Gruppi di piante in base ai requisiti di luce

Una delle cose che mi ha emozionata di più quando mi sono trasferita in questo posto è stata la possibilità di avere due grandi fioriere. Appena le ho viste, ho iniziato a pianificare come avrei sistemato la mia collezione di cactus e succulente, un piano che ho realizzato. Era un posto magnifico, perché ricevevano molta luce ed erano protette dai miei gatti. Tutto era perfetto, fino a quando ho scoperto che le mie Echeveria non sembravano più rosette giganti, ma erano brutte e allungate. 

Questo fenomeno irreversibile che ha distrutto l'estetica della mia pianta è noto come eziolamento e aveva a che fare con la quantità e la direzione della luce che riceveva. È stato in quel preciso momento che ho iniziato a conoscere un po' di più le esigenze di luce delle piante, poiché è necessario comprendere questi processi per offrire loro le migliori condizioni per la loro crescita. Oggi condividerò con voi ciò che ho imparato sull'argomento, compresa la classificazione e i gruppi di piante in base al loro bisogno di luce. 

L'importanza della luce naturale nelle piante 

La luce è essenziale per lo sviluppo e la crescita delle piante. La maggior parte di noi sa che è essenziale per la fotosintesi, quel processo mediante il quale la pianta elabora il proprio cibo, permettendole di immagazzinare glucosio e fornire energia a tutte le sue cellule. Ma poche persone sanno che ci sono altri 3 processi che dipendono dalla luce: fototropismo, fotoperiodicità e fotomorfogenesi. 

Il fototropismo, che risponde principalmente alla luce blu, fa sì che la pianta cresca o si muova nella direzione della luce, sebbene ci siano casi di fototropismo negativo, in cui si verifica il contrario. I germogli delle piante crescono verso la fonte di energia luminosa. Questo movimento si verifica perché nelle piante è presente una proteina chiamata fototropina, un recettore della luce che assorbe la parte blu dello spettro. Quando viene attivata, è in grado di influenzare il comportamento di altre proteine vegetali e ormoni come le auxine che favoriscono l'allungamento cellulare. 

Le auxine si concentrano in zone dove non c'è incidenza di luce, facendo crescere queste cellule, inclinando la pianta verso la fonte di luce. Questo meccanismo è responsabile dell'eziolamento (quello che è successo alle mie povere Echeveria), che allunga le piante in modo che ricevano più luce solare. 

Il fototropismo negativo è un meccanismo interessante di alcune piante come la Monstera Deliciosa. Quando questa pianta non riceve abbastanza luce, invece di dirigersi verso l'alto, cercando il sole, tenderà a spostarsi verso l'ombra. Non è che voglia suicidarsi, è che nel suo habitat naturale la Monstera cresce al riparo di grandi alberi, quindi la pianta cercherà istintivamente l'ombra più fitta di un albero alto, sul quale si arrampicherà per raggiungere meglio i raggi del sole. 

La fotoperiodicità esprime la risposta della pianta alle quantità di luce e oscurità in un periodo di 24 ore. Anche se non ci credi, le piante sono in grado di misurare la durata del giorno e della notte in modo abbastanza preciso. Questi intervalli di esposizione al sole/all'oscurità determineranno la fioritura e la germinazione, tra gli altri processi. 

Questo ritmo circadiano è possibile grazie a un pigmento chiamato fitocromo, che sono pigmenti proteici situati nelle foglie in grado di rilevare questi cambiamenti stagionali. La durata delle ore diurne serve come segnale per stimolare processi particolari come la fioritura o le attività metaboliche, tra cui la crescita degli steli, la caduta delle foglie e lo sviluppo delle radici. Questo pigmento reagisce principalmente con la luce rossa e la luce rossa lontana dello spettro luminoso. 

La fotomorfogenesi è la crescita delle piante controllata dalla luce, ma non correlata alla fotosintesi. Sono risposte alla luce blu ad alta intensità e dipendono direttamente dalla quantità di luce ricevuta, sia dalla lunghezza d'onda che dalla quantità totale, oltre che dall'attività dei fitocromi. 

Luce naturale vs artificiale

Non tutte le luci sono uguali, variano in intensità e qualità con cui possono stimolare determinati processi ed evitarne altri, quindi è fondamentale capire l'importanza del tipo di luce che riceve la pianta. Senza dubbio, la luce naturale è la migliore di tutte e le piante, indipendentemente dalla loro classificazione, dovrebbero avervi accesso correttamente. 

