Perché le mie piante sono giù

Un giorno tutto è bello e verde nel tuo giardino interno, ma un altro ti svegli e vedi tutte le tue piante cadenti, come se avessero letto il giornale e il peso della realtà le stesse schiacciando. Ci sono piante che naturalmente sono le regine del dramma (sì, vi sto vedendo cara Fitonia e Giglio della Pace), ma ce ne sono altre che non hanno questa abitudine di svenire quotidianamente ed è normale farsi prendere dal panico la prima volta che le vedi così.

Non preoccuparti, se agisci velocemente, potrai ravvivare le tue piante con una soluzione permanente. Ricorda che quando non ti senti molto bene, sei in grado di dirlo verbalmente e chiedere aiuto. Le tue piante non hanno voce, ma sono esseri viventi capaci di comunicare con te attraverso le loro foglie e la loro postura, quindi tutto questo spettacolo drammatico può offrirti importanti informazioni sul loro benessere. Fai un respiro profondo e continua a leggere, perché in questo articolo imparerai i motivi per cui le tue piante sono a terra, oltre a tutto ciò che devi fare affinché recuperino vigore e freschezza.

Piante cadenti vs piante appassite

Il primo passo è sempre quello di osservare attentamente le tue piante. Non è la stessa cosa avere una pianta cadente da una appassita, poiché una pianta appassita richiede più attenzione e può essere più difficile da recuperare rispetto a una cadente. Inoltre, entrambe le condizioni possono essere prodotte da cause diverse. Potremmo dire che una pianta cadente fa i capricci per indicare che per qualche motivo non si sente molto bene, mentre una pianta appassita sta già cominciando ad avere gravi conseguenze.

La principale differenza tra i due stati è nelle foglie. Le piante cadenti hanno steli verdi più flessibili, incapaci di stare in piedi, le foglie sembrano cadenti e offrono un aspetto di stanchezza e tristezza. Le foglie sono ancora verdi e anche se possono sembrare un po' raggrinzite, sono in perfette condizioni. Se tocchi le piante, sembrano come sempre, solo un po' più flaccide.

Una pianta che sta appassendo subisce immediatamente un cambiamento di colore nelle foglie. Potrebbe iniziare a diventare gialla o marrone, sembrare secca e tostata, iniziare a piegarsi su sé stessa e cadere. Se la tocchi, sembra tostata e croccante. Può verificarsi in una foglia solitaria e questo fa parte del ciclo vitale della pianta ed è normale che quella foglia muoia, cada e venga sostituita da un'altra. Tuttavia, può verificarsi anche solo in una sezione della pianta.

Le piante cadenti possono iniziare ad appassire se la causa non viene risolta presto e le piante appassite sono più vicine alla morte. Una grande differenza tra i due stati è che le piante possono avvizzire molto rapidamente a causa di infezioni fungine e batteriche, quindi è consigliabile esaminare attentamente le possibili ragioni per cui una pianta inizia ad appassire improvvisamente, poiché entrambe le situazioni sono progressive e più o meno lente.

Perché le piante sembrano cadenti?

Le piante sono esseri viventi in cui si svolgono processi che regolano le loro funzioni vitali. I mammiferi dipendono dagli scheletri e muscoli per mantenersi in posizione eretta, ma le piante a gambo verde (e alcuni animali come i ragni) dipendono da altri tipi di strutture e da un processo noto come turgore.

Il turgore può essere sostanzialmente definito come la pressione dell'acqua. In realtà, è un fenomeno in cui le cellule vengono dilatate dalla pressione dei fluidi ed esercitano una pressione verso l'esterno sulla parete cellulare, rendendola più solida. Immagina di avere un palloncino e di riempirlo d'acqua. Se ci metti poca acqua, il palloncino avrà poco volume e potrebbe sembrare flaccido e rugoso, mentre se lo riempi al massimo sarà più solido. Questo si verifica in quasi tutte le cellule, comprese quelle della pelle umana. Ecco perché quando sei disidratato, la tua pelle appare più flaccida e cadente.

