Piante perfette per un arredamento minimalista

C'è chi ritiene che il minimalismo sia una tendenza decorativa dell'inizio del secolo e, sebbene si registri un grande boom in questo periodo, il minimalismo si è evoluto fino a diventare uno stile di base, che può essere arricchito con tocchi personali e unici. Questo stile cerca un look raffinato, in cui tutto il superfluo viene eliminato. 

Il grande conflitto che molti affrontano è che, sebbene siano in grado di apprezzare questa serena bellezza della semplicità, gli spazi con questo tipo di decorazione possono sembrare un po' freddi, artificiali e poco umani. La soluzione è racchiusa in un elemento: le piante. Ecco perché abbiamo preparato questa lista di piante perfette per una decorazione minimalista: sobria, dalle linee ordinate e strutturate. 

Le basi del minimalismo 

Il minimalismo è un deliberato esercizio di controllo. Si tratta di capire che ciò che di solito non sistemiamo è una parte fondamentale del congiunto che si vuole creare. In questo modo, il peso decorativo non ricade solo su oggetti come mobili e decorazioni, ma tiene conto anche dell'illuminazione e soprattutto dello spazio. Quegli spazi liberi sono come il silenzio nella musica: permettono a quei piccoli oggetti selezionati di brillare e avere un impatto maggiore. 

Molte persone temono questo stile, perché pensano che sia noioso, ma niente è più lontano dalla realtà. Si tratta di essere audaci, memorabili e funzionali con il minor numero di elementi possibile. Adottare il minimalismo è abbastanza semplice. C'è chi segue delle linee guida molto rigide quando si tratta di arredare con uno stile minimalista, ma nel tempo questi precetti sono stati perfezionati per lasciarci delle basi molto semplici che possiamo adattare al nostro stile personale. Detto questo, lo stile minimalista è caratterizzato da: 

- Linee pulite. I mobili e tutti gli accessori si focalizzano solitamente sulla funzione e sulla praticità. Niente curve e trame rococò, qui quello che vedi sono superfici piatte, delicate, lisce, semplici ma con linee forti che creano impatto visivo. Si prediligono le linee angolari, ben marcate e decise. 

- Tavolozze di colori monocromatici, con una grande enfasi sui colori neutri. Il bianco, il beige e il grigio sono i classici di questo stile. L'obiettivo è creare uno spazio elegante, semplice e funzionale, senza distrazioni o colori sgargianti.

- Spazi aperti. Niente mobili ammassati, pareti con molti quadri che ricoprono le loro superfici e tavoli ovunque. Lo spazio dovrebbe avere solo l'essenziale, dovrebbe dare una sensazione di apertura, libertà e rilassamento. Qui non c'è niente di superfluo che ruba lo spazio o si riempie di polvere.

- Molta luce. C'è chi ritiene che un'illuminazione calda e povera sia romantica e accogliente, mentre nel minimalismo si cerca l'effetto opposto. Qui gli spazi sono aperti, ben illuminati, luminosi. Se possibile, sfrutta la luce naturale rispetto a quella artificiale. Apri le finestre, usa le tende leggere (o non usarle, se possibile) e lascia che la luce entri.

- Utilizza i punti focali. Lo spazio vuoto è importante e aiuta a creare equilibrio visivo, ma questo si ottiene solo con l'uso di punti focali. Le piante, un oggetto decorativo, un tocco di colore... cerca un elemento colorato che dia equilibrio allo spazio.

- Gioca con le trame. Combina i tuoi mobili ricoperti di un materiale semplice con superfici in legno, ad esempio. Aggiungere sempre un elemento naturale contribuisce a umanizzare lo spazio offrendo interesse e versatilità. Per quanto possibile, cerca di mantenere la tavolozza dei colori sobria.

- Crea una base neutra. Assicurati che le pareti, il pavimento e i mobili siano come una tela neutra e serena e che ispirino calma. Usa toni chiari e neutri, come beige, grigio, bianco e altri. Questo ti consentirà di giocare con alcuni dettagli sorprendenti, aggiungendo colore e dimensione allo spazio. 

Le piante minimaliste 

Le piante sono il complemento ideale per la decorazione minimalista e con le loro trame, colori e movimento sono in grado di aggiungere un po' di quel caos organico che umanizza gli spazi. Sono i punti focali per eccellenza e possono completare perfettamente lo stile minimalista, poiché ci sono specie che rispettano i precetti di base. Linee decise, con carattere visivo, colori che risaltano, trame naturali e un portamento molto bello che le renderà le protagoniste della decorazione. 

