Qual è la temperatura ideale a seconda delle piante

Una pianta richiede la combinazione di vari fattori per svilupparsi in maniera ottimale. I livelli di luce, l'anidride carbonica nell'ambiente, l'umidità presente nell'aria, oltre all'acqua e la quantità di sostanze nutritive nel substrato, tra gli altri, devono raggiungere un particolare equilibrio che si adatti alle particolari esigenze di ogni specie e che riproduca in gran parte le caratteristiche del luogo di origine della pianta. La produttività e il successo nella sopravvivenza delle tue piante dipendono proprio da questo. Ma c'è un elemento che spesso trascuriamo: la temperatura. 

Se fa freddo o caldo, se è estate, inverno o primavera. Tutti questi cambiamenti ambientali sono percepiti dalle piante, che si adattano, influenzando il loro aspetto e le prestazioni. Mentre questo è molto più evidente nelle piante da frutto, anche nelle piante da interno e nelle piante di fogliame possiamo vedere dei cambiamenti. Non tutte le piante rispondono allo stesso modo alle temperature, questo dipende dalla loro origine e specie, quindi spiegheremo nel dettaglio l'importanza della temperatura per le piante, come influisce sul loro benessere e anche qual è la temperatura ideale per loro. 

L'importanza della temperatura 

Quando fa molto freddo o molto caldo, uomini e animali hanno l'istinto e la possibilità di proteggersi, cercando l'ombra, rinfrescandosi con l'acqua o cercando riparo. Le piante non possono farlo, sono esseri statici. Questo le rende un po' più vulnerabili ai cambiamenti improvvisi ai quali non sono adatte e in una certa misura le rende un po' più dipendenti da noi. Ma non pensare che siano completamente passive di fronte a questi cambiamenti ambientali. 

La questione della temperatura non è affatto banale, in quanto le piante si sviluppano seguendo il loro orologio circadiano: un controllo biologico interno che permette loro di regolare i propri processi vitali fisiologici in modo che avvengano in particolari momenti della giornata e a seconda delle stagioni. Ogni specie ha un suo ritmo, un suo orologio, per adattare la pianta alle caratteristiche climatiche del suo ambiente. Le specie tipiche di una regione non hanno alcun problema né richiedono un aiuto extra per compiere i loro cicli vitali perché sono preparate a sopportare le variazioni di temperatura della loro regione, ma se la togli da questo spazio e le porti in un altro, avranno problemi. In effetti, questo è un grande dilemma con il riscaldamento globale, poiché gli sbalzi di temperatura stanno influenzando negativamente le specie autoctone.

Questo orologio biologico è il motivo per cui ogni specie di pianta ha particolari requisiti di temperatura. Ad esempio, un Prunus Serrulata o Ciliegio Giapponese può resistere a temperature comprese tra -18°C e 45°C in quanto sono le temperature tipiche delle stagioni nel suo paese di origine. Ma un albero di mango deve vivere in un clima tropicale di circa 20°C o più, poiché è originario dell'India e quella è la temperatura minima in quelle regioni. Se porto un ciliegio giapponese in un paese tropicale c'è una piccola possibilità che sopravviva (sarebbe un miracolo), ma non darà frutti né fiori perché l'albero ha bisogno di passare l'inverno per compiere questi processi. 

Temperatura ambientale vs temperatura della pianta 

La temperatura ambientale è un fattore determinante per lo sviluppo di alcuni processi biologici della pianta, in quanto ti permetterà di determinare in che stagione si trova e se è il momento ideale per farlo. Molti processi sono accelerati dalle alte temperature che fanno sapere alla pianta che è estate e/o primavera e che è tempo di crescere o produrre frutti, ad esempio. In queste stagioni, infatti, avviene la perfetta congiunzione dei fattori ambientali che renderà la produzione dei frutti più facile e ottimale per l'albero. 

La temperatura della pianta è un fattore diverso e, sebbene venga confusa con la temperatura ambientale, queste non sono necessariamente uguali. Le piante sono esseri viventi, quindi hanno determinati strumenti che consentono loro di regolare la propria temperatura. Se la temperatura esterna è troppo alta, può freddarsi per evaporazione e se è troppo bassa, può riscaldarsi per radiazione. Come gli esseri umani, le piante hanno una temperatura personale ottimale. Nell'uomo è di circa 37°C, mentre molti alberi e piante hanno una temperatura interna di circa 21°C, come indicato da uno studio dell'Università della Pennsylvania. Questo non varia, indipendentemente dalla temperatura esterna o dalla specie dell'albero. 