Per fornirti un'idea della grande differenza tra luce naturale e artificiale, la luce all'interno della casa prodotta da un faretto non supera i 500 lux, mentre la luce naturale in una giornata di sole all'esterno può raggiungere i 100mila lux. Inoltre, la luce naturale offre uno spettro molto più vario rispetto alla luce artificiale. Ricorda che la luce solare possiede l'intero spettro, con tutti i colori dell'arcobaleno, ma soprattutto il rosso (che è responsabile dell'allungamento e della fioritura della pianta) e il blu (che ne determina la crescita e la germinazione).

Attenzione, quando parlo di luce artificiale mi riferisco all'illuminazione comune e attuale che utilizziamo nei diversi spazi della casa o dell'ufficio, con una tipica lampadina domestica. Le lampade speciali per piante da interno possono fornire tutto ciò di cui le piante hanno bisogno per crescere ed è un modo semplice per garantire alla tua collezione tutto il necessario, indipendentemente dalle condizioni naturali dello spazio in cui vivono. 

Classificazione delle piante in base ai requisiti di luce 

Classificare le piante in base ai requisiti di luce è un modo semplice per comprendere ciò di cui le piante hanno bisogno e sapere se saranno felici dove pensi di posizionarle. È così semplice che se sai che c'è molta luce diretta sul tuo balcone, allora cercherai piante in pieno sole che possano sfruttare queste condizioni. Vivi in un appartamento che sembra una grotta? Bene, prendi piante le cui esigenze di luce sono più flessibili. D'altra parte, conoscere il fotoperiodo ti permetterà di capire alcuni processi delle tue piante. 

In base al loro fotoperiodo 

Il fotoperiodo è il numero di ore di luce ininterrotta che la pianta riceverà in un periodo di 24 ore. Questo non si riferisce solo al sole diretto, ma alla durata del periodo illuminato (giorno) e dell'oscurità (notte). Questo lasso di tempo varia a seconda delle stagioni, allungandosi d'estate e accorciandosi d'inverno. Poiché le piante non possono consultare il calendario o chiedere la data, usano questi indizi ambientali per sapere in che stagione siamo e capire se è opportuno avviare determinati processi come la fioritura. 

Il fotoperiodo è essenziale per il metabolismo della pianta. Se la fotosintesi è responsabile della creazione del suo cibo, il fotoperiodo è il modo in cui vengono regolate la crescita e la direzione delle foglie, la fioritura, la germinazione e altro. Una pianta lascia cadere le foglie in autunno, sopravvive all'inverno e rinasce in primavera grazie a questo processo. È anche possibile utilizzarlo per forzare la fioritura di alcune specie. Ti sei mai chiesto come sia possibile che alcune piante come la Kalanchoe Blossfeldiana siano sempre in fiore e bellissime nei vivai? Questo perché manipolano i fotoperiodi, posizionando sacchetti scuri sulle piante per simulare giorni più brevi e farle credere che sia ora di fiorire. Lo fanno anche per produrre determinati alimenti fuori stagione. 

Dal punto di vista del fotoperiodo, potremmo classificare le piante in tre grandi gruppi: 

Piante a giorno breve 

Le piante a giorno breve sono quelle che producono fiori quando lo indicano i fitocromi che percepiscono la luce rossa (dai tramonti) e la luce rossa lontana (che è anche meno intensa). Quando ricevono più quantità di questa luce, iniziano la loro fioritura. Ciò significa che le piante a giorno breve crescono e si sviluppano di più quando la loro esposizione alla luce è minore, poiché sono in grado di accelerare il metabolismo e i loro processi. Queste piante richiedono periodi di luce non superiori a 14 o 12 ore al massimo. 

La maggior parte proviene da aree tropicali, subtropicali o a bassa latitudine. Si dice che questo ciclo particolare avvenga perché queste specie sono originarie di località tropicali, dove l'inverno (e quindi le giornate più corte) coincidono con il periodo più piovoso dell'anno e i loro raccolti precedono la stagione secca. 

Alcune piante a giorno breve, che di solito fioriscono in autunno o in primavera, sono le stelle di Natale, i cactus di Natale, la rosa mistica, il ciclamino, il crisantemo, la primula. I cereali e le piante a giorno breve includono patate dolci, banane, riso, sorgo, canna da zucchero, tabacco e mais. 

Piante a giorno lungo 

Nelle piante a giorno lungo accade il contrario rispetto alle piante a giorno breve, poiché la luce rossa intensa inibisce la fioritura: la pianta interpreta questi cambiamenti di luce come l'inizio delle giornate autunnali e invernali, quindi inizia a prepararsi per entrare in letargo. Queste piante richiedono esposizioni prolungate alla luce, possibilmente superiori a 14 ore al giorno. 

