Incenso botanico

Quando sentiamo la parola incenso la nostra mente va subito ai templi e alle chiese, a quel fumo denso dall'aroma così particolare; anche ai Re Magi, che arrivano carichi di doni davanti a Gesù Bambino e gli offrono oro, mirra e incenso. Si potrebbe pensare a quei bastoncini venduti in erboristeria che si bruciano per creare la scena; ma quando parliamo di incenso botanico intendiamo un'umile ma bellissima piantina verde e bianca.

Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista

L'incenso botanico è una di quelle piante dal portamento semplice, ma che non può mancare in nessun giardino o collezione di piante, non solo perché ha un bel colore variegato, ma anche perché emana un profumo delicato che gli è valso il suo soprannome. È facile da curare e diventerà uno dei vostri preferiti grazie alla sua versatilità stilistica, in quanto appare bello in qualsiasi posizione grazie al suo portamento pendente o strisciante.

Fatti e cifre sull'incenso botanico

Il nome scientifico di questa pianta è Plectranthus madagascariensis, noto anche come falso incenso, pianta dell'incenso o plectranto. Il nome deriva dal greco plecton, che significa euforbia, e anthos, che significa fiore. Si riferisce ai suoi fiori, poiché la parte posteriore della corolla presenta una sezione prolungata a forma di sperone.

Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista

L'incenso botanico è una pianta erbacea perenne e ha un portamento strisciante. È originaria dell'India, in particolare della catena montuosa, ma grazie alla sua adattabilità e resistenza è stata introdotta in molte regioni, dall'Asia, all'America e al continente africano. Come pianta d'appartamento è molto popolare, grazie alla delicatezza delle sue foglie, al colore e alla forma, è molto versatile.

I suoi rami possono raggiungere una lunghezza variabile di 50-60 centimetri. Ha foglie piccole e ovali di soli 5-10 cm, variegate tra il verde brillante e il bianco. Spiccano i suoi bordi ondulati e il suo portamento strisciante. Per questo motivo sono bellissime piantate in vasi sospesi. Si distinguono perché quando le loro foglie vengono strofinate, emanano un aroma delizioso, molto simile a quello dell'incenso (che in realtà è una resina proveniente da un albero chiamato Boswellia Sacra). Sono ottime piante sempreverdi che possono essere utilizzate per mantenere vivo il giardino durante l'inverno o come sfondo per le piante da fiore stagionali con fiori vistosi.

Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista

Produce fiori nei mesi estivi, spighe erette con piccoli fiori bianchi o viola molto chiari. Poiché la sua fioritura non ha valore ornamentale, quasi tutti tagliano queste punte per stimolare la crescita delle foglie. La pianta dell'incenso cresce molto velocemente, per cui è possibile piantarne qualche rametto in primavera e vederla crescere, fino a farle uscire dal vaso come un'imponente cascata nel giro di un paio d'anni.

Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista

A causa della sua rapida crescita, l'incenso botanico viene utilizzato come pacciamatura per coprire sezioni di terreno. Non c'è da preoccuparsi se si diffonde troppo rapidamente, perché il suo apparato radicale non è affatto invasivo e non costituisce un problema per le altre piante adiacenti. Infatti, si può collocare al riparo di altre piante, per coprire il substrato in modo esteticamente gradevole e allo stesso tempo sfruttare le sue proprietà aromatiche e repellenti.

Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista
Orchidea Blu
29,00 €
Delicada e purificatrice
Acquista

La pianta dell'incenso arrivò in Spagna grazie ai mercanti arabi, che iniziarono a propagarla e divenne simbolo di fortuna e di energie positive. Si dice che quando sprigiona il suo delizioso aroma è perché stanno per accadere cose buone per la famiglia che vive in quella casa. Inoltre, proprio per il suo profumo, questa pianta agisce come un buon repellente per le zanzare, quindi potete piantarla in vaso in aiuole, terrazzi e giardini, vicino a spazi sociali per tenere lontani questi fastidiosi parassiti durante l'estate.

