Per principianti: piante che hanno bisogno di poca acqua

Innaffiare o non innaffiare, questo è il dilemma

La quantità d'acqua di cui una pianta ha bisogno è determinata dalla sua posizione e dalle condizioni climatiche, ma ancora di più dalla sua specie, che avrà sviluppato certe caratteristiche per garantire la sua sopravvivenza in ambienti estremi. Da questo punto di vista troveremo piante che sopportano molto sole e calore, poiché provengono da ambienti aridi come i deserti. 

All'interno di questo gruppo ci sono le succulente e i cactus, che si sono evoluti in modo da immagazzinare acqua nelle loro foglie carnose, che sono anche piccole e appuntite per ridurre la perdita di acqua. Ma le xerofite non sono l'unica opzione quando si cercano piante e alberi che hanno bisogno di poca acqua. Ci sono piante tropicali che provengono da ambienti umidi, ma affrontano prolungati periodi di siccità e hanno imparato a sopravvivere senza acqua. 

Tutte le piante di questa lista sono facili da curare, non richiedono annaffiature frequenti e preferiscono terreni ben drenati. Infatti, con questo tipo di piante (e con quasi tutte le piante) è meglio dimenticarsi di innaffiarle che innaffiarle troppo, perché questo causa il ristagno delle radici che porta al marciume radicale, uccidendo la pianta. È molto più facile recuperare una pianta secca che una che è stata innaffiata troppo. 

Le 5 piante che puoi dimenticare di innaffiare
  • Aspidistra

Questa pianta d'appartamento si distingue per il tipo di macchie e di linee sulle sue foglie. È molto durevole, al punto di essere in grado di resistere a condizioni ambientali estreme (compreso un proprietario che si dimentica che l'annaffiatoio esiste). Deve essere posta all'ombra e annaffiata quando il substrato si asciuga, anche se può sopportare lunghi periodi senza acqua. Si raccomanda di pulire la polvere dalle foglie di tanto in tanto, in modo che si sviluppino meglio. 

  • Palma Kentia

La palma Kentia o Kentia palm è una pianta versatile che si adatta alla vita all'aperto o al chiuso. La pianta kentia crescerà tanto quanto lo permetterà l'ambiente in cui vive, quindi è un elemento decorativo che migliora notevolmente l'arredo. Le semplici cure richieste dalla kentia la rende perfetta per le persone smemorate.  

Se ti stai chiedendo come prenderti cura di una kentia, è molto semplice: dovrebbero essere messe all'ombra o alla penombra, soprattutto se sono molto giovani. Il substrato deve essere ricco di materia organica e ben drenato, perché la pianta di kentia non tollera l'acqua in eccesso. Deve essere annaffiata al massimo una volta alla settimana in estate e una o due volte al mese in inverno. 

  • Tronchetto della felicità 

La popolare dracaena fragrans è conosciuta con molti nomi, tra i quali tronchetto della felicità, corn plant, ecc... è una pianta che funziona per interni ed esterni. Si distingue per il lungo tronco, che termina in due o più steli con foglie verdi e frondose. La sua cura è molto semplice, poiché ha bisogno di annaffiature molto distanziate e di un substrato normale. 

Questa pianta, considerata tra quelle che richiedono poca acqua, è in grado di purificare l'aria, poiché elimina piccole quantità di tossine come la formaldeide, lo xilene e il toluene. 

  • Albero di Giada

Popolare, facile da curare e facile da propagare, l'albero di Giada è una delle succulente più conosciute in tutto il mondo. Si dice che la giada sia una pianta portafortuna, che attira ricchezza e prosperità nella casa in cui viene coltivata. Punti a favore? È quasi indistruttibile, può vivere per lunghi periodi senza annaffiature e fa parte del gruppo di piante che purificano l'aria. 

Ricordati che, come tutte le succulente, deve avere un substrato friabile, con un buon drenaggio, per evitare la putrefazione. Rimuovi sempre l'acqua in eccesso dal sottovaso dopo l'innaffiatura. In termini di condizioni di luce, tollera meglio le condizioni di penombra. Come fatto curioso, gli alberi di giada hanno proprietà antinfiammatorie e battericide.

  • Spina di Cristo

L'Euphorbia Milii o spina di Cristo è un arbusto spinoso con foglie verdi che fiorisce tutto l'anno. È una di quelle piante che ha bisogno di poca acqua e molto sole, e se si vuole che fiorisca al massimo, è meglio che riceva luce di forma indiretta. Il suo substrato deve essere friabile, con un buon drenaggio in modo che l'acqua non si accumuli. 

È così forte che non ha bisogno di fertilizzanti. È in grado di sopravvivere nelle condizioni più estreme, sia che sia piantata in terra o in un vaso. È anche molto resistente ai parassiti e alle malattie. Se sei uno di quelli che afferma che tutte le piante che coltivano muoiono, questo potrebbe fare al tuo caso.

Condividilo con tutti!
Informazioni sull'autore
Ame Rodríguez

Dedicato alla creazione di un esercito di cactus, piante grasse, barboncini e gatti per aiutarmi a conquistare il mondo. In quel poco tempo libero che ho suono, scrivo e ballo.

Ricevi la tua pianta a domicilio 🕊

5€ di Sconto

sul tuo primo acquisto
Iscriviti e unisciti al Club!

#LoveBeGreen


Accetto le condizioni d'uso e l' informativa sulla privacy..