Cosa fare con le piante congelate

È facile prepararsi al cambio di stagione. Credo che tutti noi abbiamo più o meno un'idea di quando tirare fuori i cappotti e le coperte e spostare le piante in casa, tra gli altri preparativi; ma una delle conseguenze del riscaldamento globale che stiamo vivendo sono gli sbalzi di temperatura. In piena primavera, quando stiamo già mettendo via i maglioni e ci prepariamo al caldo dell'estate, può capitare di ricevere una gelata improvvisa che colpisce le piante. O peggio, avete piante teoricamente preparate a sopportare l'inverno nella vostra regione, ma il freddo è stato più intenso del solito.

Che sia a causa del riscaldamento globale, perché vi siete dimenticati di conservarle per la stagione fredda o perché le temperature sono scese molto più del previsto e hanno danneggiato le piante da esterno, le piante colpite dal freddo possono essere salvate; si tratta di valutare i danni e di imparare il primo soccorso per poterle recuperare. Per questo motivo condividiamo questi consigli affinché sappiate cosa fare con le piante colpite dal gelo e tutto ciò che dovete sapere per proteggerle.

Palma Kentia
69,00 € 62,10 €
Tropicale e purificatrice
Acquista
Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista
Pachira
64,00 € 57,60 €
Purifricatrice e Resistente
Acquista

quali effetti ha il gelo sulle piante?

Tecnicamente, il gelo si verifica quando la temperatura ambientale si abbassa e la temperatura al suolo scende al di sotto di 0°C, cioè al di sotto del punto di congelamento dell'acqua. È proprio questo dettaglio che inizia a creare scompiglio, poiché provoca il congelamento del vapore acqueo e dell'acqua nell'ambiente.

Quando le temperature iniziano a scendere e si raggiunge la soglia di resistenza della pianta, le funzioni biologiche e metaboliche vengono interrotte. Questo accade perché nel protoplasma della cellula si formano cristalli di ghiaccio, in parole povere: la parte liquida delle cellule si congela, provocandone la rottura e la distruzione; si tratta del cosiddetto gelo intracellulare.

Ma questo non è l'unico danno che le piante possono subire, poiché il ghiaccio può formarsi anche all'interno della pianta, ma al di fuori della cellula. Questo fenomeno è noto come gelo extracellulare ed è il più dannoso per la pianta, perché quando si scongela finisce per disidratarla. Ma non tutte le gelate sono uguali. Infatti, a seconda delle condizioni ambientali, possiamo prevedere l'entità dei danni che verranno causati alle piante. Detto questo, potremmo differenziare le gelate come segue:

Gelate bianche

Sono caratterizzati da basse temperature, ma da un'elevata umidità ambientale. Questo provoca la formazione di brina sulle piante, dando loro un aspetto biancastro. Anche se hanno un aspetto terribile, non sono così gravi perché il gelo protegge le strutture interne della pianta e impedisce il congelamento intracellulare.

Ghiaccio nero

Silenziosi e letali, sono molto dannosi per le piante. I livelli di umidità sono bassi, l'aria è molto secca e quindi non si forma brina o ghiaccio. Il freddo attacca direttamente il tessuto interno della pianta, lasciandolo nero.

Gelate per avvezione

Sono causate dall'irruzione di grandi masse di aria fredda, sono quelle ondate di freddo che arrivano all'improvviso e distruggono le piante, soprattutto perché sono accompagnate da molto vento.

Gelo da radiazioni

Sono causati dal raffreddamento del suolo, che cede il suo calore all'atmosfera durante la notte ed è accompagnato da aria fredda. Di solito si verificano in primavera e sono terribili a causa della mancanza di umidità e del vento.

Gelate da evaporazione

Quando l'acqua che ricopre le piante evapora, la temperatura interna delle piante si abbassa in modo esagerato. Di solito si verifica all'alba, quando la rugiada evapora. Questo gelo colpisce i fiori, le foglie nuove e i frutti che stanno crescendo.

Così come non tutte le gelate sono uguali, non tutte le piante sono ugualmente sensibili. Ogni specie, a seconda del luogo di origine, ha un limite di temperatura che può sopportare. Questa caratteristica la chiamiamo tempra .

