Tipi di bonsai e le loro cure

Se sei un appassionato di bonsai rimarrai sicuramente estasiato dalla varietà e dalla bellezza di questi alberi in miniatura che sono in grado di riprodurre tutte le caratteristiche dell'albero nella sua dimensione naturale. Dietro ogni mini-albero c'è molta tecnica, lavoro e pazienza: tagliare la chioma per dargli la forma, avvolgere i rami con del filo per guidarli e potare le radici. Fare un bonsai è un'arte, anche se la sua cura quotidiana non è affatto complicata.

Quando vediamo un bonsai ci sono diverse cose che saltano all'occhio. La prima è la dimensione, avrete sicuramente notato che ce ne sono alcuni minuscoli, altri più grandi e robusti. Un altro dettaglio interessante è che non tutti gli alberi hanno la stessa forma, alcuni sono abbastanza dritti, mentre altri cadono in modo capriccioso. Tutto questo è stato calcolato e si è lavorato affinché l'albero offra questo aspetto. Infatti, possiamo classificare i tipi di bonsai seguendo queste caratteristiche ben definite. Continua a leggere e imparerai tutto ciò che devi sapere su come classificare e curare i tuoi bonsai.

Tipi di bonsai

Quando parliamo di bonsai ci riferiamo alla tecnica di coltivazione e non precisamente alla specie di albero. In effetti, è possibile realizzare un bonsai praticamente con qualsiasi tipo di albero, anche se ce ne saranno sempre alcuni che hanno un aspetto migliore di altri e per questo motivo diventano popolari. È importante sapere che questi stili di bonsai non sono obbligatori e che il rispetto di queste linee guida dipende interamente da chi realizza l'albero, dalla sua interpretazione dell'anatomia naturale dell'albero, dalla sua creatività e dalle sue preferenze estetiche. Esistono diversi modi per classificare i bonsai, ma le dimensioni e l'aspetto sono i modi più popolari. Se vuoi sorprendere tutti, memorizza i nomi in giapponese e sembrerai proprio un esperto.

Secondo la dimensione

Keishi

Questi bonsai sono alti circa 2,5-3 cm. Sono una rarità che di solito si vede solo in mostre ed eventi speciali, poiché è molto difficile tenerli a lungo termine.

Shito

Gli Shito sono altri bonsai molto piccoli, alti circa 7,5 cm. Sono molto carini, ma come il keishi di solito non vivono a lungo. Quello che di solito si fa è esporli e poi trasferirli in un altro vassoio in modo che crescano correttamente.

Mame

I bonsai Mame solitamente sono alti circa 15 cm. Sono piuttosto piccoli ma possono essere conservati a lungo, anche se richiedono cure più specifiche per mantenerli in quelle dimensioni.

Shohin

La dimensione Shohin è una delle più popolari in quanto rientra nel mezzo dello spettro. Arriva a un massimo di 25 centimetri, quindi anche se è piccolo è molto più facile da mantenere. La tradizione vuole che questi alberi potessero essere tenuti nel palmo della mano.

Kifu Sho

Il Kifu Sho è leggermente più grande delle miniature precedenti. Può avere un aspetto alto fino a 40 centimetri. Tendono ad essere un po' più appariscenti, non solo per le loro dimensioni, ma perché consentono una maggiore libertà artistica durante la formazione dei rami.

Chumono

Questo bonsai va da medio a grande. Affinché si possa includere un albero in questa categoria, deve essere alto tra i 40 e gli 80 centimetri. Fanno molta impressione perché tutti pensiamo che i bonsai siano minuscoli. Detto questo, sono molto facili da curare, poiché non devi preoccuparti molto delle radici e dei rami.

Omono e Hachi Uye

Queste sono le dimensioni più grandi di bonsai. L'Omono dovrebbe essere alto tra 80 e 100 centimetri, mentre l'Hachi Uye varia tra 100 e 120 centimetri. Sono alberi modellati come i bonsai e non sono così comuni.

