Come sapere se annaffi troppo la tua pianta

Quando si tratta di piante, ci sono due tipi di persone: i genitori smemorati e i genitori iperprotettivi. Quelli del primo gruppo sono quelli che dimenticano completamente di dover annaffiare o prendersi cura delle loro piante, possono persino dimenticare di avere delle piante. Quelli del secondo gruppo sono quelli che controllano sempre le loro piante, le concimano, le toccano e le annaffiano. La cosa ironica è che entrambi finiscono con lo stesso risultato: piante morte. Che tu ci creda o no, l'eccesso di affetto e attenzione per la tua pianta può essere fatale quanto la dimenticanza, o anche peggio.

Uno dei problemi più comuni è l'acqua in eccesso. Potresti seguire alla lettera le istruzioni che ti hanno dato sull'annaffiatura, ma la tua pianta continua a non crescere e sembra che stia per morire. Quello che succede è che le istruzioni per l'irrigazione sono generalmente piuttosto referenziali, poiché la quantità e la frequenza dell'annaffiatura dipenderanno anche da fattori ambientali. Ma non preoccuparti, siamo pronti a mostrarti tutto. Imparerai a capire se annaffi eccessivamente la tua pianta, come salvarla e come evitare questo errore in futuro. 

Segni che stai annaffiando troppo 

Steli cadenti e pesanti 

La tua pianta sembra appassita e decaduta, ma quando tocchi il substrato è bagnato. È strano, perché la pianta sembra verde, ma triste e con steli pesanti. In effetti, tocchi le foglie e, lontane dall'essere secche o croccanti, sembrano pesanti e tristi. Bisogna fare attenzione alla base del tronco che è a contatto con il substrato perché è la prima parte a marcire. 

Foglie marroni 

Le foglie diventano marroni quando le radici non riescono a soddisfare la richiesta di umidità della pianta, poi iniziano a distribuire ciò che riescono a ottenere per mantenere i processi più basilari, tralasciando prima le parti più alte e distanti che inizieranno a seccarsi e il tessuto alla fine morirà. Questo accade quando non annaffi abbastanza, ma se annaffi troppo, soffocherai le radici che non saranno in grado di assorbire bene l'acqua e avrai lo stesso effetto perché in entrambi i casi danneggerai le radici. Devi tenere d'occhio le punte delle foglie che sono le prime a soffrire.

Edema

La radice della pianta è una macchina efficiente che assorbe l'acqua per soddisfarne il fabbisogno. Ma se ne ha troppa a disposizione, la pressione dell'acqua inizia ad accumularsi nelle cellule fogliari. Queste cellule esplodono, formando una sorta di vescica che assomiglia a lesioni. Queste lesioni si aprono e crescono formazioni granulari che sembrano verruche. Si vede molto negli ortaggi, nelle foglie delle succulente e in altre piante. Non è un danno molto grave di per sé, ma rende brutta la pianta e i suoi frutti.

Foglie gialle che cadono 

Questo è uno di quei segni tipici che quasi tutti riconoscono sin dall'inizio. Le foglie e gli steli della pianta appaiono giallastri, pesanti e di colore chiaro. Come se non bastasse, la pianta smette di crescere e svilupparsi. Il colore giallo delle foglie ha un nome, clorosi, e si manifesta quando la foglia manca di clorofilla, ossia ciò che le conferisce il pigmento verde. Poiché non c'è abbastanza clorofilla, la pianta smette di sintetizzare la luce solare, cioè non svolge la fotosintesi, quindi non sarà in grado di nutrirsi e morirà. 

Radici marce 

Questo sintomo non è visibile ad occhio nudo, ma dovresti rimuovere la pianta dal vaso. Tuttavia, fai attenzione alla base dello stelo, poiché si scurisce e diventa morbido. Quando il substrato rimane bagnato troppo a lungo, si creano le condizioni perfette affinché alcuni funghi proliferino e facciano il loro dovere. Alcuni funghi come Pythium, Fusarium e Phytophthora cresceranno felicemente e liberamente in terreni scarsamente drenati, argillosi, eccessivamente idratati e poveri di ossigeno. 

I primi sintomi del marciume radicale sono foglie gialle e steli cadenti. Se rimuovi la pianta dal substrato e guardi le radici, noterai che sono di colore marrone, hanno un aspetto viscido e hanno un odore di marcio e muffa. A questo punto il danno è irreparabile. Il grosso problema è che se la pianta è nel terreno o condivide un vaso con un altro, il fungo contaminerà il substrato e può diffondersi ad altre piante. È una malattia che si diffonde. 