La resistenza delle piante

Quando parliamo di rusticità ci riferiamo alla capacità di una certa specie vegetale di sopravvivere a condizioni che ne rendono difficile la crescita, cioè è un numero che indica quanto quella particolare pianta sia un guerriero. Normalmente, la durezza indica la resistenza al freddo, al caldo, al vento, alla siccità e ad altre variabili, ma è quasi sempre limitata alla segnalazione di un intervallo di temperatura per la pianta.

La durezza è indicata da un numero, che mostra un intervallo della zona di durezza e dovrebbe servire come indicatore della capacità di una certa pianta di crescere con successo in una determinata regione. La verità è che questo numero è un valore molto relativo, non solo perché ogni Paese o regione ha sviluppato una propria scala, ma anche perché non tiene conto di altri fattori ambientali. Sembra pratico, ma la verità è che questo numero non può essere preso sul serio, ma solo come guida.

Il problema di affidarsi troppo agli indicatori di rusticità, sia il numero che la temperatura di riferimento, è che non tutte le condizioni di gelo sono uguali. Ad esempio, se una pianta alpina che sopravvive felicemente a temperature estreme viene sottoposta alle stesse temperature ma in una regione con umidità più elevata, la pianta morirà irrimediabilmente.

Altri fattori importanti sono legati al tipo di substrato, poiché un terreno argilloso trattiene troppa umidità in inverno e può soffocare e uccidere una pianta, indipendentemente dalla sua capacità di resistere alle basse temperature, a causa dello scarso drenaggio. Questo problema si risolverebbe con un substrato più sciolto e meglio drenato. Anche altri fattori, come i microclimi che si formano nel luogo, influiscono sulla sopravvivenza della pianta.

Il mio consiglio è di non prendere queste informazioni al valore nominale. Potete usarla come guida nella scelta delle piante, ma non fidatevi ciecamente quando si tratta delle temperature più basse che possono sopportare, perché questo può causare la morte di alcune piante che si sarebbero potute evitare con un po' di attenzione. Ma se il peggio è già accaduto, non disperate, possiamo applicare il primo soccorso.

Come recuperare una pianta dopo una gelata

Fate un respiro profondo e valutate la situazione. So che il primo impulso è quello di prendere le forbici e potare tutto, ma a volte è meglio lasciare le foglie secche perché proteggeranno la pianta dal freddo e dalle gelate future. Se si tratta di una pianta da esterno, è meglio non tagliarla; se invece si tratta di una pianta da interno e la si porta in un luogo più riparato, ci si può pensare. Vediamo come recuperare le piante dopo una gelata in base alla loro tipologia.

Piante annuali

Si tratta di piante che, come suggerisce il nome, hanno un ciclo di vita annuale, cioè sono destinate a morire in caso di gelate medie e forti. Non resta che rimuoverli e dire loro addio. Alcune annuali possono comportarsi come piante perenni purché siano tenute in un clima caldo, quindi se non vi siete ricordati di conservarle prima della stagione fredda, dovrete dir loro addio.

Piante perenni

Alcune piante erbacee o perenni, cioè con steli sottili e verdi, possono perdere la cima (foglie e steli) con il freddo, ma possono ricrescere in primavera. Naturalmente, questo dipende dalla rusticità della pianta e dalla sua tolleranza alle basse temperature, quindi è necessario consultare questi limiti per ogni specie. Partendo dal presupposto che hanno una certa resistenza, l'importante è mantenere protetto il bulbo e/o la radice della pianta. Questo può essere fatto con una pacciamatura o una pacciamatura prima della stagione invernale, o anche coprendo la pianta con una coperta termica. È particolarmente utile per le piante da esterno o molto grandi, che non si possono tenere in casa. Se la pianta danneggiata dal gelo vi sembra troppo brutta, potete ridimensionarla. Questo incoraggerà la ricrescita in primavera.

Piante legnose

Gli arbusti, gli alberi e le piante a fusto legnoso che non sono originari dei climi continentali ma provengono da zone tropicali o semi-tropicali possono morire se il gelo è troppo forte. Tutto dipende dalla resistenza della pianta e dall'entità dei danni subiti. Se riuscite a spostarla in casa, potete potare le parti colpite e applicare un primo soccorso per la sua guarigione. Nel caso in cui non possiate spostarlo, proteggetelo con una coperta termica e pregate che duri tutta la stagione. In ogni caso, la pianta sarà in un periodo di riposo e potrete aspettare la primavera per potarla.

