Come prendersi cura delle palme da interno

Le palme da interno sono le preferite per dare un po' di vita e colore a spazi come uffici e soggiorni, soprattutto perché sono molto semplici da curare e ci sono specie che possono tollerare una scarsa illuminazione. Eleganti e molto resistenti, le bellissime palme da interno richiedono una certa cura che vi permetterà di mantenerle rigogliose, stilizzate e con le foglie perfette. Indipendentemente dal fatto che tu abbia una Kentia, un'Areca o una Chamaedorea, con questi suggerimenti imparerai come prenderti cura delle palme da interno come un professionista. 

Impara a prenderti cura delle palme da interno

Scegli la specie giusta: non tutte le palme che trovi nei vivai sono adatte alla coltivazione all'interno. Ci sono posti che vendono alberi di cocco, per esempio, che devono essere piantati all'aperto e non resistono alle basse temperature. Vengono usate come piante stagionali, quando in condizioni ideali possono vivere fino a 100 anni. Detto questo, prediligi le palme Kentia, le palme da soggiorno e le palme Areca, che saranno in grado di ambientarsi molto bene nel tuo appartamento. 

Necessitano di un ambiente umido e ben ventilato: sono piante tropicali, che richiedono buoni livelli di umidità e questo non dipende dall'irrigazione. Nebulizza di tanto in tanto le tue palme con acqua o circondale con altre piante per creare il loro microclima. 

Dalle molta luce: le palme da interno tendono a prosperare in luoghi ben illuminati, sebbene la Kentia possa adattarsi a qualsiasi condizione di illuminazione. Evita di farle ricevere la luce solare diretta perché brucerà le sue foglie e la danneggerà. Un buon trucco per massimizzare la luce interna è dipingere le pareti di bianco e persino utilizzare lampade fluorescenti. 

Temperatura temperata: con le palme da interno devi evitare gli estremi, niente temperature gelide, ma neanche troppo calde. Non deve mai essere inferiore a 10°C e devi tenerla lontano dai termosifoni. 

Irrigazione abbondante senza ristagni: annaffia un paio di volte a settimana e diminuisci la frequenza in inverno. Le palme da interno hanno bisogno di un substrato umido, ma mai impregnato d'acqua. Se l'umidità si accumulasse sul fondo del vaso, esporrebbe la pianta a malattie legate ai funghi oltre a soffocare le radici. 

Lasciala scorrere: il drenaggio dei vasi delle palme da interno dovrebbe diventare una priorità, perché se il substrato rimane con il giusto livello di umidità, puoi evitare molte malattie e problemi. Metti sempre uno strato di ciottoli, argilla espansa o materiali simili sul fondo prima di piantarla. 

Dalle un buon substrato: il substrato deve trattenere un po' di umidità, ma senza formare ristagni; deve anche permettere alle radici di respirare. Per questo è possibile realizzare una miscela di substrato universale con il 30% di perlite o substrato vulcanico per migliorare il drenaggio. 

Condividilo con tutti!
Informazioni sull'autore
Ame Rodríguez

Dedicato alla creazione di un esercito di cactus, piante grasse, barboncini e gatti per aiutarmi a conquistare il mondo. In quel poco tempo libero che ho suono, scrivo e ballo.

Ricevi la tua pianta a domicilio 🕊

5€ di Sconto

sul tuo primo acquisto
Iscriviti e unisciti al Club!

#LoveBeGreen


Accetto le condizioni d'uso e l' informativa sulla privacy..