Secondo lo stile del tronco

Quando il tronco di un bonsai è stilizzato, lo scopo è emulare la forma dell'albero in natura, ma si considerano anche le caratteristiche naturali della struttura dell'albero (rami, dimensione e forma delle foglie, ad esempio) per creare un'opera d'arte. Questo è esattamente ciò che fa sì che il bonsai sia molto più di un albero in un vassoio. Possiamo classificare i bonsai in base al loro tronco come:

Chokkan - Eretto formale

In questo tipo di bonsai il tronco principale è dritto, lungo ed eretto. I rami sporgono dal tronco più spessi nella parte inferiore della chioma e si assottigliano nella parte superiore, facendo acquisire all'albero questa forma triangolare e simmetrica. Le radici dovrebbero sporgere leggermente dal substrato, in modo uniforme attorno al tronco.

Moyogi - Eretto informale

Il tronco e i rami possono avere curve e piegature, ma la punta del tronco dell'albero sarà sempre allineata con la base del tronco. In questo modo, le curve dei rami rimangono nella parte centrale dell'albero, ma questo conserva ancora il suo portamento eretto. Anche i rami hanno una forma progressiva, lasciando i più grandi nella parte inferiore della chioma e i più piccoli alla sommità, donando una forma conica o triangolare.

Hokidachi - A scopa

Immagina di avere una scopa, la giri e lasci le setole in aria. Questo tipo di bonsai è caratterizzato da un tronco eretto, ma i rami formano una chioma tondeggiante. I rami dovrebbero essere ⅓ dell'altezza del tronco. Questo tipo di sistemazione viene solitamente realizzata con alberi che hanno rami molto sottili e abbondanti, come l’elmo.

Shakan - Inclinato

Il tronco è dritto, come lo stile eretto formale, ma emerge da terra con un certo angolo. Questa inclinazione fa sì che la punta del tronco dell'albero si trovi a destra o a sinistra della base e delle radici. L'inclinazione del tronco rende inoltre i rami paralleli al suolo, il che gli conferisce un aspetto molto particolare che avrete sicuramente visto.

Kengai - A cascata

I bonsai di tipo Kengai cercano di emulare quegli alberi che crescono sulle rive dei fiumi o sui bordi di una montagna. Qui l'inclinazione del tronco fa cadere i rami completamente verso il basso, superando la base del vaso. È facile da identificare, non solo perché sembra che cada dal contenitore, ma perché a differenza degli altri tipi di bonsai che vanno in vassoi piatti, questo è piantato in vasi alti e sottili che permettono di ammirarne l'aspetto.

Han-Kengai - A semi cascata

È molto simile allo stile a cascata, solo che i rami del bonsai non cadono alla base del vaso ma raggiungono appena il livello del bordo. È un po' meno drammatico, ma altrettanto bello.

Bunjingi - Litterati

Qui il fulcro del bonsai è il tronco, che può essere piegato in modo sinuoso e i rami e le foglie sono ridotti al minimo. Non è molto popolare, ma ha il suo fascino. L'albero cerca di emulare le linee sottili dei kanji giapponesi o degli ideogrammi cinesi.

Fukinagashi - Spazzato dal vento

Cerca di emulare un albero che è stato spazzato via dalla potente forza del vento, come se fosse in cima a una montagna o sulla costa. Offre un effetto molto suggestivo perché sembra che sia sempre esposto a venti fortissimi con tutte le sue foglie orientate verso lo stesso lato. Questo stile può essere combinato con altri tipi di stili di base (informale, formale eretto, a semi cascata, ecc.) ed è bello nelle composizioni con più alberi. A causa della sua difficoltà, è uno stile poco comune.

Yose-ue - Boschetto

Questo, più che riferirsi ad un tipo di albero, racchiude composizioni create con più alberi. Di solito si realizzano in numero dispari, con la stessa specie di alberi anche se possono avere altezze ed età diverse. I lati dei vassoi dei boschetti sono molto bassi per dare altezza e mostrare le radici.

Ishitsuki - Abbarbicato su roccia

L'albero sporge da una roccia, ma le radici arrivano a toccare il substrato del vaso. Questa disposizione cerca di emulare quelle piante le cui radici crescono nelle rocce, sviluppando lunghe radici che raggiungono il suolo. La roccia funge da contenitore con l'albero che segue i contorni della roccia.

Neagari - A radici esposte

Questi bonsai rappresentano quegli alberi sottoposti a condizioni difficili, come terreni sassosi, che hanno esposto le proprie radici. Questa disposizione permette alla pianta di ottenere un aspetto leggero perché appare sospesa nell'aria dalle radici aeree.