Primo soccorso

Supponiamo che la vostra pianta sia stata lasciata all'esterno e che, a causa delle condizioni meteorologiche avverse, sia stata colpita dal gelo. Applichiamo il primo soccorso per recuperare la pianta. Prima di tutto, è necessario metterlo al riparo in casa e posizionarlo in un luogo ideale, dove ci sia luce ma non sole diretto. La pianta sarà disidratata, ma non iniziate ad annaffiarla. È essenziale che si trovi in un luogo con una temperatura che gli permetta di scaldare le radici, tra i 15 e i 18° C. Aspettate un paio d'ore e innaffiate con acqua tiepida, finché non vedrete l'acqua uscire dai fori di drenaggio.

Assicuratevi che l'ambiente abbia un livello di umidità adeguato. Si può mettere vicino a un umidificatore, con altre piante e anche spruzzarla un po' il giorno dopo. Ricordate di non potare le parti colpite, a meno che non vediate che sono ammuffite. Siate pazienti, perché solo il tempo guarirà le ferite. Osservate quotidianamente la vostra pianta. Se vedete che il tronco rimane saldo ed eretto, si riprenderà, ma se diventa molle e la pianta inizia a cadere, è possibile che sia stata colpita gravemente. In ogni caso, dategli tempo e spazio per riprendersi. Non annaffiate troppo, aspettate che il terreno si asciughi prima di annaffiare e dimenticatevi di rinvasare per almeno un anno.

La prevenzione è la chiave

Prima che l'inverno sferzi le vostre piante senza pietà, potete adottare alcuni semplici accorgimenti per proteggerle dalle temperature rigide. Questo è particolarmente importante per le piante da esterno che devono resistere al gelo o per quelle troppo grandi e pesanti da spostare. Anche se si tratta di piante resistenti che tollerano bene le basse temperature, un po' di amore e di cura le renderanno ancora più forti e belle in primavera. Fate attenzione, perché la cura è molto semplice:

- Ridurre l'irrigazione. Le basse temperature mantengono i livelli di umidità più a lungo, ma questo non è l'unico motivo per ridurre la frequenza e la quantità delle innaffiature, poiché l'acqua può congelare all'interno del substrato, colpendo le radici. Per questo motivo è necessario controllare anche il drenaggio, per evitare che la pianta trattenga l'umidità in eccesso.

- Mantenete le piante al caldo. Così come si indossa un cappotto per uscire quando fa freddo, si possono improvvisare dei ripari per le piante da esterno. Usate il pluriball (sì, quello usato per imballare gli oggetti delicati) per proteggere e isolare, e gli darete un secondo uso. Si può usare anche la plastica, purché sia trasparente per far passare la luce, anche se è consigliabile montarla solo durante la notte, sostenuta da paletti o simili in modo che il suo peso non danneggi foglie e rami.

- L'unione fa la forza. Raggruppate le piante in modo da poterle coprire più facilmente, sarà anche più facile tenerle d'occhio e manterranno meglio i livelli di umidità, oltre a offrire una maggiore resistenza ai venti.

- Proteggere il substrato. Intorno alle piante da esterno utilizzate una pacciamatura come corteccia di pino, foglie secche o paglia, coprendo la base e il substrato esposto. In questo modo si isola il substrato, evitando la perdita di calore e il congelamento delle radici, oltre a permettere loro di continuare ad assorbire acqua e a nutrirsi normalmente.

- Proteggeteli dal vento. Posizionate i vasi contro un muro o protetti da una superficie o da alberi più alti che taglino il vento. In questo modo si evita che i vasi si ribaltino, rompano i rami o facciano volare le foglie in caso di vento gelido. Si possono anche mettere delle pietre o dei pesi per renderli un po' più pesanti e stabili.

Condividilo con tutti!
Informazioni sull'autore
Ame Rodríguez

Dedicato alla creazione di un esercito di cactus, piante grasse, barboncini e gatti per aiutarmi a conquistare il mondo. In quel poco tempo libero che ho suono, scrivo e ballo.

5€ di Sconto

sul tuo primo acquisto
Iscriviti e unisciti al Club!

#LoveBeGreen


Accetto le condizioni d'uso e l' informativa sulla privacy..