Le piante sono come macchine idrauliche che dipendono interamente dalla pressione del turgore per stare in piedi, ma anche per regolare il processo di traspirazione e il metabolismo. Le piantine sono costituite quasi interamente da cellule turgide, quindi dipendono completamente dal corretto flusso e dalla pressione dell'acqua per rimanere stabili. Questa pressione dei liquidi si verifica nelle radici, che sono responsabili dell'assorbimento dell'umidità dal terreno per pomparla in tutta la pianta.

In piante come La Pianta della Preghiera e altre della famiglia Maranta, si verifica un processo noto come nictinastia. Le foglie di queste specie hanno un particolare sistema chiamato Pulvino che permette alle foglie di rispondere alla luce e alla temperatura. I pulvini regolano la pressione del turgore delle piante, grazie ad un fotorecettore chimico che fa ritirare l'acqua da alcune sezioni delle foglie durante la notte e si riempie durante il giorno, quindi queste piante chiudono le foglie verso l'alto durante la notte e le riaprono con l'arrivo del sole.

A differenza dei palloncini, che si riempiono d'acqua e rimangono tali perché la plastica è abbastanza resistente, le cellule hanno membrane permeabili che consentono lo scambio di liquidi e quindi è possibile la perdita di questi, che può portare alla disidratazione. Nel caso delle piante, nelle foglie sono presenti delle aperture chiamate stomi attraverso le quali avviene un processo noto come traspirazione che è essenziale per la fotosintesi.

Attraverso la traspirazione, l'acqua è costretta a fluire verso l'alto e all'interno della pianta, trasportando i nutrienti alle foglie, ma si trasforma anche in vapore acqueo, che viene rilasciato attraverso gli stomi. Questo processo è particolarmente efficiente in piante come dracene e maranta, perché aiutano a regolare i livelli di umidità negli spazi.

Se non c'è equilibrio tra l'acqua che si perde con la sudorazione e quella che viene assorbita attraverso le radici, allora c'è una perdita di liquidi che toglierà pressione al sistema, le cellule non saranno più stabili, così gli steli disidratati perdono volume e turgore. Di conseguenza la pianta apparirà cadente e triste. Questo è un meccanismo di difesa, perché in questo modo si minimizza la perdita d'acqua e viene utilizzata per processi più importanti, come la sintesi degli alimenti. Inoltre, le foglie cadenti e avvizzite espongono una superficie minore ai raggi solari che possono accelerare l'evaporazione della poca umidità esistente.

Cause di decadimento delle piante

Come ho detto all'inizio, le piante hanno il loro linguaggio per dire che sono sotto qualche tipo di stress. Possono cambiare colore, sviluppare macchie o apparire flaccide. La perdita di rigidità delle piante è un grido di aiuto che deve essere seguito immediatamente affinché non peggiori. Alcune delle cause di questo fenomeno possono essere:

Mancanza di annaffiatura

Questa è di solito la causa più comune. L'acqua è in continuo movimento nella pianta, una piccolissima parte è investita nella fotosintesi, il resto va via nel processo di traspirazione. Se non c'è abbastanza umidità nel substrato, l'equilibrio si altera e il turgore si perde nella pianta, quindi collassa davanti ai tuoi occhi.

Identificare questa causa è molto semplice: basta toccare molto bene il substrato e forarlo con il dito o con un bastoncino (io uso una delle bacchette usa e getta che ti danno nei ristoranti asiatici), se esce asciutto, allora devi regolare i modelli di irrigazione di quella pianta.

Ci sono piante, come la Fittonia e il Giglio della Pace, che sono molto drammatiche e prima di una minima mancanza d'acqua svengono. Questo di solito non è grave e annaffiarla molto bene è sufficiente, perché in un paio d'ore riacquisterà il suo aspetto.

Annaffiatura eccessiva

Paradossalmente, anche se annaffi eccessivamente otterrai una pianta cadente, ma questo è potenzialmente più pericoloso di una pianta con poca acqua. La pianta perderà sempre turgore quando non sarà in grado di assorbire abbastanza acqua. Questo accade perché o non viene annaffiata bene o perché ha troppa acqua.

