Come avvicinarsi al mondo dei Bonsai

È opinione diffusa che prendersi cura di un bonsai sia molto complicato e il modo in cui viene presentato nei film e nelle serie non aiuta molto a chiarire questo mito. Se è vero che il bonsai è un'arte antica, non c'è niente di esotico, misterioso o troppo difficile nel prendersene cura. In una certa misura, prendersi cura di un bonsai è come prendersi cura di qualsiasi altra pianta e, sebbene ci siano dettagli differenti di cui tenere conto, chiunque può godere dei vantaggi di avere queste bellezze a casa. È necessaria solo un po' di conoscenza per acquisire sicurezza, poi dopo aver letto e imparato come avvicinarsi al mondo dei bonsai, correrai a comprarne uno.

Bonsai 101: le basi 

Molte persone credono che un bonsai sia una specie di albero, quando in realtà bonsai si riferisce alla tecnica che permette di mantenere gli alberi nani, oltre a conferire loro una forma ed un'estetica molto particolari. D'altra parte, la parola bonsai si riferisce all'intera pianta e al vaso perché l'obiettivo è offrire un paesaggio in miniatura, quindi è possibile vedere spesso disposizioni con rocce e altri elementi naturali in armonia con l'albero. Un bonsai può essere realizzato praticamente da qualsiasi specie di albero, sebbene si preferiscano sempre alcune specie rispetto ad altre per ragioni estetiche e ambientali. 

Un'altra caratteristica interessante del bonsai è che, a differenza di un dipinto o di una scultura, è un'opera che non finisce mai. È in costante crescita e sviluppo, quindi in un certo senso non puoi possederlo, te ne prendi semplicemente cura fino a quando la generazione successiva lo farà al posto tuo. Essendo alberi così longevi e unici, è facile capire perché hanno un significato così profondo e importante nella cultura giapponese. 

Tipi di bonsai 

Prima di comprare il tuo primo bonsai, dovresti capire quale tipo desideri. I bonsai possono essere classificati in base all'aspetto e alla dimensione. A seconda del modo in cui viene coltivato il tronco, un bonsai può essere: 

Moyogi - Stile eretto informale

In questo stile di bonsai l'albero è in posizione verticale, sebbene il tronco possa presentare alcune curvature. È una forma molto popolare negli alberi per i principianti, poiché non richiede così tante cure in termini di potatura e cablaggio dei rami, inoltre, la maggior parte degli alberi sono molto belli con questo aspetto. Il tuo primo bonsai sarà sicuramente di questo stile.

Hokidachi - A scopa

Questo stile è ideale per quegli alberi caducifoglie che tendono ad avere rami sottili e sono molto frondosi. Come suggerisce il nome, il tronco è dritto, ma si ramifica a un terzo dell'altezza come se fosse una scopa capovolta. 

Chokkan - Stile eretto formale 

Questo tipo di bonsai richiede che il tronco sia completamente dritto e che la base del tronco appaia un po' più larga del resto, dando l'aspetto di un triangolo. È uno stile che si vede in natura nelle conifere quando crescono senza dover lottare per la luce. Sembrano molto imponenti e belli, soprattutto perché offrono un insieme molto naturale. 

Shakan - Inclinato

Come suggerisce il nome, il tronco dovrebbe crescere con un angolo, se possibile, tra i 60° e gli 80°. Per mantenere l'equilibrio visivo, il primo ramo viene lasciato nella direzione opposta all'inclinazione. L'albero dovrebbe mantenere la forma conica, con una base più larga che si assottiglia fino all'apice. In questo caso l'idea è di imitare quegli alberi che a causa delle condizioni esterne (il vento, il terreno, la mancanza di luce) crescono in direzioni fantasiose. 

Kengai - A cascata 

Immagina che un albero sia cresciuto sul bordo di una montagna, appesantito da rocce scivolose e cresciuto verso il basso. Bene, questo è fondamentalmente un Kengai. In un certo senso, è un aspetto complicato perché l'albero è costretto a crescere nella direzione opposta a quella naturale. Di solito viene piantato in vasi alti e si cerca di far crescere i rami orizzontalmente per armonizzare il tutto. 

Come inizio?

