Mantenete le vostre orchidee vivaci e brillanti

Tipologie di orchidee

Esistono migliaia di specie e ibridi di orchidee, ma i generi più popolari sono due. Da un lato ci sono gli ibridi di phalaenopsis, che sono noti anche come orchidee falena, con foglie larghe alla base e lunghi steli sormontati da fiori rosa, bianchi, gialli o viola.

D'altra parte, ci sono i dendrobium, ibridi chiamati anche orchidee a canna, che portano diversi fiori lungo steli eretti e frondosi .

Inoltre, bisogna sapere che le orchidee da interno sono principalmente epifite (quelle che crescono sugli alberi) o litofite (che crescono sulle rocce). Nel loro habitat naturale, questo significa che usano alberi o rocce come supporto e come modo per nutrirsi dei detriti vegetali accumulati intorno alle loro radici. Esistono anche alcune specie terrestri che crescono sul terreno.

Anche se di questo tipo, molte orchidee epifite e litofite possono essere coltivate in vasi contenenti un terriccio per orchidee specializzato e non drenante. In questo modo, le orchidee spesso formano radici aeree al di fuori del contenitore.

Orchidea Tigre
29,00 €
Delicata e purificatrice
Acquista
Orchidea Bambù Bianca
34,00 €
Dendrobium Bianca
Acquista
Orchidea Blu
29,00 €
Delicada e purificatrice
Acquista
Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista

Come prendersi cura delle orchidee

La cosa più importante da sapere sulle orchidee è il loro bisogno di acqua. L'ideale è annaffiarle una volta alla settimana, controllando spesso il terreno fino a quando non si ha un'idea precisa della quantità d'acqua di cui l'orchidea ha bisogno. È consigliabile tenere presente che tra un'annaffiatura e l'altra è necessario lasciare asciugare un po' il terreno.

Le orchidee coltivate in casa possono beneficiare di una maggiore umidità. Il modo migliore per ottenere questo risultato è collocare una vaschetta di umidificazione sotto la pianta. Per farlo, ricoprite il fondo di una vaschetta poco profonda con uno strato di sassolini (piccole pietre arrotondate) e poi aggiungete l'acqua appena sotto la sommità dei sassolini. Posizionate la pianta in cima, facendo attenzione che il fondo del vaso non tocchi la superficie dell'acqua. Alla fine, l'acqua evaporerà lentamente, aggiungendo umidità all'aria intorno alla pianta.

Fertilizzazione, la chiave per mantenere il vigore

Concimate le orchidee una volta alla settimana con un fertilizzante bilanciato per piante da interno, diluito in un quarto di litro. Infine, trapiantate la vostra orchidea ogni tre anni circa, trasferendola in un contenitore più grande, preferibilmente un vaso per orchidee, che permetta alle radici di ricevere più aria. Questi vasi hanno fori, fessure o altre aperture sui lati per migliorare il flusso d'aria verso le radici della pianta.

Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista

Dopo la fioritura delle orchidee, i fiori spesso cadono. È normale, non pensate di averla curata male e inoltre la pianta impiegherà del tempo per rifiorire. Per questo motivo si consiglia di lasciare la pianta vicino o all'ombra di un albero, in un luogo fresco, finché non ricomincia a fiorire. Le orchidee hanno una durata di vita straordinariamente lunga (fino a 100 anni o più), quindi a volte sopravvivono ai loro proprietari. Infatti, i fanatici delle orchidee lasciano le loro preziose orchidee ad altri nel testamento.

Temperatura e luce per le orchidee

Le orchidee amano un'ampia gamma di temperature, quindi scegliete la posizione migliore in casa per soddisfare le esigenze della vostra orchidea.

Da un lato, ci sono le orchidee a crescita fresca, come la Brassia, il Dendrobium o l'Oncidium. Tutte hanno bisogno di una temperatura minima di 10°C, quindi una serra o una stanza interna non riscaldata saranno ideali per la loro cura. Se coltivata in un ambiente più caldo, la fioritura sarà ridotta. D'altra parte, possono essere collocate all'aperto in estate, in un luogo ombreggiato.

Le orchidee a temperatura intermedia, come Miltoniopsis e Paphiopedilum, preferiscono invece una temperatura minima di 13-15°.

Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista
Orchidea Rosa
34,00 €
Delicata e purificatrice
Acquista

Infine, le orchidee a crescita calda, come le popolarissime Phalaenopsis, godono di condizioni ambientali interne per tutto l'anno, con una temperatura minima richiesta di 18°C.

Irrigazione, umidità e alimentazione

Le orchidee prediligono un'elevata umidità, ma le loro radici marciscono facilmente nel terriccio umido, quindi annaffiate una volta alla settimana con acqua piovana tiepida .

