Consigli per il trapianto di piante appena acquistate

Acquistare piante è una sensazione bellissima, sia che le si compri in un vivaio tradizionale sia che si sia tra coloro che preferiscono acquistare piante online, quasi nulla batte la sensazione di ricevere a casa una scatola stupenda, spogliarla dell'imballaggio protettivo e scoprire le sue foglie verdi, pensando a dove la si collocherà e a come trasformerà lo spazio con la sua presenza. È come tornare all'infanzia a Natale. Ma con un nuovo impianto arrivano anche nuove responsabilità.

Alcuni dicono che appena arriva la nuova pianta bisogna trapiantarla, altri dicono di aspettare, altri ancora pensano che sia meglio lasciarle così come sono. Non sono d'accordo, e questo perché in una certa misura hanno tutti ragione. Non ci sono leggi universali in merito, quindi vogliamo che acquisiate gli strumenti e le conoscenze per discernere se è il caso di trapiantare le vostre nuove piante, e vi diremo come farlo e vi daremo suggerimenti e consigli su come trapiantare le piante appena acquistate senza morire nel tentativo.

Palma Kentia
69,00 € 62,10 €
Tropicale e purificatrice
Acquista
Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista
Pachira
64,00 € 57,60 €
Purifricatrice e Resistente
Acquista

hanno bisogno di essere trapiantati?

La risposta è semplice: sì. La maggior parte delle piante appena acquistate può trarre grandi benefici dal trapianto. In ogni caso, ciò che è in discussione è sempre il momento e la modalità di trapianto. Ad esempio, le piante grasse e i cactus possono aspettare a essere trapiantati, poiché le loro radici sono piuttosto superficiali e a crescita lenta; tuttavia, è necessario valutare altri aspetti per stabilire quando e come trasferirli in un nuovo vaso. Prestate attenzione a questi segnali:

Trapianto immediato se:

- Le radici sporgono sopra o sotto il substrato. Questo è un sintomo che le radici della pianta possono essere aggrovigliate su se stesse, rendendo difficile l'assorbimento di acqua e sostanze nutritive.

- Il substrato non è adatto. Ad esempio, si tratta di una succulenta ma il substrato è del tipo che trattiene molta umidità.

- Il vaso non è ben drenato. O è intasato, il vaso non ha perforazioni o il substrato è troppo incrostato e non permette all'acqua di drenare. Questa è la ricetta per il ristagno dell'acqua e il marciume delle radici. Dovete agire in fretta.

- Se la pianta è più grande del vaso, perde l'equilibrio e si ribalta facilmente.

- Non ha un vaso, ma si presenta in una sorta di sacchetto di plastica di colore scuro.

Si può aspettare a trapiantare se:

- Le dimensioni del vaso sono adatte alla pianta

- Il substrato sembra adatto al tipo di pianta

- Il drenaggio dell'impianto funziona correttamente

Come trapiantare le piante appena acquistate

Prima di intraprendere l'avventura del trapianto, raccogliete tutto il materiale necessario. Coprite l'area per proteggerla, trovate il nuovo vaso, il substrato adatto al tipo di pianta, una piccola pala, forbici, alcol e mettetevi al lavoro.

- Iniziate togliendo la pianta dal vecchio vaso. Non tirate gli steli, ma picchiettate il vaso fino a far uscire la zolla, inclinatelo e lasciatelo scivolare sulla mano.

- Tirate delicatamente il substrato dalle radici per liberarle. Potete farlo con le mani, senza paura. L'idea non è quella di rompere le radici, ma di scuoterle un po'. Nel caso in cui le radici siano molto aggrovigliate tra loro, formando una palla, dovrete individuare le radici principali (quelle più spesse e bianche) e tagliare il resto. Eliminate le radici che sembrano deboli, molli, acquose o marce. Questa è un'occasione d'oro per dare un'occhiata alle radici della vostra nuova pianta e se ci sono problemi, potreste essere in grado di risolverli.

- Prendete il nuovo vaso, mettete sul fondo un po' di ghiaia o simili e versate sopra un paio di centimetri di nuovo substrato.