All'inizio noterete i tipici segni dell'eccesso di acqua: la pianta ingiallirà, le foglie sembreranno gonfie (questo si chiama edema e significa che trattiene troppo liquido). Se l'eccesso di annaffiatura persiste allora le radici inizieranno a soffrire, perché con l'eccesso di umidità non potranno ossigenarsi adeguatamente, annegando e questo porterà anche infezioni da batteri anaerobi e le radici marciranno.

Diagnosticarlo è semplice. Cercare segni di edema e inserisci l'asta nel substrato. Se sembra acquoso, si attacca all'asta e macchia le dita, potrebbe esserci un problema di acqua in eccesso. Prova a togliere la pianta dal vaso e se puzza un po', con un odore sgradevole, come foglie marce o muffa, significa che ci sono problemi di marciume. Devi agire molto velocemente per salvarla.

Concime in eccesso

Questo di solito accade ai proprietari di piante alle prime armi ed entusiasti, dal momento che ci sembra che mettere un po' più di quanto indicato dal produttore sia perfetto per far crescere le piante più grandi ed esuberanti, giusto? Il problema è che i cartoni ci hanno tratto in inganno, perché l'eccesso di nutrienti nel concime provoca danni chimici e colpisce le radici delle piante, che non saranno in grado di assorbire abbastanza umidità dal substrato.

Problemi di temperatura

La temperatura sbagliata provoca stress alla pianta, sia nel caso di calore eccessivo che di correnti d'aria. Il calore in eccesso provoca danni diretti ai tessuti della pianta, se il sole cade direttamente sulle foglie. Anche quando è all'ombra, se fa troppo caldo l'umidità evapora molto più velocemente e asciuga non solo il substrato, ma anche le foglie. Questo è facile da notare: cerca foglie bruciate, macchie marroni e punte di foglie secche.

Temperature molto basse e correnti d'aria intermittenti possono causare danni diretti a foglie e radici. Il freddo impedisce alle radici di assorbire correttamente l'acqua, facendola appassire. Controlla se la pianta è vicino a una finestra o una porta dove riceve correnti d'aria.

Poca umidità

Molte piante, soprattutto quelle di origine tropicale, richiedono livelli di umidità leggermente superiori a quelli che normalmente abbiamo in casa. La maggior parte riesce ad adattarsi, ma se ci si trova in stagioni estreme (estate o inverno) con riscaldamento o aria condizionata, questo può seccare troppo l'ambiente, compromettendo il turgore delle piante.

Trapianti

I trapianti sono traumatici per le piante, poiché spesso è inevitabile provocare un piccolo danno alle radici, vuoi perché è stato difficile rimuoverla dal vaso, perché era cresciuta troppo o perché il terreno era molto compatto nell'apparato radicale. Le radici non sono fatte per essere esposte all'aria aperta o per ricevere luce solare diretta. Sono organismi delicati, quindi la loro funzione può essere danneggiata dall'essere manipolate. Per questo motivo è normale vederla un po' giù quando la metti in un nuovo vaso. Evita di annaffiare eccessivamente dopo il trapianto, poiché questo, lungi dall'aiutare la pianta, può peggiorare il problema.

Scarsa o eccessiva luce

Ricordi quando abbiamo parlato di piante che hanno la nictinastia? Questi tipi di piante hanno organismi specializzati che sono sensibili alla quantità di luce nell'ambiente, quindi tendono a mostrare gli effetti dei problemi di illuminazione molto più velocemente. Se hai una Calathea Roseopicta, ad esempio, e la metti in un luogo dove riceve il sole diretto, si decomporrà e appassirà quasi immediatamente. Ma non è esclusivo di queste specie, poiché quasi tutte le piante risponderanno in questo modo a una scarsa illuminazione.

