quanta acqua devo usare per innaffiare le mie piante?

Se vi sentite come un serial killer di piante, è arrivato il momento di intraprendere il processo di riabilitazione e noi siamo qui per aiutarvi. La prima cosa da tenere a mente per uscire dal triste circolo vizioso della morte delle piante è che l'errore numero uno, il grande nemico di ogni pianta e del giardiniere dilettante, è uno solo: l'acqua. L'irrigazione è uno dei primi ostacoli che un nuovo arrivato nel mondo delle piante incontra, e sembra che si debba avere un dottorato in qualche scienza arcana e occulta per decifrare quando e come innaffiare. Non c'è niente di più sbagliato: imparare a conoscere la quantità d'acqua con cui innaffiare le piante sarà molto semplice dopo aver letto i nostri consigli.

Perché innaffiare le piante

Bando ai luoghi comuni: l'acqua è effettivamente essenziale per tutti gli esseri viventi, ma il suo rapporto con le piante va oltre la semplice necessità.

Il ruolo dell'acqua nei processi biologici delle piante è più evidente che in altri esseri viventi e questo avviene per ragioni piuttosto semplici: la struttura cellulare delle piante e le proprietà dell'acqua.

Ricordiamo un po' le nostre lezioni di biologia alle superiori per capire l'importanza di annaffiare bene le piante.

L'acqua è un solvente universale, il che significa che può legarsi a molte sostanze. Questo perché le molecole d'acqua sono polari. Una parte è positiva, mentre l'altra è negativa; questo le permette di legarsi ad altre molecole polari come i carboidrati e i sali minerali, che sono le sostanze principali per la nutrizione delle piante. L'acqua ha anche un'elevata capacità di calore e di vaporizzazione, che consente di dissipare facilmente l'energia della pianta. Ciò consente alle piante di adattarsi meglio alle variazioni di temperatura.

D'altra parte, avrete notato che le piante possono stare in piedi e in altezza anche quando non hanno una struttura interna (come le ossa) che permetta loro di farlo. Questo avviene grazie alla parete cellulare. Si tratta di una struttura che circonda la membrana cellulare, dandole struttura e forma. Gli esseri viventi, come i mammiferi, hanno una membrana cellulare leggermente diversa, in cui è presente il colesterolo, che ne garantisce la stabilità. Nelle piante, è la parete cellulare a mantenere la forma e la rigidità delle cellule, a patto che non si secchi. Per questo motivo le piante hanno bisogno di un flusso d'acqua costante, che reintegri rapidamente l'acqua che utilizzano per mantenere i loro processi.

L'acqua può anche aderire facilmente a molte superfici, quindi all'interno della pianta aderisce al tessuto vascolare, trasportando liquidi e sostanze nutritive a tutte le cellule.

Il problema è che le piante perdono molta acqua attraverso la traspirazione, necessaria per regolare la loro temperatura e per catturare l'anidride carbonica per la fotosintesi, quindi è necessario mantenere i livelli di irrigazione ottimali affinché possano continuare a stare in piedi e a svolgere i loro processi metabolici e fotosintetici.

Come sapere quanta acqua innaffiare

Mi piacerebbe potervi dare una tabella che dica qualcosa come "Le calathee vanno annaffiate il martedì e il giovedì, alle 17, con 2 litri d'acqua", una ricetta precisa come una torta al cioccolato. Questo renderebbe tutto così semplice da non avere persone che uccidono piante a destra e a manca, ma la verità è che non esistono linee guida universali per la quantità d'acqua da utilizzare per ogni tipo di pianta. Ma come ho detto all'inizio, non c'è nessun mistero in tutto questo, bisogna solo tenere conto di alcuni fattori che determineranno la quantità e la frequenza delle annaffiature. Esaminiamoli uno per uno:

Innaffiatoio in Acciaio
19,00 €
Irrigazione di precisione
Acquista
Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista

Dimensioni dell'impianto

Innaffiare un piccolo albero di limoni non è la stessa cosa che innaffiare una mini succulenta. Le dimensioni della pianta indicano la grandezza dell'apparato radicale, che richiederà una certa quantità d'acqua in base alle sue dimensioni. Questo è anche il motivo per cui ogni pianta dovrebbe essere in un vaso della giusta dimensione, perché se le piccole radici sono in un vaso troppo grande, sarà più facile innaffiarle e uccidere la pianta. Se è vero il contrario, ovvero radici grandi in un vaso piccolo, le radici non avranno modo di assorbire l'acqua sufficiente per sostenere la pianta.

Illuminazione

Una pianta in pieno sole avrà bisogno di annaffiature più frequenti e abbondanti rispetto a una pianta in penombra. Questo perché la luce diretta del sole fa evaporare l'acqua prima ancora che raggiunga le radici. Le piante in pieno sole possono trarre beneficio dall'uso di un po' di pacciamatura alla base, intorno al tronco, in quanto rallenta l'evaporazione dell'acqua e permette alle piante di assorbirla meglio. Se la pianta è all'ombra o in penombra, è meglio controllare il livello di umidità del substrato prima di annaffiare.

Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista
Sensore di irrigazione M
12,00 € 9,60 €
Evita l'irrigazione eccessiva
Acquista

Temperatura ambiente

Così come le persone hanno bisogno di un po' più di acqua nelle giornate più calde, anche le piante hanno bisogno di un po' più di acqua nei mesi più caldi, come l'estate e la primavera. Le temperature più alte fanno evaporare rapidamente l'acqua, mentre se fa freddo è necessario distanziare maggiormente le innaffiature. D'altra parte, durante l'inverno la maggior parte delle piante entra in dormienza, quindi non richiede molta acqua.

Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista
Nebulizzatore Grecia
14,00 €
Migliora i livelli di umidità
Acquista

Substrato

La miscela del substrato può rendere più veloce il drenaggio dell'acqua o il contrario. Potete fare una prova: aprite un piccolo foro nel terreno o nel vaso. Riempitelo d'acqua e cronometrate il tempo necessario per assorbire o scaricare l'acqua. Se richiede meno di 4 minuti, è adatto alla maggior parte delle piante. Se la durata è compresa tra 5 e 10 minuti, è perfetta per quasi tutte le piante. Se la durata è compresa tra 15 minuti e un'ora, non è adatta alle piante che richiedono un buon drenaggio (come le piante grasse e i cactus), ma se la durata è superiore a un'ora, tutte le piante si inzupperanno d'acqua e moriranno, ad eccezione delle piante palustri.

Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista

Determinare quanto e come irrigare

Lungi da ciò che si potrebbe pensare, le piante d'appartamento non hanno bisogno di litri d'acqua. Infatti, una ricerca condotta sulle begonie presso l'Università della Georgia ha rilevato che una piccola pianta può avere bisogno di appena 2 cucchiai d'acqua al giorno. Questo non significa che andrete in giro con un cucchiaino ad innaffiare le piante, ma non significa nemmeno che dobbiate esagerare con le quantità.

Il primo passo è conoscere la pianta. Nelle guide che forniamo con ogni pianta troverete le istruzioni di base sulle esigenze di irrigazione di quella specie, se ama avere un substrato umido o se è meglio lasciarlo asciugare. Questo è fondamentale, perché ogni specie ha esigenze diverse, ad esempio un cactus richiede un'annaffiatura meno frequente di un basilico.

Una volta chiarito questo aspetto, è possibile utilizzare il trucco della pesatura della pentola. Se avete una bilancia da cucina, potete usarla o semplicemente sollevare la pentola con la mano. L'idea è di notare la differenza di peso tra la pianta asciutta e quella dopo averla annaffiata molto bene, lasciandola drenare. Con il tempo saprete se è il caso di annaffiare semplicemente sollevando il vaso. Un'altra semplice regola è quella di lasciare asciugare lo strato superiore del terreno prima di annaffiare.

Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista
Innaffiatoio Capri
19,00 €
Innaffiatura di precisione
Acquista

La quantità di acqua è relativa, perché dipende dalle variabili di cui abbiamo parlato sopra. Assicuratevi di bagnare il substrato in modo uniforme, lasciando che un po' d'acqua si accumuli in superficie e poi dreni bene attraverso i fori del vaso. Evitare di innaffiare solo le foglie o dall'alto, dirigere il getto d'acqua verso il substrato e le radici, perché se si innaffia solo dall'alto, l'acqua evapora senza raggiungere il substrato.

Se la pianta è troppo secca, probabilmente sarà difficile per il substrato assorbire l'acqua, quindi l'ideale è integrare l'irrigazione con un'irrigazione a immersione. A questo scopo, riempite d'acqua un recipiente di diametro superiore a quello della pentola e immergete la pentola quasi fino al bordo. Questa tecnica è ideale per le piante grasse e per le piante con fogliame spesso, che sono difficili da innaffiare dall'alto. Un altro vantaggio è che la pianta assorbe solo ciò di cui ha bisogno. Ricordate di lasciarlo scolare molto bene, senza sottovaso, in modo che possa eliminare l'acqua in eccesso senza intaccare le radici.

avete ancora problemi di irrigazione? Non preoccupatevi, la tecnologia serve proprio a questo: ci sono sensori di umidità che vi diranno quando la vostra pianta ha sete. Ricordate che è molto più facile recuperare una pianta poco annaffiata che una troppo annaffiata, quindi non esagerate con le quantità e la frequenza. Imparate a conoscere la vostra pianta, poi potrete impostare le vostre routine di irrigazione con fiducia e veder crescere e prosperare le vostre piante.

Condividilo con tutti!
Informazioni sull'autore
Ame Rodríguez

Dedicato alla creazione di un esercito di cactus, piante grasse, barboncini e gatti per aiutarmi a conquistare il mondo. In quel poco tempo libero che ho suono, scrivo e ballo.

5€ di Sconto

sul tuo primo acquisto
Iscriviti e unisciti al Club!

#LoveBeGreen


Accetto le condizioni d'uso e l' informativa sulla privacy..