Cambiare casa: come e quando ripiantare

Cambiare casa: come e quando ripiantare

Quando sentite che il vostro appartamento sta diventando troppo piccolo, che non offre più ciò di cui avete bisogno o che la sua posizione semplicemente non vi soddisfa più, sapete che è arrivato il momento di pensare a un trasloco. Lo stesso vale per le piante. Il vaso è come la casa della pianta, contiene il substrato da cui ricava l'acqua e i minerali per sintetizzare le sostanze nutritive e protegge le radici; ma ci sono momenti in cui questa casa non è più sufficiente, quindi è essenziale rinvasare. Vi mostreremo come riconoscere quali sono i segnali che indicano che è il momento ideale per farlo e qual è la procedura per farlo.

Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista

quando trapiantare?

Così come il trasloco è difficile e complicato, il trapianto è traumatico per la pianta. Non è un processo naturale e richiede energia per adattarsi al nuovo habitat, quindi va fatto solo quando è necessario e rispettando i tempi di ogni specie vegetale. Si dovrebbe considerare il trapianto quando:

  • La pianta ha smesso di crescere e svilupparsi.
  • Le radici fuoriescono dai fori di drenaggio del vaso o dal substrato. Ciò significa che il vaso è già troppo piccolo e che è urgente spostarlo per evitare che muoia.
  • L'avete appena acquistata e il vaso sembra troppo piccolo, al punto da piegarsi sotto il peso della pianta.
  • Si trova in un substrato inadatto.
  • Il vaso si è rotto o deteriorato.

Consigli prima del rinvaso

  • Il tipo di substrato deve essere adatto alle esigenze specifiche della pianta.
  • La pianta non deve essere in piena fioritura o produrre frutti, perché il rinvaso potrebbe interrompere la fioritura.
  • Il momento ideale per il rinvaso è la fine dell'inverno, poco prima che la pianta si risvegli per la primavera.
  • Se la pianta è stata appena acquistata ed è appena arrivata a casa, è necessario attendere almeno una settimana affinché si abitui al nuovo ambiente, alle condizioni di luce e di umidità.
  • Scegliere il vaso giusto. Esistono vasi in plastica e in argilla o porcellana, che offrono alcuni vantaggi estetici e funzionali rispetto a quelli in plastica. La cosa più importante è scegliere la taglia. Se è troppo piccolo, dovrete cambiarlo dopo poco tempo, ma se è troppo grande, correte il rischio che si impregni d'acqua.

Le dimensioni dipendono dal tipo di pianta. Se state rinvasando una pianta che cresce molto, come le palme, il bambù, la costola di Adamo, tra le altre, cercatene una più larga e più lunga di circa 5 cm rispetto a quella che avevate. I cactus e le piante grasse hanno bisogno di vasi più larghi piuttosto che alti.

Come rinvasare

Scegliete un luogo ombreggiato o riparato dove il sole diretto non raggiunga le radici durante il processo. Raccogliete tutto il necessario: il substrato, il nuovo vaso, la pianta, le forbici, l'annaffiatoio e vecchi giornali per proteggere la superficie. Se la pianta ha le spine, come i cactus, è bene munirsi di guanti protettivi. Preparare la nuova pentola. È consigliabile anteporre al substrato uno strato di ghiaia, che migliora il drenaggio ed evita problemi di ristagno dell'acqua.

Ora togliete la pianta dal vecchio vaso. Se le radici fuoriescono dai fori di drenaggio, è necessario rompere il vaso con le forbici per evitare di danneggiare le radici. È necessario agire con delicatezza, per evitare che la zolla (il terreno che ricopre le radici e che ha la forma del vaso) si sgretoli. In questo modo si proteggono le radici. Iniziate innaffiando molto bene la pianta, per compattare il terreno.

Picchiettate il vaso sui lati per staccare la zolla dalle pareti. Se è piccola, tenete la pianta con il palmo della mano che copre l'imboccatura del vaso e capovolgetela in modo che l'intera zolla di terra cada nelle vostre mani. Se la pianta è molto grande, si può afferrare con cautela la base del tronco o del fusto principale della pianta e tirare delicatamente verso l'alto. Dovrebbe uscire facilmente.

Posizionate la zolla nel nuovo vaso per misurare se è all'altezza giusta e quanto substrato dovete aggiungere sopra il fondo di ghiaia in modo che sia al centro e ad una buona altezza. Una volta pronto, aggiungete altro terriccio intorno alla zolla, premendo delicatamente per dare stabilità e fermezza alla pianta. Se volete, potete mettere dei sassolini o della ghiaia sulla superficie.

Una volta rinvasata, annaffiate molto bene la pianta e mettetela in un luogo semi-ombreggiato finché non vedrete che inizia a crescere. Potete concimare nuovamente un mese dopo il trapianto. Ricordate che ogni trasloco può essere difficile, ma un cambiamento in meglio sarà sempre positivo e la vostra pianta ve ne sarà grata.
Condividilo con tutti!
Informazioni sull'autore
Ame Rodríguez

Dedicato alla creazione di un esercito di cactus, piante grasse, barboncini e gatti per aiutarmi a conquistare il mondo. In quel poco tempo libero che ho suono, scrivo e ballo.

5€ di Sconto

sul tuo primo acquisto
Iscriviti e unisciti al Club!

#LoveBeGreen


Accetto le condizioni d'uso e l' informativa sulla privacy..