Tipi di substrato vegetale

Così come gli esseri umani hanno esigenze nutrizionali diverse, che possono essere condizionate dall'età, dal sesso, dalle condizioni fisiche e altro, anche le piante hanno esigenze diverse per quanto riguarda il loro substrato. Non tutte le piante sono adatte allo stesso tipo di terreno, ad esempio un substrato che trattiene l'umidità, perfetto per una pianta tropicale, potrebbe essere letale per una succulenta. Sembra complicato, ma vi spiegheremo tutto nei dettagli in modo che possiate diventare esperti.

Tipi di substrato

Il substrato non è altro che il mezzo solido che sostiene la pianta, da cui prenderà parte delle sostanze nutritive e dell'umidità di cui ha bisogno per produrre il proprio nutrimento. I substrati possono essere classificati in base alle loro proprietà e alla loro composizione. Da queste proprietà possiamo definire quale tipo di substrato è adatto a quale tipo di pianta. In base alle loro proprietà, i substrati possono essere organici e minerali o inorganici.

Substrati organici:

Sono di origine naturale, prodotti dalla decomposizione biologica, come la torba. Possono anche essere sottoprodotti di alcuni alimenti, come la lolla di riso, la paglia di cereali, le fibre di cocco, la corteccia degli alberi e la segatura o i trucioli di legno.

Substrati minerali o inorganici:

Sono di origine naturale, ma si ottengono da rocce e minerali. Spesso vengono sottoposti a semplici trattamenti di trasformazione, senza alterarne le qualità. Non sono biodegradabili, cioè non si degradano nel tempo. Ne sono un esempio la ghiaia, la sabbia e il terreno vulcanico. È possibile trovare anche minerali trattati, come perlite, vermiculite, argilla espansa e lana di roccia. Esistono anche sottoprodotti industriali, come scorie di forno e carbone.

Caratteristiche dei substrati più diffusi

Ghiaia vulcanica: come suggerisce il nome, è di origine vulcanica. Sono ricchi di allumina, silice e ossido di ferro e possono contenere anche calcio, magnesio e fosforo. Il suo pH è piuttosto acido, ha una buona aerazione ed è molto stabile. Trattiene poca acqua. Ce ne sono alcune molto specifiche, come la kanuma e la kiryuzuna, che provengono dal Giappone e sono eccellenti per i bonsai.

Pacciamatura o terra nera: è composta da materiali di origine vegetale. È il substrato naturale che di solito troviamo nei giardini. A seconda della sua composizione, avrà un aspetto più nero o più marrone. Trattiene molto bene l'umidità e ha un buon contenuto di sostanze nutritive. Sebbene sia adatto a un buon numero di piante, è molto probabile che a un certo punto debba essere adattato in modo che possano svilupparsi meglio.

Torba: è uno dei substrati più diffusi. Si forma da detriti vegetali provenienti da luoghi paludosi. Esiste la torba nera, che ha un PH acido, compreso tra 7,5 e 8. La torba bionda è più leggera e ha un PH più alcalino, compreso tra 3 e 4.

Sabbia: la più consigliata è la sabbia di fiume. Ha una media ritenzione idrica e, sebbene abbia una buona aerazione, può compattarsi nel tempo. Viene utilizzato per evitare l'accumulo di acqua e per migliorare il drenaggio.

Fibra di cocco: migliora l'aerazione del substrato, migliora la ritenzione dell'umidità e previene la comparsa di funghi.

Vermiculite: è un minerale che si disidrata quando viene riscaldato. Assorbe molto bene l'umidità.

Perlite: un vetro vulcanico che assorbe molto bene l'acqua. Ha l'aspetto di ciottoli bianchi ed è molto poroso.

Substrato
14,00 €
Perfetto per qualsiasi pianta
Acquista
Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista

quale substrato devo utilizzare?

Il tipo di substrato dipende dal tipo di pianta acquistata. Ad esempio, azalee, ortensie, camelie, gardenie e altre richiedono un substrato con un pH più acido, quindi il substrato deve contenere materiali porosi con un certo grado di umidità. Può contenere, ad esempio, akadama e torba nera.

Le palme sono bellissime e possono essere coltivate in casa. Una miscela di terriccio e perlite sarebbe molto adatta. È consigliabile mettere della ghiaia sul fondo per facilitare il drenaggio. Per le piante tropicali, è necessario cercare un substrato con un pH equilibrato, ma con materiali che aiutino a trattenere l'umidità senza causare ristagni d'acqua. Una miscela che può funzionare è costituita da torba, corteccia di pino, mallo di riso e perlite.

Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista
Palma della Fortuna
39,00 €
Resistente per interni
Acquista

Le succulente e i cactus hanno bisogno di un drenaggio efficiente, per evitare che le radici si intasino d'acqua e marciscano. Potete mescolare il terriccio tradizionale con perlite, sabbia di fiume e mettere sempre uno strato di ghiaia sul fondo del vaso. Le piante da fiore e da frutto non richiedono una preparazione eccessiva, per cui una miscela di torba nera, perlite e un po' di pacciamatura andrà benissimo.

Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista
Carassula ovata
27,00 €
Splendida e Resistente
Acquista
Pianta del Serpente
27,00 €
Una bomba d'ossigeno
Acquista

Conoscere i tipi di substrato è importante, ma non c'è da preoccuparsi troppo perché è possibile trovare in commercio miscele specifiche già preparate per ogni tipo di pianta.

Se avete acquistato la vostra pianta da un'azienda affidabile, come Be Green, potete essere certi che la vostra nuova pianta si trovi nel miglior substrato possibile per la sua specie e, quando dovrete trapiantarla, potremo aiutarvi a trovare la miscela ideale.
Condividilo con tutti!
Informazioni sull'autore
Ame Rodríguez

Dedicato alla creazione di un esercito di cactus, piante grasse, barboncini e gatti per aiutarmi a conquistare il mondo. In quel poco tempo libero che ho suono, scrivo e ballo.

5€ di Sconto

sul tuo primo acquisto
Iscriviti e unisciti al Club!

#LoveBeGreen


Accetto le condizioni d'uso e l' informativa sulla privacy..