L'ideale è innaffiare dall'alto e versare sempre l'acqua che si raccoglie nel sottovaso. In alternativa, immergere il contenitore in un secchio d'acqua e lasciarlo scolare completamente. Di tanto in tanto si consiglia di spruzzare acqua sul fogliame e sulle radici aeree. E ricordate di ridurre l'umidità in inverno se le temperature sono basse.

Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista
Innaffiatoio in Acciaio
19,00 €
Irrigazione di precisione
Acquista

Come avrete capito, le orchidee hanno esigenze alimentari diverse. Tuttavia, come regola generale, si consiglia di nutrirle con un fertilizzante liquido per orchidee ogni tre annaffiature durante la stagione di crescita.

quando trapiantare le orchidee?

Il rinvaso delle orchidee può essere effettuato ogni due o tre anni, indipendentemente dal fatto che l'orchidea sia cresciuta più del suo vaso, poiché il terriccio vecchio per orchidee si decompone e impedisce all'aria di raggiungere le radici, causando malattie.

Utilizzate sempre un terriccio per orchidee a base di corteccia, mai un terriccio a base di argilla o un normale terriccio per tutti gli usi, in quanto questi ultimi uccidono l'orchidea.

Quando trapiantate le vostre orchidee monopodiali, come le phalaenopsis, se le radici rimaste entrano comodamente nel vecchio vaso dopo aver rimosso il vecchio terriccio e le radici morte, riutilizzate il vaso. Un vaso troppo grande farà sì che il terriccio si asciughi troppo lentamente dopo l'annaffiatura, causando il marciume delle radici.

Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista

Per le orchidee simpodiali (che formano ciuffi) è meglio utilizzare un vaso abbastanza largo da consentire una nuova crescita di due anni . Il trapianto dei Cymbidium è preferibile in primavera, subito dopo la fioritura.

Diversi modi di propagare le orchidee

La propagazione delle orchidee da seme richiede attrezzature di laboratorio specializzate, tuttavia alcune orchidee possono essere propagate con successo con altri mezzi:

  • Con le piantine:

In alcune specie compaiono nei punti di crescita degli steli. È opportuno separare le piantine quando hanno sviluppato diverse radici e metterle in un terriccio per orchidee. All'inizio annaffiate con parsimonia e nebulizzate quotidianamente.

  • Da talee di fusto:

È possibile prelevare talee di fusto da molte orchidee Dendrobium. Tagliate uno stelo lungo fino a 30 cm e dividetelo in sezioni di 7-10 cm, con almeno una gemma dormiente in ogni sezione. Poi le talee devono essere collocate in un vassoio di muschio umido.

  • Per divisione:

Questo metodo può essere utilizzato per propagare orchidee come Cattleya, Cymbidium e Oncidium in primavera, subito dopo la fioritura. È necessario dividere solo le piante che sono sovraffollate nel vaso. Tagliare i rizomi che si attaccano agli pseudobulbi, assicurandosi che ogni divisione abbia almeno tre pseudobulbi sani. Tagliare le radici morte e rimuovere gli pseudobulbi marroni e raggrinziti prima di rinvasare le divisioni singolarmente.

Quali sono i problemi più comuni nella coltivazione delle orchidee?

La causa principale che influisce sulla salute delle orchidee è di solito l' irrigazione eccessiva, che si nota quando le radici diventano molli e inzuppate. La morte delle radici provoca il collasso della pianta.

Un altro rischio che si può correre è la sovralimentazione, che provoca danni alle radici. Nei casi più gravi, le radici e il compost si ricoprono di cristalli di fertilizzante. Per risolvere il problema, è necessario immergere il vaso in acqua per sciogliere il concime in eccesso. Non superare le dosi di applicazione consigliate e non nutrire l'orchidea durante il periodo di riposo.

Il problema più comune è quello delle scottature solari, che causano foglie sbiancate e bruciate. Per risolvere questo problema, ombreggiate la pianta ed evitate la luce diretta del sole. Un altro problema delle orchidee è la mancanza di fioritura. Questo potrebbe suggerire la necessità di un periodo di riposo e/o di un periodo di temperature più basse per avviare la fioritura.

Le orchidee possono anche essere attaccate da cocciniglie, mosche bianche, acari o cocciniglie.

Se lasciate la vostra pianta all'aperto durante l'estate, proteggetela anche con prodotti specifici dai danni di lumache e chiocciole. Le orchidee possono essere colpite anche da vari virus. I sintomi includono macchie di colore verde pallido o giallo, strisce marroni e nere o motivi ad anello e altri tipi di decolorazione.

Condividilo con tutti!
Informazioni sull'autore
Ame Rodríguez

Dedicato alla creazione di un esercito di cactus, piante grasse, barboncini e gatti per aiutarmi a conquistare il mondo. In quel poco tempo libero che ho suono, scrivo e ballo.

5€ di Sconto

sul tuo primo acquisto
Iscriviti e unisciti al Club!

#LoveBeGreen


Accetto le condizioni d'uso e l' informativa sulla privacy..