigazione

Un sistema di autoirrigazione può essere utile non solo per le persone che viaggiano o sono distratte, ma può anche aiutarti a mantenere un livello di irrigazione adeguato poiché la pianta prenderà da sola ciò di cui ha bisogno e tu dovrai solo occuparti di mantenere il dispositivo pieno. Questo è molto pratico per vasi e piante che richiedono livelli di umidità costanti, per i quali risulta difficile trovare quell'equilibrio. 

- Controlla il drenaggio delle piante

Prima di trapiantare una pianta, controlla sempre i fori di drenaggio e metti qualcosa sul fondo per aiutare a rimuovere l'acqua in eccesso. Uso sassolini o pezzetti di polistirolo, ma puoi usare anche argilla espansa e altri materiali. Ricordati di controllare di tanto in tanto il drenaggio di tutti i vasi. Se puoi, usa uno stuzzicadenti per sollevare tutto ciò che potrebbe ostruirli. Bisogna anche fare attenzione con i sottovasi che raccolgono l'acqua di irrigazione, perché se sono pieni, restano a contatto con le radici della pianta e le marciscono. Metti dei sassolini sui sottovasi ed evita ogni rischio.

Condividilo con tutti!
Informazioni sull'autore
Ame Rodríguez

Dedicato alla creazione di un esercito di cactus, piante grasse, barboncini e gatti per aiutarmi a conquistare il mondo. In quel poco tempo libero che ho suono, scrivo e ballo.

5€ di Sconto

sul tuo primo acquisto
Iscriviti e unisciti al Club!

#LoveBeGreen


Accetto le condizioni d'uso e l' informativa sulla privacy..