In condizioni calde, le foglie degli alberi rilasciano acqua, che si raffredda evaporando dalla superficie. È un processo molto simile al sudore degli esseri umani. Anche le piante possono muovere le foglie agli angoli che gli consentono una minore esposizione ai raggi del sole. Nei climi più freddi, gli alberi tendono a chiudere le foglie, evitando di perdere calore. Questi processi gli permetteranno di raggiungere quella temperatura perfetta di 21°C, ideale per la fotosintesi e altre funzioni necessarie per la loro sopravvivenza. 

Tuttavia, ogni parte della pianta ha una temperatura diversa perché è legata all'ambiente in modo diverso. In questo modo i frutti di un albero hanno una temperatura molto simile a quella dell'ambiente, ma non oscilleranno con la stessa rapidità. I fiori hanno una temperatura più alta, perché i petali non traspirano così rapidamente ed efficacemente come le foglie. Le foglie della pianta possono anche avere temperature diverse poiché la parte inferiore sarà un po' più fresca della parte superiore, che riceve più luce solare. Questo rende la regolazione della temperatura interna della pianta un processo complesso, che sarà influenzato dalla temperatura esterna.

Affinché una pianta raggiunga questa temperatura interna perfetta, deve esserci un corretto rapporto tra temperatura ambientale, luce e umidità. Se c'è troppo sole, la pianta si surriscalda e dovrà investire più risorse per potersi autoregolare. Il metabolismo della pianta è accelerato, richiedendo più acqua e più nutrienti minerali. Se queste temperature elevate vengono mantenute, le piante con frutti accelereranno la loro produzione e influenzeranno il loro rendimento. 

Come conoscere la temperatura ambientale ideale per le piante 

Sebbene le diverse specie di piante abbiano esigenze diverse a seconda della loro origine, dovresti sapere che la temperatura dovrebbe oscillare durante il giorno e la notte perché ci sono processi che si verificano durante determinate ore del giorno. Ad esempio, il trasporto degli zuccheri avviene di notte e si dirige verso le parti più calde della pianta, per favorire la crescita e lo sviluppo. Questo non accade per caso, bensì avviene grazie al fatto che le piante hanno la capacità di percepire le variazioni di temperatura durante il giorno. Questo processo è chiamato termoperiodismo ed è responsabile della crescita, della fioritura e dello sviluppo della pianta. 

Gli esperti sono in grado di utilizzare questa capacità per controllare la crescita delle piante, causando determinate caratteristiche morfologiche. Ad esempio, è noto che se si combinano temperature elevate di giorno e temperature basse di notte, viene stimolata la crescita dello stelo. Senza allontanarci troppo, questo è il principio delle serre che ci permettono di avere la produzione di alimenti durante tutto l'anno, indipendentemente dalla stagione o dalla località, poiché queste condizioni sono simulate artificialmente. 

Detto questo, la temperatura ideale per le piante dovrebbe essere il più vicino possibile a quella del loro luogo di origine. Non esiste una temperatura perfetta, infatti deve variare in modo naturale per stimolare la pianta a compiere determinati processi vitali. Ciò che deve essere rispettato è il livello di ogni tipo di pianta. Ci sono specie più rustiche che si adatteranno facilmente a quasi tutti i climi. Ce ne sono infatti alcune che si comportano come piante decidue in luoghi con stagioni ben differenziate, ma come piante perenni in condizioni tropicali. 

Temperatura perfetta per le piante da interno 

La stragrande maggioranza delle piante che utilizziamo per la decorazione d'interni sono di origine tropicale o mediterranea, quindi saranno felici in ambienti la cui temperatura varia tra 15 e 24 ° C. La buona notizia è che gli esseri umani hanno bisogno di vivere in un ambiente con una temperatura più o meno stabile, che di solito oscilla all'interno di quei valori grazie a meraviglie tecnologiche come l'aria condizionata e il riscaldamento. 