Come migliorare le piante cadenti

Se le tue piante sono giù, abbattute e tristi, è ora di mettersi al lavoro. Se hai letto correttamente le cause, allora saprai già cosa ha causato quel livello di stress nei tessuti della tua pianta, quindi sei pronto per iniziare a risolverlo:

Mancanza di annaffiatura:

La soluzione è semplice: annaffiare bene e in profondità. Se ritieni che il substrato sia troppo asciutto, puoi immergerla per un po' in un secchio d'acqua, che copre a malapena il vaso. Quindi lasciala scolare molto bene, controlla che fuoriesca l'acqua in eccesso. Se hai una succulenta o una pianta molto frondosa ed è difficile inumidire bene il substrato, puoi annaffiarla dal basso, metterla in una bacinella poco profonda con acqua, che arrivi al centro del vaso e lasciarla per circa 20 minuti, assorbirà l'acqua necessaria. Non dimenticare di regolare i modelli di irrigazione, è meglio annaffiare di rado e con una grande quantità d'acqua, piuttosto che con poca acqua e più volte alla settimana. Per le piante drammatiche come il Giglio della Pace, puoi acquistare un dispositivo di irrigazione automatico, in questo modo non rimarranno mai senza acqua.

Annaffiatura eccessiva

Questo è un po' più complicato. Rimuovi la pianta dal vaso, facendo attenzione alle radici. Controlla se il substrato è troppo impregnato d'acqua. Se è così, è meglio metterla in un substrato fresco e asciutto, togliendo quello che è impregnato. Controlla le radici per assicurarti che non siano marce o ammuffite. Controlla i fori di drenaggio del vaso e posiziona sempre sul fondo uno strato di sassolini o punte in polistirolo che faciliteranno la fuoriuscita dell'acqua in eccesso. Prima di annaffiare, controlla il substrato o acquista un bel indicatore di umidità, evitando così eventuali problemi di irrigazione.

Concime in eccesso

Questo viene eliminato annaffiando generosamente e abbondantemente per "lavare" il substrato, rimuovere i nutrienti in eccesso e rimuovere qualsiasi fertilizzante residuo che potrebbe danneggiare le radici. Se pensate che l'eccesso superi questo metodo, potete cambiare il substrato della pianta, lasciandone poco sulle radici, per evitare di maltrattarle e annaffia abbondantemente, lasciandola scolare molto bene per evitare problemi dovuti all'eccesso di annaffiature.

Problemi di temperatura e di luce

La soluzione è semplice: sposta la pianta. Puoi scoprire le preferenze della pianta, indagando sulla sua origine. Se le hai acquistate da Be Green, puoi trovare queste informazioni sulla scheda che hai ricevuto con la tua nuova pianta o sul nostro sito web. Evita di mettere le piante vicino a porte e finestre perché senza accorgercene le sottoponiamo a correnti d'aria che le stressano. Vuoi migliorare l'illuminazione ma non hai molte finestre? Bene, prendi una bella lampada UV. Le tue piante l'adoreranno e ti darà una piccola luce di colore che starà benissimo con la tua decorazione.

Poca umidità

Spruzza molto delicatamente le tue piante tropicali con un irrigatore. Ricorda che le succulente non dovrebbero mai essere bagnate, perché si macchiano e marciscono. Un altro trucco è mettere insieme molte piante in modo che regolino loro stesse l'umidità.

Trapianti

Cambia i vasi delle piante solo quando è veramente necessario. Se trovi poco carino il vaso, puoi cercare dei simpatici supporti per vasi decorativi. Cerca di fare i trapianti in primavera ed estate, sempre all'ombra o nelle ore di poco sole. Fallo velocemente, senza tirare la pianta e cerca di non manipolare l'apparato radicale. Non sempre è necessario allentare il terreno che si è attaccato, se la pianta è sana è meglio lasciarla così com'è. Annaffia normalmente e dalle il tempo di abituarsi alla sua nuova casa. In breve tempo tornerà rosea e sana.

Condividilo con tutti!
Informazioni sull'autore
Ame Rodríguez

Dedicato alla creazione di un esercito di cactus, piante grasse, barboncini e gatti per aiutarmi a conquistare il mondo. In quel poco tempo libero che ho suono, scrivo e ballo.

Ricevi la tua pianta a domicilio 🕊

5€ di Sconto

sul tuo primo acquisto
Iscriviti e unisciti al Club!

#LoveBeGreen


Accetto le condizioni d'uso e l' informativa sulla privacy..