Salvare una pianta che è stata annaffiata troppo 

È importante tenere presente che non tutte le piante che hanno sofferto di eccessiva annaffiatura possono essere salvate. Infatti, è molto più facile recuperare una pianta che si è seccata per mancanza di acqua rispetto a una che ne ha avuta troppa. Troppa umidità attira funghi e altri problemi che colpiscono immediatamente le radici. Se questo è il caso e la pianta muore, si consiglia di buttarla via con tutto il substrato in quanto verrà contaminato da funghi ed è possibile che rimangano lì fino a quando non si pianta una nuova pianta. Se intendi conservare il vaso, non dimenticare di lavarlo molto bene con acqua e sapone.

La cosa principale quando si cerca di salvare una pianta che è stata annaffiata troppo è agire velocemente. Non lasciar passare troppo tempo e mettiti al lavoro con queste prime cure per salvare le piante soffocate: 

- Anche se la tua pianta è in pieno sole, spostala in un luogo coperto. So che l'istinto è mettere la pianta al sole per farla asciugare, ma questo peggiorerà il problema. Quello che succede è che quando è all'ombra, una pianta userà meno acqua quindi le radici smetteranno di assorbire l'acqua in eccesso che si trova nel substrato e questo è ciò che causa problemi come l'edema.

- Assicurati che il vaso abbia i fori di drenaggio e che l'acqua abbia una via d'uscita. Se è su un piattino per trattenere l'acqua, rimuovila da lì e lasciala scolare liberamente.

- Prendi il vaso, inclinalo e picchiettalo per allentare il substrato. L'idea è che se il substrato è quasi solido a causa dell'acqua in eccesso, quando lo muovi si creano delle bolle d'aria che lo aiuteranno ad asciugarsi più velocemente, oltre a permettere alla radice di ricevere un po' di ossigeno.

- Se le dimensioni della pianta lo consentono, puoi metterla in un nuovo vaso con substrato fresco e nuovo. Questo permetterà alle radici di crescere in un nuovo ambiente che darà loro i nutrienti e l'ossigeno di cui hanno bisogno, rimuovendo immediatamente l'umidità in eccesso che può compromettere la salute delle radici.

- Lascia asciugare ed evaporare in modo naturale il substrato. Annaffia solo quando senti che è secca al tatto. Non aspettare troppo a lungo perché questo estremo aumenterà lo shock e lo stress sulla povera pianta. Se durante il processo di attesa vedi che la pianta si sta asciugando molto, puoi spruzzarla o nebulizzarla con un po' di acqua fresca.

- Evita di utilizzare concimi su una pianta in fase di recupero a causa dell'annaffiatura eccessiva, poiché le radici sono vulnerabili e potresti causare ustioni da fertilizzante. Una volta che ti accorgi che la pianta ha ripreso il suo processo di crescita, ha nuove foglie e ha un aspetto migliore, puoi riprendere il ciclo di fertilizzazione.

- Puoi usare un fungicida ad ampio spettro solo come prevenzione perché l'umidità in eccesso è il terreno perfetto per la crescita di funghi che possono depositarsi nelle radici e uccidere la tua pianta.

- Una volta prese tutte queste precauzioni, sarai in grado di capire se la pianta ce la farà o meno in una settimana circa. 

Come evitare l'annaffiatura eccessiva 

Il segreto per non dover affrontare il terribile risultato dell'eccesso di umidità è solo uno: la prevenzione. Inoltre, fornire la quantità precisa di acqua non solo previene problemi alla tua pianta, ma è meglio per l'ambiente perché non stai sprecando acqua. Ci sono alcuni trucchi da tenere a mente per assicurarti di farlo bene: 

- Scegli le piante giuste. Sebbene sia vero che puoi coltivare quasi tutto con le dovute cure, l'ideale è scegliere le piante che meglio si adattano alle condizioni ambientali naturali del tuo spazio e alle tue particolari esigenze. Infatti, puoi cercare piante che crescono nell'acqua se sei uno di quelli che non possono lasciare l'annaffiatoio fermo. 