Semi, talee e alberi

Esistono diversi modi per ottenere un bonsai. Ci sono quelli che coltivano la specie scelta a partire dal seme e, sebbene ciò sia possibile, questo richiede una buona dose di pazienza in quanto potrebbero essere necessari dai 3 ai 5 anni prima di poter iniziare a modellarlo. Questo metodo è economico, ma non pratico per l'appassionato che vuole godersi subito la bellezza del bonsai. 

Un'altra opzione è comprare o cercare un albero giovane, infatti ci sono posti che vendono pre-bonsai o alberi delle giuste dimensioni per iniziare a lavorarci. Per questo è necessario saper lavorare bene con le radici e saper stilizzare i rami usando i fili, sebbene sia un rischio perché non sempre sopravvivono, soprattutto all’inizio quando si sta imparando. 

Secondo me, l'opzione migliore per addentrarsi nel mondo dei bonsai è acquistare un alberello già preparato e pronto da portare a casa. Così sei sicuro che il bonsai sia forte e che sia sulla buona strada per continuare a svilupparsi sano e felice. Dovrai solo prendertene cura. In ogni caso, si consiglia di acquistarlo in luoghi fidati come Be Green per avere la garanzia di ricevere un albero sano e perfetto. 

Scegli l'albero giusto

Il primo punto vale per la scelta di qualsiasi pianta: devi conoscere il tuo spazio e il tuo stile di vita. Devi tener conto dello spazio, delle condizioni climatiche e della regione in cui vivi. Allo stesso modo, dovresti pensare se vuoi avere il bonsai dentro o fuori casa in quanto questo è decisivo per scegliere la specie perfetta. Se decidi di tenerlo fuori, puoi trovare molte più opzioni, ma non scoraggiarti, ci sono specie preziose che crescono molto bene all'interno. 

La cosa migliore è scegliere un albero che cresce in modo naturale nella tua città o regione, perché saprai che si adatterà perfettamente allo spazio. Ad esempio, l'olivo o l'Acer palmatum possono crescere perfettamente in quasi tutte le regioni della Spagna. Se hai domande, puoi chiedere agli esperti di Be Green al momento dell'acquisto. 

La dimensione perfetta

I bonsai sono disponibili in una varietà di dimensioni in base alla specie e a come è stato sistemato l'albero. È possibile trovare esemplari di circa 20 centimetri, fino ad altri incredibili di 1 metro o più. Pensa a dove posizionarlo, alla luce che può ricevere e all'aspetto estetico e ricorda che il più piccolo potrebbe richiedere un po' di attenzione in più.

Il vaso è importante

La parola bonsai comprende l'insieme di pianta e vaso, questo perché un bonsai è un pezzo di paesaggio a casa. Il vaso dovrebbe integrarsi con le dimensioni e lo stile dell'albero. Dovrebbe essere più largo che alto, con abbastanza substrato da coprire le radici dell'albero e i fori di drenaggio che facilitano l'uscita dell'acqua in eccesso. Il trucco è occuparsi prima di tutto della forma e della funzione del vaso, poi puoi passare a un vaso migliore dal punto di vista estetico quando l'albero è un po' più sviluppato.

Cura dei Bonsai 

Sebbene la cura di ogni bonsai dipenderà direttamente dalla specie dell'albero, ci sono considerazioni generali a cui devi prestare attenzione. Come per qualsiasi tipo di pianta, la cosa più importante è posizionarla nel posto giusto, dove riceve la quantità di luce e umidità di cui ha bisogno per stare bene. Una volta posizionato bene, prendersene cura sarà più facile. 

[SKU:CM200324; CM200328]

Irrigazione

La quantità e la frequenza dell'irrigazione dipenderanno, come sempre, da diversi fattori come la specie dell'albero, le dimensioni del vaso, il clima e la sua posizione. In ogni caso, devi sapere che avendo un vaso così piccolo, il substrato di solito si asciuga rapidamente quindi devi controllare molto l'irrigazione. Ciò non significa annaffiare quotidianamente o più volte al giorno, perché l'umidità in eccesso può causare marciume radicale, ossia una delle principali cause di morte dei bonsai. Presta attenzione al substrato prima di annaffiare e studia la sua frequenza. Verifica sempre che i fori di drenaggio non siano ostruiti e che il vaso sia della misura giusta per l'albero. 