Come prendersi cura dell'incenso botanico

L'incenso botanico è una piantina molto graziosa e semplice che sta benissimo nei vasi sospesi. Poiché le sue radici non sono invasive, è possibile realizzare composizioni ornamentali in vaso con altre piante e creare composizioni interessanti, sfruttando il suo portamento ricadente o potandola per tenerla bassa. Essendo una pianta tropicale, richiede luce indiretta, temperature calde e annaffiature moderate, oltre a substrati ben drenati. Poiché non vogliamo lasciare nulla al caso per quanto riguarda la sua cura, lo spiegheremo in modo più dettagliato:

  • Irrigazione

La pianta di incenso richiede annaffiature abbondanti e frequenti durante l'estate, ma un po' più discrete nel resto dell'anno. Alcuni innaffiano ogni 2 giorni in estate e riducono a una volta a settimana nelle stagioni più fresche. La cosa più importante è evitare di bagnare la pianta. Per evitare questa situazione è preferibile controllare il substrato prima di annaffiare. Il metodo della bacchetta di legno è ideale e semplice: si inserisce la bacchetta nel substrato, se esce pulita e asciutta è il momento di annaffiare, ma se c'è del terriccio è meglio aspettare un altro giorno. Un altro trucco è quello di sollevare il vaso e sentire il peso dopo aver annaffiato e drenato. Se nei giorni successivi si sente molto più leggero, significa che manca l'acqua.

Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista
Innaffiatoio Amburgo
24,00 € 12,00 €
Per qualsiasi innaffiatura
Acquista

Questa pianta ha un portamento strisciante e tende a distribuirsi su tutta la superficie del vaso, il che può rendere difficile l'annaffiatura perché l'acqua può rimanere sospesa sulle foglie senza toccare il substrato, quindi mi piace annaffiarla per immersione. Basta trovare un contenitore grande che possa contenere il vaso, riempirlo per ¾ d'acqua e immergere il vaso. Lasciatelo per un po', assorbirà tutta l'acqua di cui ha bisogno dal basso. Poi lasciatela scolare molto bene e rimettetela nel suo vaso decorativo, se ne ha uno. Sarete sorpresi dalla quantità di acqua che assorbirà, inoltre sprecherete meno acqua ed eviterete funghi come la muffa.

  • Illuminazione

Si tratta di una pianta di origine tropicale, quindi è necessario collocarla in un luogo ben illuminato e caldo, ma dove non riceva la luce diretta del sole. Si può collocare in casa, vicino alle finestre o a terrazze e balconi, ma protetta in modo che i raggi del sole non brucino le sue foglie. All'esterno sono bellissime sotto le piante alte, perché copriranno il terreno, migliorando la ritenzione di umidità del suolo e migliorando l'estetica dello spazio, mentre le piante alte le proteggeranno dal sole e dai venti forti.

  • Umidità

Proveniente da zone tropicali, la pianta dell'incenso ama vivere in ambienti molto umidi. Se l'avete in casa, potete metterla su un piccolo sottovaso con dei sassolini e un po' d'acqua (senza toccare le radici) che, evaporando, creerà umidità. Potete anche mettere dei bicchierini con dell'acqua in modo che evapori lentamente, anche se sarebbe molto meglio se la metteste in compagnia di altre piante che aiutano a regolare il livello di umidità nella stanza.

Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista
Nebulizzatore di Vetro
9,00 €
Più umidità per le tue piante
Acquista

Se ritenete che l'ambiente sia troppo secco e si ripercuote sulla vostra piantina, che inizia ad avere un aspetto svuotato e triste, con le foglie arricciate verso l'alto, è meglio dotarsi di un umidificatore per ambienti. Rappresentano un piccolissimo investimento (ce ne sono di molto economici) ed è un investimento per il quale anche la vostra pelle e i vostri capelli vi ringrazieranno.

  • Temperatura

Il Plectranthus predilige un clima tropicale, caldo e umido per mantenersi felice e rigoglioso, non tollera affatto il gelo. Le temperature adatte a questa pianta sono comprese tra 15 e 21° C costanti. Se la temperatura sale un po' va bene, può vivere benissimo al caldo purché non riceva il sole diretto, ma se la temperatura scende a 10°C o meno, lo sviluppo della pianta sarà compromesso. Se nella regione in cui vivete gli inverni sono molto rigidi, la cosa migliore da fare è tenere la pianta in casa per evitare qualsiasi disagio.

Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista
Sensore di irrigazione M
12,00 € 9,60 €
Evita l'irrigazione eccessiva
Acquista

  • Substrato

L'incenso botanico si adatta molto bene a qualsiasi tipo di substrato, purché abbia un buon drenaggio. Non è affatto esigente, ma se volete coccolare al massimo la vostra pianta, vi consigliamo di mescolare un po' di substrato universale con un 30% di perlite e un po' di compost, poiché ama i terreni più o meno ricchi di sostanze nutritive. Come sempre, prima di collocare la pianta e il substrato si può mettere sul fondo del vaso uno strato di ciottoli, argilla espansa o altro materiale, per ottimizzare ulteriormente il drenaggio ed evitare ristagni d'acqua.

Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista

Poiché le sue esigenze nutrizionali sono piuttosto semplici, non è necessario rinnovare frequentemente il substrato e si deve trapiantare solo se si vuole che continui a crescere e ad espandersi; poiché le sue radici sono piuttosto discrete, non hanno bisogno di molto spazio e riusciranno a rimanere a lungo nel loro vaso. Infatti, lasciarlo in vaso una volta raggiunte le dimensioni desiderate è un modo per tenerlo sotto controllo.

  • Fertilizzante

La pianta di incenso richiede un po' di concime e nutrimento per crescere bella e rigogliosa come una cascata bicolore, ma non esagerate con le quantità. È meglio utilizzare fertilizzanti organici come il guano o il compost per concimare durante i mesi primaverili ed estivi. Se preferite usare fertilizzanti minerali, potete applicarli nell'acqua ogni due settimane. In ogni caso, è importante leggere attentamente le istruzioni del produttore per non esagerare con le dosi e la frequenza di fertilizzazione.

Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista

  • Potatura

È necessario potare la pianta di incenso perché, in caso contrario, gli steli si allungheranno troppo e perderanno quell'aspetto pieno che le foglie conferiscono quando crescono vicine. Rimuovete costantemente i fiori e le foglie appassite, per prevenire insetti e funghi, ma le potature più importanti devono essere effettuate in primavera. Non abbiate paura, prendete le forbici, disinfettatele bene e mettetevi al lavoro.

Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista
Kit Cura Piante
24,00 €
Tutto in uno!
Acquista

Non esagerate, non dovete renderlo calvo. Basta tagliare qualche centimetro dai rami per dargli forma. Se è troppo lungo, potete tagliare circa la metà di ogni ramo. Effettuare ogni taglio in diagonale, vicino ai nodi di crescita, in modo che le foglie continuino a crescere. E non buttate via le talee, perché sono quelle che potete usare per la propagazione.

  • Moltiplicazione

Un aspetto positivo della pianta di incenso è che è molto facile da propagare per talea. Conservare le talee dopo la potatura. Scegliete i pezzi che hanno un gambo leggermente più robusto e sono lunghi da 5 a 7 centimetri. Dovrebbero avere gemme per la crescita di nuove foglie. È sufficiente immergerle per metà in un contenitore d'acqua per diversi giorni in un luogo luminoso ma semi-ombreggiato. Dopo qualche settimana si vedranno nuove radici e si potranno piantare le piantine in un vaso con del terriccio.

Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista

Alcuni tendono a sostituire le piante ogni 2 o 3 anni, soprattutto se sono piantate all'aperto, perché i fusti tendono ad allungarsi e le foglie spuntano più che altro sulle punte, dando un aspetto poco aggraziato. Si tratta di una decisione personale e se si pota la pianta frequentemente, si può evitare che ciò accada.

  • Parassiti e malattie

Le piante di incenso sono abbastanza resistenti ai parassiti, ma non sono completamente immuni. È importante controllarli di tanto in tanto perché ci sono insetti opportunisti che si nascondono nel fitto fogliame della pianta. Alcuni di questi insetti sono le lumache e le limacce, che si possono evitare e combattere utilizzando gusci d'uovo secchi e schiacciati e cenere. Anche le fastidiose cocciniglie possono fare il nido nella pianta d'incenso e contro di loro si può usare il sapone di potassio o l'olio di neem.

Costola di Adamo
49,00 € 39,20 €
Si adatta a qualsiasi ambiente
Acquista

Un altro problema delle piante di incenso è rappresentato da funghi come l'oidio, che si presenta come una polvere bianca sulle foglie. Questo è causato da un'irrigazione eccessiva o quando l'acqua rimane troppo a lungo sulle foglie, quindi è consigliabile annaffiare per immersione o fare molta attenzione a bagnare solo il substrato. Se compare, si possono usare fungicidi ad ampio spettro.

Condividilo con tutti!
Informazioni sull'autore
Ame Rodríguez

Dedicato alla creazione di un esercito di cactus, piante grasse, barboncini e gatti per aiutarmi a conquistare il mondo. In quel poco tempo libero che ho suono, scrivo e ballo.

5€ di Sconto

sul tuo primo acquisto
Iscriviti e unisciti al Club!

#LoveBeGreen


Accetto le condizioni d'uso e l' informativa sulla privacy..