Sansevieria 

La Sansevieria è la preferita di coloro che cercano una bella pianta che sia facile da curare e che si abbini all'atmosfera minimalista. La Pianta Serpente, come è anche conosciuta, si distingue per le sue linee rette, le foglie ben definite e i suoi incredibili colori. La parte migliore è che puoi trovarla in molte varietà, quindi puoi combinarle e collezionarle. 

Questa pianta è perfetta per chi ha poco tempo ed esperienza nella cura delle piante, in quanto è quasi immortale. Richiede poche annaffiature e può trovarsi praticamente in qualsiasi condizione di luce, anche se la luce in abbondanza tipica dello stile è ottima per questa pianta. Puoi posizionarla in una graziosa fioriera in un angolo, come se fosse una scultura, rendendola un buon punto focale. 

Uccello del Paradiso 

L'Uccello del Paradiso è una pianta perfetta per chi desidera un tocco maestoso nella propria casa, senza farla sembrare disordinata o spettinata poiché riempie visivamente lo spazio senza ingombrarlo. È fantastico osservare i suoi steli sottili che emergono in modo molto geometrico e terminano in foglie immense, drammatiche e ben definite. Il portamento dell'Uccello del Paradiso non le permette di passare inosservata, è anche molto facile da curare. Una volta all'anno (o più, a seconda di dove vivi) ti regalerà dei bellissimi e scultorei fiori d'arancio. 

Prenditi cura dell'Uccello del Paradiso posizionandola in un luogo dove riceve molta luce indiretta, spruzzala di tanto in tanto con un irrigatore per aiutarla a rimanere umida e annaffiala moderatamente (una volta a settimana in inverno, due volte in estate) o quando vedi che il substrato inizia ad asciugarsi. Grazie alle sue dimensioni, puoi usare un vaso con le gambe per dargli un po' di altezza o semplicemente lasciarla a terra. 

Palma Kentia 

La Palma Kentia ha linee lunghe, offre altezza visiva e un po' di calore per chi desidera un po' di minimalismo con tocchi tropicali. Poiché richiede ampi spazi per crescere liberamente, una stanza in cui potrà essere la protagonista sarà la scelta migliore. Fornisce consistenza, colore e con la sua frondosità controllata sarà perfetta in un angolo, inoltre purifica l'aria. 

Questa pianta è per spazi con scarsa illuminazione, come corridoi, ingressi e uffici. Annaffiala una volta alla settimana e spruzzala di tanto in tanto per migliorarne l'umidità. Puoi usare un concime organico una volta al mese e rimarrà radiosa e felice. Visivamente, questa pianta è estrema, quindi prova a combinarla con una fioriera con una trama o un materiale interessante con vibrazioni etniche o naturali, o scegli un materiale ben levigato con un tocco moderno. 

Orchidee 

Se sei un amante dei fiori e vuoi una pianta minimalista che stia bene su un tavolo o su altri mobili, hai bisogno di alcune orchidee. Cominciamo con le linee eleganti dei suoi steli snelli e le foglie verde brillante. Ma i veri protagonisti sono i suoi fiori incredibili ed eleganti. Puoi trovarle in diversi colori e varietà, come le orchidee tigre, così puoi creare composizioni interessanti. 

Prendersi cura di queste piante è più facile di quanto pensi. Le orchidee amano la luce indiretta, non posizionarle mai in un luogo dove ricevono luce solare diretta perché brucerai le foglie e i fiori. Bisogna annaffiarle una volta alla settimana per immersione, cioè mettendo il vaso in un secchio con acqua per circa 10 minuti e poi lasciandola scolare. Puoi nebulizzare le sue foglie con acqua per mantenerle fresche, ma senza annaffiare i fiori in modo che non si macchino. 

Euphorbia Acrurensis 

Vuoi una pianta che sia molto facile da curare, sorprendente, con linee ben definite e che sia il simbolo del minimalismo per quanto riguarda la sua cura? Allora scegli l'Euphorbia Acrurensis. Questo cactus è gigantesco e costituirà un fantastico punto focale nel tuo spazio. Impossibile non innamorarsi del suo portamento schietto e delle sue forme interessanti. Trova un vaso molto suggestivo per accompagnarlo, prova un colore interessante che contrasti con quella base monocromatica. Questo è il momento di giocare con i colori e le trame.

Dovresti annaffiare questa bellezza solo occasionalmente, lasciando asciugare bene il substrato tra un'irrigazione e l'altra. Non dovresti nebulizzarla o altro, poiché questa umidità le causerà macchie. Per quanto riguarda la sua posizione, mettila dove riceve il sole diretto o in un luogo molto ben illuminato. Vicino alle finestre andrà molto bene. Vuoi sapere una curiosità su questa pianta? Purifica l'ambiente e migliora i livelli di ossigeno, soprattutto di notte, quindi è perfetta per la tua stanza. 