Questi tipi di piante sono in grado di percepire le basse temperature come indicazione che devono proseguire in un periodo di riposo, una specie di stato vegetativo che consenta loro di tollerare meglio il freddo rispetto allo stato riproduttivo (dalla fioritura al seme). Accumulare un certo numero di ore dormendo sottoterra permetterà loro di crescere e fiorire quando l'inverno sarà finito. Questo è il motivo per cui non si possono avere piante originarie di luoghi con stagioni ben differenziate in luoghi tropicali.

Le piante a giorno lungo di solito provengono da medie e alte latitudini. Sono associate all'estate e si ritiene che ciò che effettivamente attiva il ciclo di fioritura siano i brevi periodi di oscurità. Alcuni esempi di questo tipo di piante sono celosia, gaillardia, coreopsis, rudbeckia, papaveri, trifogli, grano, piselli, orzo, cipolle, spinaci, lattuga, barbabietole, tra le altre. 

Piante a giorno neutro 

Così come ci sono persone molto sensibili a certi stimoli e altre completamente indifferenti, ci sono piante che vanno oltre le ore di luce o di buio. A loro va bene che il giorno sia più lungo della notte o viceversa, le piante a giorno neutro hanno i loro ritmi, dettati dall'età o da altri stimoli che determinano i tempi di fioritura. Alcune di queste specie sono petunie, denti di leone e girasoli. Anche anguria, melone, giacinti e narcisi rientrano in questa classificazione. Si ritiene, infatti, che esistano varietà di piante che sono riuscite ad adattarsi ad altri fotoperiodi e sono diventate insensibili a queste condizioni. Esistono varietà di mais che si possono adattare alla coltivazione delle zone temperate, sebbene sia originario dell'America. 

In base alla loro posizione: 

Questa classificazione si riferisce al modo in cui l'illuminazione dovrebbe influenzare la pianta e ciò dipende dall'ambiente in cui la specie ha origine. In questo modo le piante che provengono da foreste alte e protette avranno bisogno di luce indiretta, mentre gli alberi più alti, gli ortaggi e altri avranno bisogno di ricevere i raggi del sole più intensamente e direttamente. Secondo questi criteri, le piante saranno classificate in questi 3 gruppi fondamentali: 

Piante in piena luce 

Le piante in piena luce sono quelle che richiedono l'incidenza diretta della luce solare sulle loro foglie per svolgere i loro processi. Tutti gli alberi, bonsai compresi, sono piante in piena luce, come si può intuire dalle loro dimensioni. Inoltre, la schefflera, le orchidee di bambù, i cactus, oltre a tutte gli ortaggi e i fiori come le rose, sono piante che dovrebbero ricevere molta luce solare diretta, quindi dovresti posizionarla all'esterno o almeno su un terrazzo o una finestra. 

Piante da ombra 

Tutte le piante richiedono anche una minima quantità di luce per crescere poiché è essenziale per la fotosintesi. Detto questo, le piante da ombra sono quelle che provengono da luoghi protetti dalle folte chiome degli alberi o che crescono al riparo di altre specie di alberi o piante più alte. Possono stare all'interno della casa e cresceranno felici anche quando non sono così vicini a una finestra, anzi se ricevono luce solare diretta possono bruciarsi. Esempi di questo tipo di piante sono la Sansevieria, il Giglio della Pace e la Zamioculcas. 

Piante da semi ombra 

Le piante da semi ombra provengono solitamente dalle foreste tropicali, dove ricevono la luce filtrata dalle chiome degli alberi e delle piante più alte. Richiedono alti livelli di umidità e molte si arrampicano. Questo può essere un concetto un po' difficile da capire, soprattutto perché viene confuso con l'ombra. Le piante da semi ombra o ombra parziale dovrebbero essere protette dai raggi diretti del sole, ma stare in un luogo ben illuminato. Se sono molto vicine a una finestra, ad esempio, dovresti filtrare il sole almeno con una tenda. Uno spazio ben illuminato, ma situato a nord che riceve poca luce alla fine del pomeriggio sarebbe perfetto per questo tipo di piante. Esempi di piante da semi ombra sono la Calathea, la Monstera, le felci, la Dracena, le succulente, tra le altre piante tropicali da interno. 

Condividilo con tutti!
Informazioni sull'autore
Ame Rodríguez

Dedicato alla creazione di un esercito di cactus, piante grasse, barboncini e gatti per aiutarmi a conquistare il mondo. In quel poco tempo libero che ho suono, scrivo e ballo.

Ricevi la tua pianta a domicilio 🕊

5€ di Sconto

sul tuo primo acquisto
Iscriviti e unisciti al Club!

#LoveBeGreen


Accetto le condizioni d'uso e l' informativa sulla privacy..