- Se il substrato in cui la pianta è arrivata sembra sano, pulito e adatto, potete mescolarlo con quello nuovo.

- Posizionate la pianta al centro del nuovo vaso, sostenendola con la mano e aggiungendo altro terriccio per farla stare in piedi. Continuate ad aggiungere, appiattendo un po' con la mano per evitare vuoti o aria nel substrato, ma non fate troppa pressione, perché l'idea è che la pianta possa prendere aria e respirare.

- Riempire fino a pochi centimetri dal bordo, per evitare di far fuoriuscire acqua e substrato durante l'irrigazione.

- Innaffiate la pianta, ma senza esagerare. Non appena dal drenaggio inizia a uscire un po' d'acqua, interrompere l'irrigazione. La pianta non è in grado di gestire l'umidità in eccesso, quindi lasciatela respirare e datele tempo.

- Collocare la nuova pianta nella sua nuova casa. Tenetela sotto osservazione, non solo perché l'avete appena trapiantata, ma anche perché essendo nuova dovete conoscere i suoi ritmi e le sue esigenze. Ricordate di non farvi prendere dal panico se lo vedete un po' giù; è del tutto normale e si riprenderà da solo.

Consigli per un trapianto di successo

- Il trapianto deve essere effettuato con fiducia e sicurezza. Non temete, le piante sono molto più resistenti di quanto si pensi, quindi un po' di manipolazione non dovrebbe ucciderla.

- Tenete presente che il trapianto, pur essendo stressante per la pianta, raramente è un processo mortale, a meno che non danneggiate gravemente le radici della pianta. Se la pianta muore dopo il trapianto, nella maggior parte dei casi è dovuta a un altro problema, legato all'irrigazione, alla temperatura o all'illuminazione.

- Il trapianto è un evento traumatico per la pianta, quindi non dovrebbe essere effettuato di frequente. Lasciate che sia la pianta a dirvi quando è il momento ideale per farlo. Ci sono dei segnali a cui prestare attenzione prima di spostare la pianta dal vaso.

- Ci sono due momenti perfetti per rinvasare le nuove piante: immediatamente e qualche tempo dopo. Il fatto è che quando togliete la pianta dal negozio la stressate, quindi se trapiantate immediatamente, prolungherete solo un po' lo stress. Se potete aspettare a cambiare il vaso, fatelo per qualche settimana. Questa breve attesa permette alla pianta di acclimatarsi e poi si può trapiantare in tutta sicurezza.

- Scegliere il vaso giusto. Se la pianta è piccola, cercatene una con un diametro extra di 5-10 centimetri. Se la pianta è grande e alta, come quelle tipicamente collocate a livello del suolo, cercate un vaso di 15-20 centimetri di diametro in più. Non esagerate: se è troppo grande, accumulerà un'umidità eccessiva che può causare malattie e marciume radicale.

- Controllate sempre che il vaso abbia un foro di drenaggio. Se non ce l'ha, si tratta di un vaso decorativo e si deve mettere la pianta in un vaso normale, che verrà collocato all'interno del vaso. Sembra ovvio, ma è un dettaglio fondamentale e a volte i vasi di plastica possono avere i fori di drenaggio ostruiti.

- Lavare accuratamente il nuovo vaso prima del trapianto. In questo modo è possibile verificare se i fori di drenaggio sono a posto e rimuovere eventuali batteri, soprattutto se si tratta di un contenitore riciclato o lasciato da un'altra pianta.

- Prima di togliere la pianta dal suo contenitore, massaggiatela delicatamente. In questo modo la zolla e le radici del substrato si staccheranno dalle pareti del vaso. Se si tira senza farlo, si rischia di ferire le radici e di farle morire. Dopodiché, potete capovolgere il vaso e tenere con le mani la zolla completa del substrato.

- Se la pianta e il substrato sono troppo compatti e non escono dal vaso, non tiratela fuori. È meglio tagliare con cura il vaso usando forbici robuste.