- Usa il substrato giusto. Utilizzare il substrato giusto per il tipo di pianta che stai coltivando è essenziale per prevenire problemi di ritenzione di umidità che possono interessare alcuni tipi di piante. Se hai preso piante che prediligono terreni asciutti o ben drenati, come le succulente o simili, è meglio mischiare il substrato con un po' di perlite o sabbia che ne facilitano il drenaggio. Un buon trucco è usare sul fondo del vaso uno strato di ghiaia, ciottoli, argilla espansa o pezzetti di Polixpan per facilitare il drenaggio. 

- Posizione, posizione, posizione. Proprio come quando acquisti un appartamento, la posizione è tutto per le piante. Non solo dovresti offrirle la quantità di luce che richiede, ma è consigliabile raggrupparla con altre piante che hanno esigenze di annaffiatura simili. Si possono creare 3 gruppi: quelle che richiedono annaffiature frequenti, quelle con annaffiature moderate e quelle che preferiscono essere lasciate morire di sete. Questo ti aiuterà ad aggiungere una struttura ai tuoi programmi di annaffiatura, oltre a bilanciare i loro livelli di umidità tra di loro.

- Conserva l'umidità. L'unica volta che ho avuto problemi con l'annaffiatura eccessiva è stato perché avevo alcune piante in pieno sole e il substrato si asciugava molto rapidamente. Avevo il terrore che le piante morissero, quindi ho annaffiato troppo spesso e sono arrivata al punto di ucciderle. La soluzione è molto semplice: proteggere il substrato. Uno strato di pacciame impedisce l'evaporazione a causa del sole oltre a mantenere la temperatura del terreno più fresca, anche d'estate. A seconda del pacciame che scegli, potresti persino prevenire il ristagno d'acqua.

- Usa l'irrigazione automatica. Nel punto vendita Be Green troverai accessori preziosi che ti permetteranno di utilizzare l'autoirrigazione su qualsiasi pianta. Dimenticherai gli orari e le quantità perché le piante prenderanno proprio ciò di cui hanno bisogno. Puoi anche utilizzare indicatori di umidità che ti diranno quando è il momento perfetto per annaffiare.

- Non fidarti ciecamente delle istruzioni per l'annaffiatura. Le istruzioni per l'annaffiatura ti offrono un'idea generale delle esigenze della pianta. Possono segnalare se a loro piacciono i terreni asciutti, bagnati o drenati, ad esempio. Sono linee guida per orientarti, ma non sono regole che devi seguire alla lettera. Il problema dell'annaffiatura è che la quantità di acqua richiesta da una pianta dipenderà dalle condizioni ambientali. Ad esempio, annaffiare una pianta in piena estate non è la stessa cosa che in inverno. Quindi dovresti sempre tenere d'occhio il substrato, i suoi livelli di umidità e il tempo che passa prima che si asciughi e regolare le istruzioni che ti danno in base alle esigenze della tua pianta e del tuo appartamento.

- Evita di annaffiare ogni volta che vedi una pianta decaduta. A volte, soprattutto d'estate, le piante possono sembrare un po' depresse e appassite durante le ore più calde. È normale e non appena si rinfresca l'ambiente, riacquisteranno il loro aspetto. Le piante appassiscono per diverse cause, quindi è meglio fare una diagnosi piuttosto che usare l'annaffiatoio. Fai attenzione alle piante drammatiche come Fitonia, Basilico e altre che svengono facilmente davanti a qualsiasi cambiamento ambientale che le causi stress.

- Controlla prima di annaffiare. Mi piace prendere uno stuzzicadenti di legno (come quelli usa e getta che ti danno nei ristoranti asiatici) e immergerlo nel substrato prima di annaffiare. Questo mi dà un'idea dello stato di umidità del substrato, perché se mi dovessi basare solo sui primi centimetri del substrato, potrei annaffiare in eccesso in quanto la parte profonda del supporto è ancora umida.

Condividilo con tutti!
Informazioni sull'autore
Ame Rodríguez

Dedicato alla creazione di un esercito di cactus, piante grasse, barboncini e gatti per aiutarmi a conquistare il mondo. In quel poco tempo libero che ho suono, scrivo e ballo.

Ricevi la tua pianta a domicilio 🕊

5€ di Sconto

sul tuo primo acquisto
Iscriviti e unisciti al Club!

#LoveBeGreen


Accetto le condizioni d'uso e l' informativa sulla privacy..