Le piante da appartamento possono anche richiedere una moderata quantità di luce, poiché sono da semi ombra, anche se alcune specie necessitano spesso di alti livelli di umidità. Questi sono aspetti di cui devi occuparti affinché la pianta possa rispettare tutti i suoi processi. È inutile creare un ambiente caldo se c'è poca umidità, ad esempio, perché questo impedirebbe alla pianta di traspirare o crescere. Mantenere una pianta è quasi come avere un'orchestra che suona una canzone, poiché tutti gli strumenti devono integrarsi in armonia. Nel caso ti stia chiedendo se le tue piante si trovano in un ambiente con la temperatura corretta, presta attenzione e cerca questi segnali. 

Segnali che ci dicono che la temperatura è sbagliata 

- Non c'è crescita o sviluppo della pianta.

- I fiori appassiscono troppo velocemente. Questo è un segno che fa troppo caldo.

- Le foglie della pianta appaiono cadenti o diventano giallastre. Questo può accadere perché la temperatura è molto fredda o perché ha ricevuto correnti d'aria fredde.

- Le foglie che si trovano nella parte inferiore dello stelo cadono, mentre le altre sembrano appassite e/o hanno bordi marroni. Questo può accadere perché la temperatura è troppo alta.

- Foglie e substrato secchi. Questo potrebbe essere dovuto al fatto che fa troppo caldo e la pianta ha iniziato a seccarsi. 

Aspetti che influenzano la temperatura delle piante da interno

Anche se non puoi controllare il clima, puoi migliorare le condizioni in cui le tue piante vivono in casa. Sono piccoli dettagli che possono fare una grande differenza nella vita della tua pianta, soprattutto se li unisci con l'equilibrio di altri elementi come umidità, luce e irrigazione.

Riscaldamento e aria condizionata

Il problema del riscaldamento e dell'aria condizionata non è la temperatura, ma che tendono a seccare troppo l'aria e privare le piante di umidità. Per questo motivo, dovresti posizionare le piante lontano da questi dispositivi e adottare misure che garantiscano alle piante di ricevere l'umidità di cui hanno bisogno. 

Fai attenzione all'irrigazione

Quando fa molto caldo c'è il rischio o di voler annaffiare di più per compensare la temperatura o che gli schemi di irrigazione non siano adeguati alla stagione. Il problema è che all'interno della tua casa non c'è la stessa incidenza dei raggi solari, quindi è molto probabile che quest'acqua in eccesso colpisca le radici, creando ristagni o causando marciumi.

Togli le piante dal davanzale della finestra 

Il davanzale è un luogo perfetto per mettere fioriere e vasi, perché ricevono molta luce e molto calore in primavera e in estate. Ma se ti trovi in un luogo con stagioni ben marcate, dovresti rimuovere le piante da lì in inverno poiché il gelo potrebbe danneggiarle. Allontanale un po' dalla finestra e staranno bene. 

Evita gli sbalzi di temperatura

La maggior parte delle piante tollera molto bene temperature al di sotto o al di sopra del loro limite ideale, ma il problema si verifica quando questi cambiamenti si verificano improvvisamente. Questo causerà uno shock termico alla pianta. Non vale solo per le gelate e simili, ma per le piante giovani che sono cresciute in semi ombra e che verranno spostate in pieno sole o all'aperto. È meglio farle abituare lentamente. 

Fai attenzione alle correnti d'aria 

È possibile che le tue piante siano felici e protette in casa, ma è sufficiente che si trovino in un luogo dove ci sono correnti d'aria (vicino alla finestra o alla porta, per esempio) affinché inizino ad avere problemi come perdita di foglie e avvizzimento. Tienile lontane da questi luoghi e controlla che non siano esposte. 

Condividilo con tutti!
Informazioni sull'autore
Ame Rodríguez

Dedicato alla creazione di un esercito di cactus, piante grasse, barboncini e gatti per aiutarmi a conquistare il mondo. In quel poco tempo libero che ho suono, scrivo e ballo.

Ricevi la tua pianta a domicilio 🕊

5€ di Sconto

sul tuo primo acquisto
Iscriviti e unisciti al Club!

#LoveBeGreen


Accetto le condizioni d'uso e l' informativa sulla privacy..