- Allentare delicatamente le radici della pianta con le mani. Nel caso in cui si aggroviglino, formando un gomitolo, è necessario tagliarli. Non abbiate paura, usate forbici affilate e tagliate le radici meno profonde, più sottili e spezzate. Lascia le radici più bianche, più forti e più solide.

- Pulite le forbici con un batuffolo di cotone imbevuto di alcol dopo ogni taglio: in questo modo eviterete la trasmissione di batteri tra le radici o le piante.

- Evitate di trapiantare in condizioni climatiche estreme, come un'ondata di caldo o di freddo, per non stressare inutilmente la pianta.

- Trapiantate sempre all'ombra o in un'area coperta, mai alla luce diretta del sole. Le radici sono sensibili alla luce diretta del sole, quindi fate attenzione a non esporle troppo a lungo a correnti d'aria e al sole.

- Innaffiare la pianta un giorno prima del trapianto per assicurarsi che sia ben idratata e che le radici siano ben idratate. In questo modo si evita che le radici vengano colpite e subiscano uno shock. Allo stesso modo, non trapiantate mai una pianta appassita per mancanza d'acqua.

- Il rinvaso non deve essere fatto solo per vasi più grandi, ma può anche essere un modo per rinfrescare il substrato, aggiungerne uno adatto o arricchire quello esistente.

- A meno che non si riscontri un problema serio con il substrato esistente, è meglio mescolare il nuovo substrato con quello esistente. In questo modo si garantisce la propagazione dei batteri buoni presenti nel substrato e si rende il processo meno traumatico per la pianta, che si adatta più facilmente.

- Il substrato deve essere adatto al tipo di pianta. È possibile acquistare una miscela preconfezionata (che è molto più pratica) o creare le proprie miscele a partire da un substrato universale e altri additivi.

- Preferisco aggiungere uno strato di materiale che aiuti il drenaggio sul fondo del vaso. Alcuni dicono che non è necessario, ma non costa nulla e mi dà un po' di tranquillità perché aiuta la pianta a non ristagnare. I fondi tipici sono ghiaia, ciottoli, sassolini e persino argilla espansa o pezzi di vasi di terracotta rotti. È anche possibile utilizzare pezzi di polistirolo (polistirene), per riciclare questo materiale e ridurre il peso dei vasi. Sfruttate le vaschette del supermercato o tutto il materiale che viene messo nelle scatole per proteggere i prodotti da spedire.

- Non concimate mai una pianta appena trapiantata. Aspettate qualche settimana prima di farlo. Tuttavia, se avete utilizzato un nuovo substrato, la vostra pianta ha già a disposizione i nutrienti di cui ha bisogno.

- Innaffiate la pianta nel nuovo vaso, ma evitate di innaffiare eccessivamente il substrato, perché ciò potrebbe causare ulteriore stress alla pianta. Ricordate che il drenaggio è essenziale. Attendere che i primi centimetri del substrato si asciughino prima di annaffiare nuovamente.

- È del tutto normale che la pianta abbia un aspetto un po' brutto quando è appena trapiantata, che sembri un po' appassita o cadente. Non preoccupatevi, continuate a trattarla con cura e si acclimaterà presto al nuovo substrato e al nuovo vaso. Evitate di annaffiare o concimare eccessivamente, perché non è necessario e prolunga solo lo stress.

- Anche se la nuova pianta si trova alla luce diretta del sole, evitate di lasciarla in piena luce appena arrivate a casa. Questo può ucciderlo. È meglio abituarlo gradualmente alle radiazioni sociali. È semplice: posizionatelo in un luogo ben illuminato, dove riceva il sole per alcune ore al giorno. Ogni due settimane spostatela un po' più vicino al suo posto fisso e aumentate gradualmente il numero di ore al sole.

Condividilo con tutti!
Informazioni sull'autore
Ame Rodríguez

Dedicato alla creazione di un esercito di cactus, piante grasse, barboncini e gatti per aiutarmi a conquistare il mondo. In quel poco tempo libero che ho suono, scrivo e ballo.

5€ di Sconto

sul tuo primo acquisto
Iscriviti e unisciti al Club!

#LoveBeGreen


Accetto le condizioni d'uso e l' informativa sulla privacy..