Pianta di corvo 

La pianta di corvo è una delle mie preferite, non solo perché è molto facile da curare, ma anche perché le sue foglie verde brillante disposte simmetricamente sui suoi lunghi steli sono molto armoniose e, sebbene possano avere un certo volume, non sono ingombranti e sembrano molto pulite; è perfetta per gli spazi minimalisti. Puoi posizionarle su un tavolo o uno scaffale, poiché hanno una dimensione media. Anche se possono diventare alte nel tempo se sono molto felici e in salute. 

Prendersi cura di questa bellezza è troppo semplice, sul serio, è praticamente immortale. Richiede poca irrigazione, quindi lascia asciugare bene il substrato tra ogni irrigazione. Preferisce luoghi illuminati, ma mai dove la raggiungono i raggi del sole, perché brucia in un lampo. Questa è una di quelle meravigliose piante purificanti, quindi rimuoverà le tossine dall'aria con il suo bellissimo aspetto. 

Alocasia Zebrina 

Mi sembra che molte persone siano eccessivamente sobrie quando arredano seguendo uno stile minimalista, quindi può sembrare un po' noioso. Se ritieni che al tuo spazio manchi qualcosa, non esitare ad aggiungere un'Alocasia Zebrina. Questa pianta ti darà tutta la drammaticità e l'impatto visivo di cui hai bisogno: innamorati dei suoi steli allungati, decorati con linee esotiche e che terminano in quelle foglie giganti, verdi, lucenti e lanceolate. È alta, quindi puoi posizionarla in un angolo o accanto a un mobile per darle più risalto. 

L'Alocasia è una pianta da interno che predilige una luce abbondante ma indiretta, i raggi del sole bruceranno le sue foglie, mentre se si trova in un luogo molto buio perderà le foglie. Dovresti annaffiarla solo una volta alla settimana, è meglio lasciare asciugare il substrato tra un'annaffiatura e l'altra e non nebulizzare le foglie. Se ha un buon drenaggio e molta luce, ti regalerà la sua gloriosa presenza per molto tempo a venire. 

Succulente e cactus

La delicatezza geometrica e le linee interessanti di cactus e succulente li hanno resi i preferiti per eccellenza dei minimalisti. Sono disponibili in tutte le dimensioni e aspetti, possono vivere in terrari e puoi anche creare composizioni interessanti. Per tavoli, scrivanie e quasi tutte le superfici puoi acquistare un set di mini-vasi e piantare alcune succulente. Sono un tocco delicato, perfetto e sono anche facile da curare. 

I cactus e le succulente richiedono molta luce, meglio se ricevono luce solare diretta per poche ore al giorno. Ciò consentirà loro di crescere mantenendo le dimensioni e le linee perfette. Lascia asciugare bene il substrato tra un'annaffiatura e l'altra, questo perché l'umidità in eccesso è dannosa. Sono piante perfette per i principianti e ti assicuro che finirai per collezionarne alcune, perché sono così discrete che puoi averne diverse senza che il posto sembri affollato. 

Bambù della fortuna 

Il bambù della fortuna è noto per attirare fortuna e prosperità secondo i precetti del Feng Shui, ma la verità è che è la pianta perfetta per decorazioni minimaliste, soprattutto perché ha questa energia Zen grazie alle sue linee semplici e dritte. Ha un bel colore, le puoi trovare intrecciate o con forme stravaganti e stanno benissimo anche in contenitori di vetro. Poiché possono sopravvivere senza substrato, sono molto facili da curare in quanto è sufficiente sostituire l'acqua di tanto in tanto. 

Approfitta del fatto che non hanno bisogno di substrato per giocare con i vasi da fiori o contenitori per vasi. Niente è più moderno e minimalista del vetro, poiché ha un aspetto leggero e lascia entrare la luce. Sono il complemento ideale per colorare i tuoi spazi. 

Condividilo con tutti!
Informazioni sull'autore
Ame Rodríguez

Dedicato alla creazione di un esercito di cactus, piante grasse, barboncini e gatti per aiutarmi a conquistare il mondo. In quel poco tempo libero che ho suono, scrivo e ballo.

Ricevi la tua pianta a domicilio 🕊

5€ di Sconto

sul tuo primo acquisto
Iscriviti e unisciti al Club!

#LoveBeGreen


Accetto le condizioni d'uso e l' informativa sulla privacy..