Ikadabuki

Sembra un insieme di alberi diversi, ma la verità è che tutti i fusti nascono dallo stesso tronco. Questo stile imita un fenomeno naturale che si verifica quando un albero cade lateralmente per qualche causa e i rami che crescono sul lato esposto dell'albero continuano a crescere verso l'alto, come se fosse un insieme di nuovi tronchi. A volte da questi germogli si sviluppano radici indipendenti.

Cura dei bonsai a seconda dei tipi

Prima di parlare della cura dei bonsai in base alla loro tipologia, è importante sottolineare che buona parte del successo nel mantenimento e nella cura di un bonsai dipende dalla quantità di informazioni che conosci sul tuo albero. Devi conoscere la specie di albero, quali sono i suoi requisiti, oltre ad avere un'idea del luogo in cui si trova: luce, umidità, tra gli altri. Più ne sai e meglio è perché puoi creare le condizioni ambientali ideali che alleggeriranno anche il tuo carico di lavoro. Una pianta posizionata nel posto giusto richiederà meno attenzioni di una che devi spostare per inseguire il sole o che devi nebulizzare di più per mantenere i livelli di umidità, per esempio.

Non ci sono cure universali o programmi di irrigazione precisi per le piante. Devi imparare a conoscere la tua pianta, capirne le esigenze e posizionarla nel miglior posto possibile. Ci sono cure basilari e semplici che ti daranno una guida alle esigenze del tuo bonsai. Noi di Be Green ti forniamo una scheda con queste indicazioni al momento della consegna della tua pianta, ma in seguito si tratta di osservare la tua pianta e conoscerla. Alcuni stili di bonsai richiedono cure particolari:

Cure dei bonsai Shohin e Mame

Questi alberi in miniatura richiedono una piccola cura extra. Questo per vari motivi, in primo luogo sono in una vaschetta piccola con poco substrato, quindi l'umidità evapora velocemente e bisogna stare molto attenti all'annaffiatura. Bisogna invece guardare con molta attenzione i rami e le foglie per notare eventuali strani cambiamenti o possibili parassiti che possono attaccarli.

Per mantenere la forma e la dimensione entro gli standard è importante potarli in modo corretto e preciso perché essendo così piccoli, una nuova foglia può rovinare l'intero insieme. Un altro punto da tenere a mente è che questi bonsai sono un po' più delicati, quindi anche quando sono in pieno sole è meglio proteggerli con un po' di ombra. Fai attenzione al vento forte che può rovesciarli e farli seccare eccessivamente.

Cura dei bonsai a cascata e a semi cascata

Questi sono stili di media difficoltà. Bisogna prestare attenzione ai rami perché sono quelli che daranno all'albero il suo carattere, facendo sembrare che sia cresciuto in condizioni difficili. I rami devono essere dritti. Bisogna fare attenzione alla caduta dei rami, ricordando che nel bonsai a semi cascata non devono mai essere della stessa altezza della base del vaso, ma si fermano appena raggiunto il bordo. Ricorda di potare frequentemente le foglie, dando alla chioma una forma piramidale, se possibile.

Cura dei bonsai Chokkan

Il Bonsai in stile eretto formale richiede di simulare la crescita dell'albero in condizioni ideali: luce sufficiente, senza dover competere per lo spazio, con molta acqua e con un buon clima. Questo produrrà un tronco perfettamente dritto, più spesso alla base. Bisogna fare attenzione alla chioma, potando i rami che sporgono e rovinano il tutto. L'obiettivo è avere una chioma triangolare.

Un buon accorgimento per la potatura è permettere alla parte superiore di formare delle triadi, cioè di avere un ramo posteriore e due laterali, creando una forma triangolare. Ciò consente all'albero di apparire più pieno nella parte superiore e dona profondità all'insieme.

Condividilo con tutti!
Informazioni sull'autore
Ame Rodríguez

Dedicato alla creazione di un esercito di cactus, piante grasse, barboncini e gatti per aiutarmi a conquistare il mondo. In quel poco tempo libero che ho suono, scrivo e ballo.

Ricevi la tua pianta a domicilio 🕊

5€ di Sconto

sul tuo primo acquisto
Iscriviti e unisciti al Club!

#LoveBeGreen


Accetto le condizioni d'uso e l' informativa sulla privacy..