Rinvaso e substrato 

La maggior parte dei bonsai richiede in genere un cambio di vaso circa ogni anno e mezzo o ogni due anni. Ciò impedirà alle radici dell'albero di crescere così tanto da non avere abbastanza spazio per svilupparsi, impigliarsi in sé stesse e rendere difficile l'assorbimento dell'acqua. 

Per procedere con il rinvaso bisogna rimuovere con cura il bonsai dal vaso, cercando di proteggere le radici principali. Rimuovi delicatamente il substrato in eccesso. Puoi potare le radici, rimuovendo le punte più spesse e più vecchie che non hanno funzioni nutrizionali. Alza la pianta e usa delle forbici pulite e affilate per tagliare la parte inferiore dell'apparato radicale, la parte che pende, più o meno al centro. Questo stimola la crescita delle radici e preserva le dimensioni dell'albero. 

Per quanto riguarda il substrato, dovrebbe trattenere l'acqua, senza ristagni, consentendo un adeguato drenaggio che permetta la circolazione dell'ossigeno e prevenga il marciume radicale. Queste caratteristiche possono essere raggiunte da un substrato inorganico, che contiene un po' di akadama, ossia un'argilla cotta fatta appositamente per i bonsai e la giusta proporzione di materia organica. 

Potare e modellare

Anche se all'inizio non dovrai potare il tuo bonsai, a un certo punto sarà necessario farlo quando si è sviluppato così tanto da iniziare a perdere la sua forma. L'obiettivo della potatura è far sembrare l'albero esattamente come un grande esemplare adulto, ma in miniatura. La potatura va effettuata in primavera e utilizzando attrezzi idonei per non danneggiare i rami. Se vuoi potarlo per motivi estetici, fallo in inverno.

Ci sono alcune regole da tenere a mente quando si potano i rami di un bonsai: 

- Quando hai 2 rami sull'albero della stessa dimensione, tagliane uno e mantieni l'altro.

- Se uno dei rami cresce in modo strano, storto o innaturale, devi tagliarlo.

- Se noti che in cima all'albero ci sono rami troppo spessi e sproporzionati, devi tagliarli.

Taglia regolarmente i rami sporgenti che danneggiano la forma conica o triangolare del tuo albero, oltre a rimuovere foglie secche o rami spezzati. Ricordati di usare sempre strumenti adatti e procedi per gradi, puoi sempre rifilare un po' di più dopo, ma se esageri con il taglio e deformi l'albero, dovrai armarti di pazienza e aspettare che ricresca. 

Per quanto riguarda le tecniche per modellare e stilizzare l'albero, si utilizzano fili di alluminio anodizzato o di rame, avvolti delicatamente sui rami per poterli piegare e spostarli nella forma desiderata. In questo modo, puoi dare all'albero l'aspetto che desideri. Questo non è un compito da principianti e devi saperlo fare bene per non ferire il ramo e per ottenere il risultato desiderato. Se hai acquistato un albero già cresciuto e stilizzato, non sarà necessario questo passaggio. 

Fertilizzante

L'applicazione di concimi e/o fertilizzanti deve essere effettuata durante il periodo di crescita attiva (primavera ed estate), a seconda della specie dell'albero, anche se molti utilizzano un fertilizzante bilanciato 7-7-7. La fertilizzazione è molto importante perché l'albero si trova in uno spazio limitato, con una quantità ridotta di nutrienti che devi reintegrare con una certa regolarità. Si consiglia di diluire i fertilizzanti alla metà di quanto indicato nelle istruzioni oppure di utilizzare metà della dose per non rischiare di bruciare le radici con un eccesso di nutrienti. 

Condividilo con tutti!
Informazioni sull'autore
Ame Rodríguez

Dedicato alla creazione di un esercito di cactus, piante grasse, barboncini e gatti per aiutarmi a conquistare il mondo. In quel poco tempo libero che ho suono, scrivo e ballo.

Ricevi la tua pianta a domicilio 🕊

5€ di Sconto

sul tuo primo acquisto
Iscriviti e unisciti al Club!

#LoveBeGreen


Accetto le condizioni d'uso e l' informativa sulla privacy..